Musica

Il primo album di Gaho, «Fireworks» è un'esplosione di emozioni

È la mente dietro alcune delle più belle e intense OST di K-drama. Un esempio? Start Over di Itaewon Class, che ha raggiunto la vetta della Gaon Digital Chart della Corea del Sud e ha vinto nel 2020 come miglior OST ai Mnet Asian Music Awards. Non c'è dubbio che il primo album di questo venticinquenne talentuoso cantante e compositore fosse tra i più attesi dell'anno. E "Fireworks", questo è il nome che Gaho ha scelto per il suo primo album, non ha deluso le aspettative. Dodici tracce, ognuna delle quali legata a una specifica emozione, un grande spettacolo che colloca Gaho nella lista dei più promettenti cantanti under 30 dell'industria K-pop.


Panorama.it lo ha intervistato in esclusiva per il pubblico italiano.



Partiamo dal tuo primo album da solista, Fireworks. L'uscita è un passo enorme nella tua carriera. Come ti senti?

«Può sembrare un po' strano, ma vorrei congratularmi con me stesso. Questo nuovo album ha anche un grande significato per la nostra agenzia e molte persone ci hanno aiutato, quindi vorrei dire grazie a tutti loro. Questo album contiene varie emozioni provate dai giovani tra cui io, i miei amici e i miei colleghi. Spero che questo disco possa essere il punto di partenza e di speranza per molte persone che stanno passando la loro giovinezza, il periodo più frizzante della vita. Spero anche che questo album mi aiuti ad avvicinarmi di un altro passo ai miei fan».

Il nome dell'album è Fireworks. Puoi raccontarci qualcosa di più al riguardo?

«Ho 25 anni e ho pensato che 'Fireworks' fosse una parola che può rappresentare i 20 anni. I fuochi d'artificio salgono in alto nel cielo e per un breve momento fugace esplodono in modo affascinante. Ho anche pensato che i 20 anni sono un momento della vita in cui si brilla di più. Ho pensato che anch'io sono in un momento in cui sono nel capitolo in cui salgo in cielo. Essendo un album ufficiale ci sono 12 canzoni e tutte hanno diversi generi musicali».

Il tuo album contiene 12 tracce che corrispondono a una parola che è anche un sentimento. C'è, ovviamente, amore, speranza, eccitazione ma anche preoccupazione, ossessione, vuoto. È un concetto profondo che è il riflesso della gioventù con tutti i suoi alti e bassi. Come sei arrivato a scegliere questo concetto?

«Non ho un vero e proprio hobby e lavoro spesso sulle canzoni. Quindi, per questo motivo, tendo a pensare spesso a quali temi e argomenti scegliere per la mia musica. E spesso, tendo a trarre ispirazione ascoltando i miei amici e le persone intorno a me sulle loro storie di vita quotidiana. Questo mi ha fatto pensare alla gioventù degli anni 20 e ho pensato che sarebbe stato interessante esprimere questi pensieri attraverso la musica. Ora sono a metà dei miei 20 anni e speravo che io e gli altri potessimo in qualche modo guarire e ottenere speranza dalle loro preoccupazioni attraverso la mia musica».

La title track è Right Now. Perché hai scelto questa canzone come singolo e qual è il sentimento legato a questo brano?

«Penso che non ci siano molti giorni in cui una persona può provare un'emozione forte e pesante e questo mi ha motivato a scrivere la canzone. Spero che la gente possa sentire quella forte emozione commovente attraverso questa canzone. Penso che sentirsi commossi durante un momento speciale sia una delle emozioni più preziose. Quindi spero che questa canzone possa essere il primo passo per aprire molti giovani alla speranza».

Parliamo un po' di te. Il tuo vero nome è Kang Dae-ho. Gaho era il tuo soprannome mentre stavi crescendo. Ti ricordi chi ti ha dato questo soprannome? Perché l'hai scelto come nome d'arte?

«In realtà non c'è una storia particolare su come il nome dell'artista 'Gaho' sia stato creato. Ho questo soprannome da quando ero a scuola. Durante l'inverno, tutti gli altri studenti indossavano cappotti imbottiti ma io indossavo una giacca di pelle sopra la mia uniforme da studente. Gli altri studenti facevano battute dicendo che stavo 'tenendo su 가오(Ga-Oh , orgoglio)' [ndr: tenere su Ga-Oh significa bluffare o fingere di essere cool]. E quando ero studente cantavo e ballavo spesso alle feste della scuola. In quei momenti i miei compagni mi incitavano con picchetti e cartelli con la scritta 'Gaho'. Agli inizi, questo divenne un nome d'artista riconoscibile. In pratica hanno combinato il mio nome 'Kang DaeHo' con 'Ga-Oh' ed è diventato 'Gaho'. Anche quando ci penso ora, non capisco bene perché i miei amici continuavano a chiamarmi Gaho, ma ora mi è rimasto impresso. Quindi credo di aver pensato inconsciamente che se fossi diventato un artista, avrei usato il nome 'Gaho'».

