Val Del Prete, l'anima tutta italiana del K-pop
Val Del Prete, l'anima tutta italiana del K-pop
Musica

Val Del Prete, l'anima tutta italiana del K-pop

C'è un po' di Italia anche nell'industria del K-pop. Impossibile, penserete. Come possono due mondi così apparentemente distanti unirsi e, addirittura, fondersi? A svelare il segreto dell'italianità nel mondo della musica coreana è Valeria "Val" Del Prete, topliner e vocal producer che da anni si occupa della scrittura di canzoni (melodia e testo) e delle produzioni vocali di alcuni degli idol più famosi al mondo. Alcuni nomi? Astro, Aespa, Twice, Cravity, Mirae, la lista è davvero lunghissima. Italiana ma residente a Londra, le sue canzoni hanno venduto oltre 3 milioni di dischi in quattro anni. Val, che ha un passato come ricercatrice scientifica e ha un dottorato in neuroscienze, è un talento musicale scoperto in tenera età per puro caso. Una gemma grezza che ha iniziato a splendere nella capitale europea della musica pop nel 2015 e che da allora ha portato l'orgoglio italiano fin oltreoceano, nel lontano oriente.

Panorama.it l'ha intervistata in esclusiva.

Val puoi presentarti e dirci di più su di te e sul tuo lavoro?

«Sono una songwriter e vocal producer che vive a Londra e lavora sul mercato del k-pop. I miei genitori hanno scoperto per caso che sapevo suonare il piano a orecchio quando avevo 3 anni, quindi era chiaro che avevo un talento per la musica. A 6 anni ho scritto la mia prima canzone e a 8 anni ho iniziato a prendere regolarmente lezioni di piano. Da adolescente, cantavo in un gruppo e facevo concerti locali. Tuttavia, a causa di una serie di ragioni, non ho deciso immediatamente di intraprendere una carriera nella musica. Ero un ottimo studente a scuola, in particolare in matematica e scienze, e la mia famiglia ha un background accademico; quindi pensavo fosse uno "spreco" non scegliere una carriera che mi avrebbe assicurato un futuro facile e confortevole finanziariamente».

Così ti sei trasferita a Londra. E la musica ti ha trovata di nuovo.

«La musica sembrava davvero essere "l'opzione più difficile": Non avevo nessun contatto in quel mondo e non ero abbastanza sicuro delle mie capacità per provarci. Così inizialmente ho deciso di prendere una laurea in fisica, e sono arrivata a prendere un dottorato in neuroscienze. A quel tempo, credo che fossi davvero convinta che il mio futuro fosse nella scienza. La scienza, però, mi ha portato a Londra, la capitale europea della musica pop; qui, il mio amore per la musica è emerso di nuovo, più forte che mai, così ho abbandonato la mia carriera nella scienza, ho trovato un lavoro part-time, e ho iniziato a fare musica a casa. Ricordo che la prima volta che ho messo le mani su una tastiera dopo un po' ho pianto, non scherzo. Sapevo di essere abbastanza "ritardataria", soprattutto in un percorso professionale così competitivo e spietato, ma mi sono sentita molto più felice trovando il coraggio di abbracciare la mia vera natura e i miei sogni».

Sei italiana al 100% e lavori nel K-pop. Come è stato il tuo percorso?

«Sono 100% certificata "Romana de Roma"! Visito l'Italia abbastanza spesso per vedere la mia famiglia. Non c'è niente di meglio del gelato italiano e della pizza! Tuttavia, ho sempre amato la lingua inglese e la musica pop internazionale. Quando ho deciso di dedicarmi alla musica, ho iniziato a collaborare con cantautori e produttori a Londra e alcuni di loro stavano lavorando sul mercato asiatico, in particolare Giappone e Corea. Era l'inizio del 2015, più o meno. A quel tempo, il K-pop non era così popolare nel Regno Unito, ma ne sono stata totalmente attratta non appena ho iniziato a lavorare su questo genere».

Cosa hai trovato di così affascinante nel K-pop?

«Come scrittore/produttore, trovo che la struttura di una canzone K-pop sia più varia e quasi sperimentale rispetto al pop inglese/americano; il K-pop lascia molto spazio a produzioni vocali intricate e alla sperimentazione che fonde diversi stili. Mi piace anche il fatto che, quando scrivo, devo tenere conto delle coreografie, incorporando elementi musicali che hanno la loro "controparte visiva" per creare un'esperienza multisensoriale per l'ascoltatore. A volte, quando scrivo una canzone K-pop mi sembra di creare un'intera mini-opera con diverse sezioni intrecciate. È impegnativo, ma molto divertente. Così ho deciso di concentrarmi sullo sviluppo delle mie capacità e della mia rete nel pop asiatico; gradualmente sono entrata in contatto con editori ed etichette discografiche in Corea e Giappone. Ci sono voluti circa 2 anni per i miei primi piazzamenti, e un sacco di tentativi ed errori e duro lavoro, ma nel 2018 ho avuto il mio primo disco di platino».

