Disoccupazione boom: il grafico

In Italia il tasso di disoccupazione è passato dal 6,4% del 1977 al 10,7% del 2012. E quasi quattro giovani su  dieci sono a spasso

Disoccupazione giovanile

Disoccupazione giovanile – Credits: Daniele Scudieri/Imagoeconomica

Si potrebbe dire che non ci sono novità. Ci siamo abituati anche ai terribili numeri della disoccupazione italiana e soprattutto di quella giovanile. È il doppio rispetto al 1977, come testimonia il grafico diffuso dall'Istat , e dal 2007 si è letteralmente impennata.

istat-disoccupazione.jpg

In Italia il tasso di disoccupazione è passato dal 6,4% del 1977 al 10,7% del 2012. A colpire è soprattutto il dato del Mezzogiorno dove è più che raddoppiato: dall'8,0% del 1977 al 17,2% del 2012. Al Centro la crescita è stata dal 4% e al Nord dell'1,6%%.

In 35 anni quindi in Italia le persone in cerca di lavoro sono aumentate  di 1 milione 404 mila unità. L'incremento, fa notare l'Istat, ha  interessato sia la componente maschile (+863 mila) sia quella femminile  (+541 mila).

Ma a soffrire sono soprattutto i giovani: la disoccupazione giovanile tra 15-24enni è salita dal 21,7% del 1977 al 35,3% del 2012: quattro su dieci, insomma, sono per strada. Mai così male. E il grafico qui sotto parla da sé.

disoccupazione-giovani-istat.jpg
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Disoccupazione, famiglie e povertà: cosa è cambiato, in peggio, negli ultimi dieci anni

Per l'Istat, un milione di nuclei familiari sono senza reddito da lavoro. Ecco com'è peggiorata la situazione dal 2004 in poi.

Professione disoccupato e scoraggiato

Chi sono gli italiani che non cercano un lavoro perché pensano di non riuscire a trovarlo

Disoccupazione femminile: gli incentivi di Elsa Fornero per combatterla

Il ministro del welfare firma un decreto per dare agevolazioni a chi assume una donna senza lavoro. Ecco chi potrà beneficiarne

Disoccupazione, la classifica in Europa

Un giovane su 4 non ha un lavoro. Grecia e Spagna in testa, Italia al quarto posto

Commenti