Hai scritto alcune delle più belle OST nel panorama dei K-drama. Da "Come to Me" di "While You Were Sleeping" a "Start Over" di "Itaewon Class". Qual è la differenza tra comporre una canzone per un drama e creare un album?

«Penso che entrare in un progetto dove la canzone è prodotta abbia un'attrazione che è l'opposto di scrivere la mia canzone. Come cantautore, faccio la musica che voglio portare avanti come 'Gaho'. Per lavorare alle OST o per partecipare ad un progetto esterno, lo considero come se stessi interpretando un altro personaggio. Per la musica con i pensieri che voglio esprimere, posso lavorarci e ho una previsione su come finalizzarla. D'altra parte la OST contiene le chiare intenzioni e i pensieri di altre persone che hanno prodotto la canzone quando si guarda la melodia, il testo e l'arrangiamento. Quindi la mia priorità numero 1 è cantare la canzone secondo le loro intenzioni. A questo, cerco di aggiungere la maggior parte dei miei toni e sfumature vocali nella canzone. Quindi, dato che non posso prevedere molte di queste parti, in qualche modo, ha il suo marchio di appartenenza».

Fai parte della OST del drama Jirisan insieme a Jin dei BTS e Taeyeon delle SNSD. Puoi dirci qualcosa di più su questo brano?

«La canzone OST Part.2 'Memories' ha la chitarra elettrica e la batteria che sono abbastanza memorabili. Il testo è tutto in inglese e ho cercato di cantarlo in modo che sembrasse una brezza rinfrescante. Sento che il ritmo sarà adatto ad una scena quando l'atmosfera delle montagne cambia o quando la scena cambia».

Sia nelle interpretazioni che nella scrittura, spazi dalle colonne sonore all'indie al pop. Tra l'altro ti concentri sulla tua straordinaria voce, sulle numerose esibizioni dal vivo e mai sulle coreografie. Un approccio originale e quasi anticonvenzionale per un giovane artista Coreano. Come ti posizioni nel mondo della k music e dove vuoi arrivare?

«Quando produco, spesso mi sento come se perseguissi la musica che voglio e questo può portare la mia musica ad essere più libera e unica. Tuttavia, penso che questo possa alienare il pubblico che ascolta le canzoni, quindi cerco di fondere elementi più mainstream nella mia musica. Potrei sembrare arrogante, ma dato che scrivo i miei testi, compongo e produco, penso di essere un musicista a tutto tondo. Quindi, anche se non faccio coreografie di gruppo o danza, penso che forse riempire la mia performance principalmente con la musica può essere il mio punto di forza. Mi piacerebbe essere il mio tipo di artista che può mostrare i miei colori unici».

Devo chiederti di Fly. La amiamo tutti ed è una delle tue canzoni simbolo. Puoi dirci il suo significato?

«Sono stato ispirato da 'Fly' quando ero in un tour di PLT Europa e guardavo fuori dal finestrino dell'aereo. Durante quei giorni, avevo molte persone in difficoltà intorno a me e speravo di essere di conforto per loro. Così ho il testo "벗어나 저 구름 위는 어떨까? 상상 속 내게 날개를, 저 높은 하늘 위로 fly~" ("E se mi liberassi per andare sopra e oltre le nuvole? Wings to me in my imagination To high above the sky fly~') per trasmettere la sensazione di staccarsi dalla realtà e guadagnare fiducia».

Se potessi descriverti in questo momento con un K-drama, un cibo e un colore, quali sarebbero? E perché?

«Non è perché ho partecipato a questo show, ma penso di avere delle somiglianze con Park Sae-ro-yi di Itaewon Class. Come le sue peculiarità e il modo in cui affronta le sfide della vita. Per il cibo 'Udon'. Mia madre una volta mi ha letto il libro 'One Bowl of Udon' [ndr: il libro 'One Bowl of Udon' viene dal Giappone, in inglese si intitola 'One Bowl of Kakesoba'. Tuttavia, quando il libro è stato pubblicato in Corea, hanno cambiato il titolo in 'One Bowl of Udon'] e da allora ho amato gli udon. Così oggi, a causa del tempo freddo, sto pensando agli udon in questi giorni. Infine, penso che il 'colore della menta' mi rappresenti bene. La menta come sapore o colore è spesso amata o odiata da molte persone. A questo proposito, ci sono quelli che amano la mia musica ma ci sono anche persone che pensano che la mia musica possa essere un po' strana. Quindi mi sento come se fossi simile alla menta».

Chi è Gaho in questo momento?

«Nell'anime 'Dragon Ball' il personaggio principale è 'Goku'. È in viaggio per raccogliere tutte e 7 le sfere del drago e vive molte avventure per questa ricerca. Sento che c'è una somiglianza con me che sto attraversando le mie stesse sfide e cercando di progredire per essere il meglio che posso essere».



Global PR and Marketing Strategy by MJ TONZ

Ti potrebbe piacere anche

I più letti