Sei una scrittrice e produttrice vocale. Puoi descrivere la tua routine quotidiana?

«Generalmente mi sveglio entro le 9-10 del mattino, faccio colazione e inizio a leggere le email che ho ricevuto durante la notte. L'industria musicale è estremamente veloce e un'esperienza 24/7, in particolare quando si lavora su un mercato in un diverso fuso orario e nell'era di internet. Non è insolito che mi svegli con una serie di email che richiedono la mia immediata attenzione: richieste di nuove canzoni urgenti, richieste di modifiche urgenti a canzoni che ho scritto, richieste di nuove collaborazioni. A volte passo un'intera giornata a "lavorare" su queste richieste di canzoni, modifiche ecc. Collaborare con persone in Asia e negli Stati Uniti, che operano con un diverso fuso orario, può significare che posso finire per lavorare fino a tarda notte, o che ho sessioni molto presto la mattina. In una normale giornata "facile" in cui non ci sono richieste specifiche molto urgenti da parte di etichette o editori, passo la mia prima ora a controllare le nuove uscite e ad imparare nuove canzoni, praticando nuove tecniche vocali o progressioni di accordi. Sento che questo studio è necessario per mantenere la mia scrittura al passo con le tendenze attuali. Passo anche molto tempo ad imparare nuovi testi e nuovi concetti. Scrivo per un pubblico giovane, quindi è molto importante che mi tenga in contatto con il modo di pensare dei giovani e con ciò che suscita il loro interesse. A essere onesti, sono anche molto giovane nel cuore, quindi mi piace. Più tardi nella giornata inizio il mio vero lavoro creativo, la scrittura. Posso avere un minimo di 4-5 canzoni su cui sto lavorando contemporaneamente, quindi apro gli arrangiamenti e inizio a lavorare sulle melodie, sui testi e sulla produzione vocale. Lavorare simultaneamente su diverse canzoni mantiene le mie orecchie "fresche" quando riascolto le idee che mi sono venute in mente. Posso continuare a lavorare fino alle 8-10 di sera, ma la maggior parte dei giorni faccio una passeggiata per fare la spesa quotidiana, e 2-3 giorni a settimana vado a correre per un paio d'ore per tenermi in forma».

Hai lavorato con molti artisti, da quelli esordienti come i MIRAE e le Aespa fino a superstar come le TWICE e gli ASTRO. Qual è la sfida principale nel lavorare con gli idol?

«Personalmente, penso che la sfida principale sia quella di riuscire a scrivere una canzone che si adatti perfettamente a ciò che un gruppo idol rappresenta a livello vocale, concettuale, di testi, ecc. Scrivere è in parte ispirazione, in parte mestiere, e, se diversi idol hanno diverse identità artistiche, diversi scrittori hanno anche diversi toni vocali, stili di scrittura ecc. quindi a volte queste due cose non combaciano, e si trova molto difficile scrivere il giusto tipo di materiale. Quando ho iniziato, ero solito "scrivere solo per me stesso dal mio cuore", e scrivevo canzoni che si adattavano solo alla mia voce. Alcuni autori in realtà continuano a fare solo questo e hanno molto successo. Per esempio Bekuh Boom, che scrive quasi esclusivamente per le Blackpink, è assolutamente fenomenale in quello specifico stile, quasi imbattibile, quindi si concentra su quello. Ma io ho scoperto che preferisco non concentrarmi su uno stile specifico, scrivendo invece per diversi idol, un po' come un attore che interpreta diversi ruoli. Scrivere significa anche evasione per me. Amo la sensazione di scrivere un giorno una canzone dark, da cotta per una bella ragazza e un altro giorno un funky bop alla "Jackson 5". È come diventare personaggi diversi e vivere vite diverse. La mia voce non si adatta ad alcuni stili, ma lavoro con altri scrittori e vocalist a seconda della canzone, per coprire più stili possibili. È così che sono passata dallo scrivere il pop dolce come una bubble gum di "Happy happy" per le Twice a scrivere la molto più oscura e sexy "Ultraviolet" per Koda Kumi o "One" per Astro. Ci vuole sforzo per fare questo "switch camaleontico" mentalmente, ma d'altra parte trovo assolutamente eccitante essere in grado di scrivere in così tanti stili trasversali, e conoscere e lavorare per molti idoli diversi».

Hai scritto molte canzoni di successo, come "ONE" degli ASTRO o "Happy happy" dei Twice. Qual è il processo dietro la creazione di un successo come questo?

