Alysa, la produttrice HYBE LABELS JAPAN con il compito di far splendere i nuovi artisti giapponesi
HYBE LABELS JAPAN
Alysa, la produttrice HYBE LABELS JAPAN con il compito di far splendere i nuovi artisti giapponesi
Musica

Alysa, la produttrice HYBE LABELS JAPAN con il compito di far splendere i nuovi artisti giapponesi

Fin dalla sua prima lezione di piano a due anni, Alysa ha dedicato la sua vita alla musica. Nata in Giappone, è una delle produttrici più affermate nell'industria K-pop. Alysa è anche compositrice e autrice di canzoni, e prima di entrare a far parte di HYBE LABELS JAPAN all'inizio del 2021, ha lavorato con artisti J-pop e canadesi, oltre che come compositrice di sigle e colonne sonore per documentari, telefilm e pubblicità.

Panorama.it l'ha intervistata in esclusiva.

ALYSA grazie mille per il tuo tempo. Puoi presentarti al pubblico italiano?

«Sono una produttrice della HYBE LABELS JAPAN. In precedenza, ho scritto musica per musical, TV, film e giochi, ma ora scrivo principalmente musica pop e lavoro con molti generi diversi come pop asiatico, jazz, rock, R&B, hip-hop e ballata. Il mio background è nella musica classica. Penso che questo sia abbastanza raro nell'industria della musica pop. Ho studiato pianoforte e composizione classica per molto tempo, e mi sono laureato alla Toho Gakuen School of Music in Giappone, dove ho imparato la musica in modo professionale. Per sviluppare ulteriormente le mie capacità di produzione audio, ho frequentato l'Harris Institute, una scuola di musica in Canada».

Sei una produttrice musicale. Puoi descriverci la tua routine quotidiana? Come lavora un produttore?

«Mi sveglio verso le 6 del mattino e faccio jogging per circa cinque chilometri, faccio una doccia e vado nel mio studio in ufficio. Vivo vicino allo studio, quindi torno a casa per il pranzo e la cena. A volte lavoro fino a tardi, ma di solito vado a letto verso le 23. Credo che la cosa più importante per questo lavoro sia rimanere in salute. Sto seduta per lunghi periodi di tempo ogni giorno, e di solito lavoro da sola nello studio. Quindi cerco sempre di prendermi cura della mia salute e di badare a me stesso. A seconda di ogni progetto, o ricevo istruzioni dall'etichetta sulla direzione della nuova musica, o scrivo nuove canzoni per conto mio in base alle tendenze attuali o all'artista di destinazione. Quando si lavora con le etichette alla HYBE, di solito i produttori e/o il team A&R discutono e condividono idee riguardo al concetto musicale e alla direzione che meglio si adatta ad ogni artista. Ho anche un ruolo di supporto quando collaboro con artisti importanti che guidano la direzione creativa generale».

Come hai iniziato con la musica e la scrittura di canzoni?

«Ho iniziato a studiare il pianoforte quando avevo due anni. Mia madre è un'insegnante di pianoforte, quindi è stato naturale per me iniziare in tenera età. A cinque anni ho iniziato a imparare la composizione musicale. Il primo pezzo che ho scritto si chiamava "Baby Bird Suite", non è carino? Ho iniziato a scrivere canzoni pop quando ero al college. Ricordo anche di essermi divertita molto a scrivere canzoni quando ero in una band indie rock in Giappone. Quando mi sono laureata, pensavo di non avere abbastanza talento per una carriera nella musica, così ho trovato un lavoro d'ufficio in una casa editrice musicale a Tokyo. Ho lavorato lì per tre anni, ma in quel periodo il mio migliore amico continuava a incoraggiarmi a perseguire una carriera nella composizione musicale. Così alla fine ho lasciato il mio lavoro e ho deciso di provare per due anni per vedere dove sarei arrivato. Il mio viaggio è iniziato all'Harris Institute di Toronto, dove ho imparato la produzione musicale digitale. Non appena mi sono laureata all'Harris, ho iniziato a scrivere canzoni 24 ore su 24. In quel periodo ho lavorato con un altro produttore che avevo incontrato a Toronto. Scrivevo tre o quattro brani al giorno per migliorare le mie capacità. Era un periodo molto stressante e uscivo raramente per rilassarmi e divertirmi. A volte, quando mi sentivo giù, i miei amici mi portavano in alcuni ristoranti vicini per tirarmi su. Grazie ai miei amici che credevano in me, riuscivo a superare quei momenti difficili, e apprezzavo molto la loro gentilezza. Ho ottenuto il mio primo credito come produttore di canzoni quando ero in Italia. Ero a Roma per delle sessioni di scrittura musicale con alcuni produttori italiani, e un giorno mi sono svegliata e ho visto un'email che diceva che una delle canzoni che avevo prodotto era stata messa con un artista J-pop. Poi, una settimana dopo, ho avuto il mio secondo piazzamento con un artista K-pop. Quindi l'Italia è stata davvero un posto magico per me!»

