Lavoro

Reddito di Cittadinanza, come potrebbe cambiare

Il sussidio voluto dal M5S forse partirà più tardi del previsto e potrà essere trasformato in uno sgravio per le aziende

Sit-in M5S davanti Camera, 'Onestà', 'Di Maio premier'

Andrea Telara

-

Partenza in primavera anziché a gennaio. Così potrebbe cambiare, ma il condizionale è d’obbligo, la tabella di marcia che porterà alla nascita del Reddito di Cittadinanza, il sussidio contro la povertà fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e previsto dal contratto di governo sottoscritto dalla maggioranza giallo-verde.

Trattative con Bruxelles

Lo slittamento è legato a doppio filo alle trattative sulla manovra economica tra l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte e la Commissione Europea. La Legge di Bilancio italiana, come sa bene chi ha seguito le cronache delle ultime settimane, è stata infatti bocciata dall’Ue, che vorrebbe un deficit più basso di quello preventivato da Roma, pari al 2,4% del pil nazionale. Entrambe le parti, dopo il muro contro muro dei giorni scorsi, sono però disponibili a dialogare e uno dei punti di contatto tra Italia e Ue potrebbe essere proprio lo slittamento in avanti del Reddito di Cittadinanza.

Facendo partire più tardi il nuovo sussidio (e anche la riforma delle pensioni che abbassa l’età di uscita dal lavoro), lo stato italiano potrà risparmiare nel 2019 circa 5 miliardi di euro rispetto a quanto preventivato, destinandoli agli incentivi agli investimenti, come chiede l’Europa.

Incentivo alle imprese

Inoltre, si fa strada l’ipotesi che il Reddito di Cittadinanza venga rimodulato secondo i desiderata della Lega, introducendo la possibilità di trasformarlo in un’agevolazione alle imprese che assumono. Nello specifico, se nel 2019 un’azienda recluterà nel proprio organico un disoccupato che già beneficia del Reddito di Cittadinanza, potrà incassare alcune mensilità del sussidio (probabilmente per un trimestre).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Reddito d'Inclusione, perché è meglio del Reddito di Cittadinanza

Un milione di persone riceve i sussidi alla povertà. Invece di potenziare quelli esistenti, il governo ne introdurrà di nuovi, con un esisto incerto

Reddito di cittadinanza: "Chiamiamolo assegno di povertà"

Per il sindaco di Giovinazzo, il Comune simbolo della misura dei 5 Stelle, è giusto accompagnare le persone bisognose verso la pensione

Reddito di Cittadinanza, perché deve andare soprattutto al Sud

Il vicepremier Di Maio a detto che il 47% dei beneficiari del sussidio sarà al Nord. Ma la maggior parte dei poveri italiani vive in Meridione

Reddito di cittadinanza: il nodo delle coperture

Botta e risposta tra Salvini e Di Maio su come ripartire il 2,4% ricavato dall'innalzamento del rapporto deficit/Pil

Cina: reddito di cittadinanza finanziato col turismo

Alloggio, lavoro, assistenza sanitaria e contributi pensionistici garantiti ai poveri che vivono nelle campagne. Dalle aziende private

Reddito di Cittadinanza, quanti soldi sta cercando il governo

L’esecutivo a caccia di 15 miliardi euro per finanziare il sussidio contro la povertà voluto dal Movimento 5 Stelle

Flat tax e reddito di cittadinanza: perché non sono quello che sembrano

Il parere di Fiorella Kostoris: riforme vaghe, non complete e i cui costi non sono certi

Reddito di Cittadinanza, i punti in comune (pochi) tra Lega e 5 Stelle

Salvini non è contrario a priori al sussidio proposto dall’M5S. Ma vuole che sia a tempo determinato

Commenti