«Il processo può essere diverso ogni volta, ad essere onesti. Per "ONE", ad esempio, siamo partiti da una semplice idea di una melodia. L'arrangiamento non c'era nemmeno, ma abbiamo costruito la canzone partendo da quel "we come as one", un po' alla volta. Per alcune parti, ho lavorato al piano e alla voce e ho mandato le idee al produttore che poi ha prodotto quelle sezioni. Era letteralmente come mettere insieme un puzzle. Per "Happy happy" il processo è stato più lineare. Un produttore americano, Eric Sanicola, mi ha mandato uno strumentale completo che mi ha ispirato a scrivere la canzone. Una volta scritta la canzone, ho capito che sarebbe stata adatta alle Twice e ho mandato la canzone a Min "Collapsedone" Lee, che è un produttore particolarmente abile ed esperto nel "Twice sound". Ha preso la produzione nelle sue mani e l'ha plasmata per adattarla perfettamente al suono delle Twice. Tuttavia, mentre il processo può essere diverso ogni volta, l'obiettivo è sempre lo stesso: scrivere un innegabile "hit" che la gente ama e vuole ascoltare più e più volte. C'è un mestiere dietro la scrittura di un innegabile successo, ma non c'è una ricetta chiara. Questa è la gioia e il dolore dell'arte».

C'è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?

«Ce ne sono molti! Mi piacerebbe continuare a scrivere per le Aespa. Sono incredibilmente talentuose e hanno un concetto fresco. Sento che potrebbero aprire nuove strade. Mi piacerebbe lavorare con gli NCT, e con gli Enhypen - sono rimasta totalmente impressionata dai loro ultimi album. E naturalmente mi piacerebbe lavorare con i BTS (ammettiamolo, a chi non piacerebbe?). Comunque, la mia collaborazione da sogno sarebbe con Park Jimin nel suo lavoro da solista. Adoro il suo tono vocale, è davvero unico e immediatamente riconoscibile, e mette così tanta emozione nelle sue performance - "vive" davvero la canzone. "Serendipity" e "Promise" sono infatti tra le mie canzoni k-pop preferite (e lo saranno sempre, credo!)».

Puoi darci qualche spoiler sui tuoi prossimi lavori?

«Purtroppo non posso davvero menzionare gli artisti con cui sto lavorando o le prossime uscite, per motivi di riservatezza, ma al momento sto scrivendo materiale molto cool orientato all'hip-hop sia per boy band che per girl band. Questo è tutto quello che posso dire!»

Sei una donna in questa industria travolgente. Ti senti mai oppressa o stressata per questo?

«Questa è una domanda interessante perché anche la scienza è un campo dominato dagli uomini e ho passato alcuni anni in quel campo prima di passare alla musica. Se devo essere davvero onesta, ci sono state alcune occasioni in entrambi i campi in cui mi sono sentita sminuita e al limite maltrattata; comunque in generale la mia esperienza è positiva; forse, lavorando nella scienza mi sono così abituata ad essere una delle poche donne in un ambiente dominato dagli uomini che il mio intero atteggiamento, il linguaggio del corpo e la posizione quando comunico con gli uomini rende un po' più difficile "guardarmi dall'alto in basso" a causa del mio sesso. Ma è una triste realtà che esista un divario di genere, nonostante le donne abbiano dimostrato più e più volte che in media hanno le stesse capacità, se non superiori alle loro controparti maschili, nella maggior parte dei campi. Questa situazione sta gradualmente cambiando, per fortuna, ma il cambiamento è ancora piuttosto lento».

Torniamo alle tue radici italiane. Cosa pensi di questo crescente interesse per il K-pop qui in Italia?

«Ne sono assolutamente entusiasta! Ho scoperto qualche tempo fa che mia nipote è una fan sfegatata delle Twice. Ho scoperto che ci sono fan club italiani per le Twice, i Cravity e le Aespa. È pazzesco pensare che solo pochi anni fa letteralmente nessuno conosceva il K-pop in Italia. Internet ha aiutato la diffusione del K-pop in tutto il mondo, il che penso sia fantastico. La diffusione dei generi musicali in generale favorisce l'innovazione artistica, le nuove idee e la contaminazione culturale, tutte cose che fanno bene al progresso e all'evoluzione. Il successo dei Maneskin in tutto il mondo dimostra anche che le porte sono più aperte per gli artisti dei mercati emergenti per avere successo su larga scala, e che la musica di qualità salirà in alto. Forse presto potremmo avere collaborazioni tra artisti italiani e artisti K-pop; sarebbe qualcosa di incredibile da vedere!»

Ti potrebbe piacere anche

I più letti