Hai prodotto molte hit per artisti k-pop. Ora fai parte del team di produttori della "casa" di gruppi come BTS, TXT, ENHYPEN, SEVENTEEN, ecc. Come sei finita a lavorare in HYBE?

«L'anno scorso, a causa della pandemia, non sono potuto tornare in Canada e sono dovuto rimanere in Giappone. Qualcuno mi ha presentato un'audizione per produttori chiamata "2020 Next New Creator in Japan" organizzata da HYBE LABELS JAPAN e ho deciso di partecipare. Fortunatamente, ho vinto l'audizione e ho ricevuto un'offerta per lavorare come produttore con l'etichetta. Come produttore interno alla HYBE LABELS JAPAN, il mio compito è quello di aiutare i nostri artisti a brillare facendo emergere le loro caratteristiche migliori. Al momento, HYBE LABELS JAPAN si sta preparando a far debuttare diversi nuovi artisti, e mi sto concentrando sullo sviluppo dei loro suoni unici basati sui loro concetti di gruppo. È un'esperienza nuova e interessante per me. Una delle parti migliori del lavoro alla HYBE LABELS JAPAN è che posso lavorare con grandi A&R, team di management e altri produttori all'interno delle etichette della HYBE. Lavoriamo come una squadra e ci rispettiamo tutti a vicenda. Imparo molto anche dal presidente Bang, che è sempre aperto alle discussioni e ai consigli».

Una cosa di cui siamo tutti curiosi è come lavori alla musica con l'artista. Puoi raccontarci qualcosa di più?

«Ogni gruppo sotto etichette alla HYBE, ha un produttore principale che dirige l'intero processo, compresa la canzone, la voce, gli accordi di produzione, ecc. Dobbiamo capire tutto del colore dell'artista, e pensare profondamente a come possiamo produrre per loro per far emergere le loro migliori qualità. Come produttore, la cosa più importante è capire cosa gli artisti vogliono fare e dar loro la libertà di esplorare. Cerco sempre di pensare a quale sia la migliore musica specifica per gli artisti per cui sto scrivendo. È anche importante essere flessibili nel comprendere una vasta gamma di generi come produttore e compositore, perché con più esperienza e conoscenza, possiamo supportare meglio gli artisti nel realizzare la loro creatività».

Sicuramente stiamo tutti aspettando i tuoi nuovi lavori. Puoi darci qualche anteprima? Con chi stai collaborando?

«Come una delle etichette sotto HYBE, HYBE LABELS JAPAN si sta preparando a far debuttare i nostri artisti. Sto facendo un sacco di lavoro di preparazione, tra cui guardare audizioni e tirocinanti, fare demo, ecc. Sono grata di farne parte. Al momento stiamo lavorando su vari progetti eccitanti, quindi aspettatevi gli artisti della HYBE LABELS JAPAN».

Sei una donna in questa grande industria che sta guadagnando potere in tutto il mondo, a volte ti sei mai sentita schiacciata dalle responsabilità?

«Personalmente non ho avuto molte esperienze amare nell'industria. Fortunatamente, intorno a me ci sono tanti grandi scrittori e produttori che rispettano la mia musica e le mie capacità. La musica è solo musica, stiamo tutti cercando di fare del nostro meglio, e il genere non dovrebbe avere importanza. Spero che molte donne creatrici, produttrici e ingegneri si sentano più a loro agio in questa industria».

Come abbiamo detto, il K-pop è ormai conosciuto e ben accolto in tutto il mondo. Qual è, secondo te, il potere del K-pop?

«Il K-pop ha i suoi ingredienti unici come testi relazionabili, suoni alla moda e performance accattivanti. Oltre a questo, la produzione K-pop ha anche un suono più globale e riflette le tendenze a livello mondiale, e quindi sta ridefinendo la scena musicale globale, per così dire. Penso che questo sia il motivo per cui il K-pop ha così tanto potere di riunire enormi comunità in tutto il mondo».

Leggere le tendenze, nella musica e nello stile di vita, non è facile. Come fai ad acquisire più know-how o a capire cosa sarà una hit nel prossimo futuro?

«Onestamente, non ne ho idea! Ma è per questo che studio molti generi diversi. Cerco sempre sui siti di streaming musicale artisti e stili nuovi e unici. Ora il mio lavoro non è solo leggere le tendenze, ma anche creare nuove tendenze. Come hai detto tu, creare nuove tendenze non è facile. Dobbiamo capire quale musica funziona meglio per ogni artista, ma anche cosa vuole il pubblico. Per esempio, con "Dynamite" e "Butter" dei BTS, penso che sia stato un ottimo momento per rilasciare musica funk o disco pop durante questi tempi difficili in mezzo alla pandemia. La loro musica ci ha rallegrato un bl po'. Quando si fa musica, è importante capire come si sente il pubblico e cosa vuole».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti