Lavoro

Pensioni, cos'è e come funziona la Busta Arancione

In arrivo per molti italiani documento che consentirà di stimare già la pensione futura

Busta-Aarancione

Andrea Telara

-

Molti italiani già la conoscono ma, per gran parte dei nostri connazionali, sarà una novità tutta da scoprire. Si tratta della Busta Arancione, un documento predisposto dall'Inps che consente ai lavoratori di stimare già oggi, con molti decenni di anticipo, l'importo della pensione futura. La Busta Arancione, che prende il nome da un analogo documento che esiste da decenni in Svezia e che viene recapitato per posta in un caratteristico involucro color arancio, è già stata inviata  a migliaia di italiani negli anni scorsi ma ora l'Inps sta preparando una nuova emissione, che include anche i dipendenti pubblici.

Tra pil e inflazione

Nel documento che i lavoratori riceveranno a casa c'è il riepilogo di tutti i loro versamenti contributivi. Ma c'è anche, appunto, una simulazione sull'ammontare dell'assegno che gli stessi lavoratori riceveranno una volta raggiunta la tanto attesa età della pensione. Un'avvertenza è d'obbligo: si tratta di stime che vanno prese con le pinze, poiché si basano su alcune ipotesi di fondo che potrebbero anche non verificarsi. Va ricordato infatti che l'importo della pensione futura, per chi è stato assunto dal 1995 in poi, dipende esclusivamente dai contributi versati nel corso della carriera, che si rivalutano ogni anno in base all'andamento del pil (cioè in base alla crescita economica italiana) e dell'inflazione (ovvero in proporzione all'aumento dei prezzi).

A fine carriera, i contributi accumulati e opportunamente rivalutati vanno a formare un valore contabile che si chiama montante. Quest'ultimo viene moltiplicato per un determinato coefficiente che varia a seconda dell'età e il risultato corrisponde all'importo della pensione annua lorda. Esempio: se un lavoratore ha accumulato 200mila euro di contributi e si ritira attorno a 70 anni, ottiene più o meno 12mila euro di pensione lorda all'anno. Per fare i calcoli contenuti nella Busta Aracione, gli esperti dell'Inps hanno ovviamente ipotizzato un determinato livello di inflazione e di crescita economica. Ma nulla esclude che, nei prossimi decenni, il caroprezzi e il pil siano più alti o più bassi del previsto, facendo sballare le stime contenute nella Busta Arancione.

Stime aleatorie

C'è poi un altro particolare da non sottovalutare. Poiché l'importo della pensione dipende dalla quantità di contributi versati, un peso determinante lo avranno anche il percorso di carriera del lavoratore, gli eventuali aumenti di stipendio futuri e, purtroppo, anche i periodi di disoccupazione che possono capitare nel corso di una lunga vita lavorativa. Si tratta di dati aleatori che ovviamente i tecnici dell'Inps, non avendo certo la sfera di cristallo, non possono stimare in anticipo.

E' per questo motivo che il contenuto della Busta Arancione va preso un po' con il beneficio d'inventario anche se ha una sua funzione importante. Dà infatti ai lavoratori un'idea di cosa li attende durante la terza età. Poiché molti nostri connazionali hanno stipendi bassi o attraversano lunghi periodi di disoccupazione e versano pochi contributi, rischiano di ritrovarsi con una pensione da fame in vecchiaia. La Busta Arancione va presa dunque come un campanello d'allarme: se l'assegno stimato è basso, conviene costruirsi per tempo una pensione di scorta con un fondo della previdenza integrativa o comunque con un piani di risparmio personale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni, cos'è e come funziona la Busta Arancione

In arrivo per molti italiani documento che consentirà di stimare già la pensione futura

Pensioni, cosa cambia dal 2019

A riposo con 62 anni di età e 38 di carriera. Così il governo cambierà la previdenza

Pensioni, chi potrà mettersi a riposo nel 2019

Da gennaio arriva la quota 100 ma restano anche i requisiti della Legge Fornero. Cinque esempi concreti di come ritirarsi il prossimo anno

Pensioni, perché il governo vuole bloccare l'età di uscita dal lavoro

Si fa strada l’ipotesi d eliminare il legame tra la previdenza e aspettative di vita della popolazione . Ma a pagare saranno le generazioni future

Pensioni e quota 100, perché si perde oltre il 20% dell’assegno

Dal 2019 sarà possibile ritirarsi a 62 anni con 38 anni di contributi. Ma bisognerà accontentarsi di una rendita più magra

Pensioni e quota 100, chi resterà beffato dalla riforma

Dal 2019 lavoratori italiani potranno ritirarsi con 62 anni di età e 38 di contributi. Ma i nuovi requisiti lasceranno molti a bocca asciutta

Pensioni, perché ora il riscatto della laurea è di nuovo conveniente

Il governo prepara degli incentivi per chi vuol far conteggiare gli anni dell’università nell’anzianità di carriera

Pensioni e quota 100, perché fanno aumentare il debito pubblico

Il presidente dell'Inps stima un onere di 100 miliardi di euro per le casse dello Stato con l'abbassamento a 62 anni dell'età di uscita dal lavoro

Pensioni, quanto costa ritirarsi a 62 anni

Il governo istituirà la quota 100 che consente di mettersi a riposo 5 anni prima del previsto, rinunciando però a qualche centinaia di euro al mese

Commenti