++ Pensioni: Gentiloni,fatto buon lavoro, spero in intesa ++
Lavoro

Pensioni, il piano del governo in 7 punti

Età di uscita differenziate e nuovo calcolo delle speranze di vita. Le proposte dell’esecutivo in tema di previdenza e la freddezza dei sindacati

Per la Cgil le proposte del tutto sono insufficienti, per la Cisl e la Uil c’è qualche passo in avanti ma occorre sicuramente uno sforzo in più. Non è stata particolarmente positiva la reazione dei sindacati alle misure predisposte dal governo in materia di pensioni. Si tratta di un piano in 7 punti che vale nel complesso 300 milioni di euro. Ecco, più nel dettaglio, cosa prevede.

Tutela per 15 categorie

Come già ampiamente anticipato nei giorni scorsi, la pensione di anzianità verrà bloccata a 66 anni e 7 mesi per 15 categorie professionali, che svolgono mansioni particolarmente gravose (ecco quali sono). Per queste tipologie di lavoratori, dunque, non ci sarà l’innalzamento a 67 anni previsto per legge dal 2019.

La commissione di studio

Verrà creata una commissione di esperti che valuterà meglio la gravosità di certe professioni, in modo da fissare l’età pensionabile in maniera differenziata, sulla base di criteri scientifici e meno arbitrari di oggi.

Nuovo sistema per l’aspettativa di vita

C’è un impegno del governo anche a instaurare (per tutti i lavoratori) un sistema migliore per legare l’età della pensione alle aspettative di vita. L’obiettivo è tenere conto anche di eventuali cali temporanei delle speranze di sopravvivenza (come quello verificatosi lo scorso anno) che oggi non vengono invece considerati.

Il Fondo di integrazione salariale

Un altra misura promessa dall’esecutivo è il miglioramento del Fondo di Integrazione salariale, che serve per finanziare gli ammortizzatori sociali nei settori e nelle aziende con più di 5 dipendenti non coperti dalla cassa integrazione ordinaria e straordinaria.

Sostegno ai fondi pensione degli statali

Il governo si impegna a estendere le agevolazioni esistenti oggi per i lavoratori del settore privato anche ai dipendenti pubblici che versano i loro soldi nei fondi della previdenza integrativa. Questa norma, che elimina una disparità di trattamento, era già prevista dalla manovra economica per il 2018 ma veiene considerata a rischio per mancanza di coperture. Con un impegno del governo, tutto dovrebbe risolversi.

Rinnovo dell’Ape Social

E’ prevista una proroga anche al 2019 dell’Ape Social (anticipo pensionistico) cioè il sistema che permette di andare in pensione a 63 anni senza penalizzazioni ad alcune categorie particolarmente disagiate (ecco quali sono). L’Ape Social doveva entrare a regime già a maggio 2017 ma, per diversi intoppi burocratici, è in realtà ancora in fase di partenza. Di conseguenza, il governo ha un po’ risorse da destinare alla previdenza da spendere il prossimo anno perché non utilizzate nel 2018. 

Per saperne di più: 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti