benzina_pompa
Imagoeconomica
benzina_pompa
Economia

Prezzo del petrolio e della benzina: in mezzo troppe accise

Dal 2014 le quotazioni del greggio sono scese del 65%, quello della benzina in Italia del 19%. E le tasse sono scese solo del 6%.

Da luglio del 2014, quando il petrolio si spinse ai massimi dell'anno intorno a 105 dollari al barile, il prezzo della benzina, secondo quanto emerge dalle tabelle del ministero dello Sviluppo economico, è passato da circa 1,76 euro al litro agli 1,43 attuali. Si tratta di una flessione del 19%, un dato rilevante ma che diventa quasi insignificante (anche considerando la variabile cambio euro/dollaro) di fronte al letterale crollo del 65% registrato dal prezzo del greggio che negli ultimi giorni è finito addirittura sotto quota 30 dollari al barile, con punte negative di 28 dollari. La spiegazione di tale fenomeno, molto italiano in verità, è da sempre legata alla componente fiscale: sempre nel luglio 2014, su un litro di verde si pagavano 1,049 euro di accise e Iva, adesso tale quota è pari a 0,986 euro, con una diminuzione di appena il 6%.

Benzina, sono le accise a far lievitare i prezzi


E puntuali arrivano ovviamente le proteste delle associazioni dei consumatori. In particolare Federconsumatori e Adusbef sottolineano che con la perdita di forza del cambio euro-dollaro, l'aumento delle accise sui carburanti, che nel 2009 erano a quota 56,4 centesimi al litro, e oggi viaggiano invece sui 72,8 centesimi, nonché l'incremento dell'Iva, fanno salire il prezzo della benzina almeno di 6 centesimi oltre il livello a cui si dovrebbe attestare.

"Concretamente tale maggiorazione – spiegano dalle due associazioni - si traduce in un pesante aggravio sulle tasche dei cittadini, pari a ben +72 euro annui in termini diretti, ossia per i pieni di carburante, e a +59 euro annui in termini indiretti, a causa dell'impatto del costo dei carburanti sui prezzi dei beni di prima necessità che, nel nostro Paese, sono distribuiti per l'86% su gomma". Un aggravio complessivo dunque stimabile in circa +131 euro annui, e questo, vero paradosso, in un periodo in cui, come accennato, il costo del petrolio sta subendo uno dei crolli più pesanti della storia recente.

Benzina: e se l’Italia, come la Francia, mettesse un tetto al prezzo?


E non sono certo di conforto gli ultimi rilevamenti sui prezzi alla pompa, che secondo i dati forniti da Staffetta energetica su 12mila impianti self service, fanno segnare una media di 1,429 euro/litro per la benzina e di 1,236 euro/litro per il diesel. D’altronde, a anche questa non è certo una novità, l'Unione petrolifera precisa che il calo dei prezzi del greggio "è stato interamente recepito dai prezzi italiani dei carburanti, diminuiti nell'ultima settimana mediamente di altri 2,5-3,5 centesimi euro/litro, al netto delle tasse" e che se i prezzi oggi sono più alti "è dovuto in larga parte proprio all'aumento della fiscalità". Una constatazione che spinge dunque Federconsumatori e Adusbef a definire del tutto intollerabile una tassazione che ormai sta arrivando al 70% del prezzo totale dei carburanti. “Un andamento – sottolineano in modo accorato le due associazioni - che richiede un intervento immediato del Governo affinché le accise siano ritoccate al ribasso". Una richiesta questa che viene rilanciata però ormai da anni senza ottenere grandi risultati.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti