Passaggi generazionali: premio a Gianluca Rana

L'amministratore del Pastificio Rana di Verona vince per il perfetto passaggio del testimone con suo padre Giovanni, fondatore dell'azienda nel 1959

rana003

Giovanni e Gian Luca Rana – Credits: Ufficio stampa

Maurizio Tortorella

-

Gianluca Rana, 49 anni, amministratore delegato del Pastificio Rana di San Giovanni Lupatoto (Verona), è il vincitore dell’edizione 2015 del premio “Di padre in figlio: il gusto di fare impresa”.

Il riconoscimento, giunto al sesto anno, è promosso da N+1 con il supporto di Borsa Italiana e il contributo di Banca Albertini Syz, di Deloitte, del fondo internazionaledi private equity Hig Capital e dello studio legale Lca. Il suo scopo è premiare gli imprenditori italiani che hanno saputo gestire al meglio il complesso passaggio generazionale, “proseguendo e valorizzando l’operato dei genitori nella guida dell’azienda”.

 

All’iniziativa, nei cinque anni precedenti, hanno partecipato circa 400 aziende; all’edizione 2015 i concorrenti sono stati oltre 140, e tra loro molti marchi importanti e storie di grande successo: dalla calabrese Callipo, produttrice di tonno e conserve, alla Brugola industriale; dalla Saes Getters alla industria dolciaria Balocco.

Fondato nel 1962 da Giovanni Rana, il pastificio veronese sotto la guida di suo figlio Gianluca ha visto fatturato, utili e dipendenti in costante crescita dal 2007 a oggi. Malgrado la crisi economica globale, Gianluca ha imposto all’azienda una vorticosa espansione internazionale, in Europa e negli Stati Uniti.

I dipendenti del gruppo Rana, che nel 2007 erano 700, oggi sono 2.500. Il giro d’affari, che l’anno scorso è stato di 458 milioni di euro (con un margine operativo lordo di 35), alla fine del 2015 supererà i 500 milioni, 150 dei quali raccolti sul difficile mercato statunitense.

“Abbiamo avviato lo stabilimento di Chicago nel 2012” dice Gianluca Rana a Panorama.it “e abbiamo trascorso il primo anno senza produrre un tortellino. Poi siamo partiti e in meno di 24 mesi siamo riusciti a fare impennare l’intero mercato americano della pasta fresca, che da 20 anni era piatto”.

Tra Giovanni, uomo di forte personalità, e suo figlio, coraggioso innovatore, il passaggio del testimone è stato così praticamente perfetto: “I ruoli ce li siamo trovati cuciti addosso” sorride Gianluca. “Mio padre, che è partito con un piccolo pastificio e una moto rossa come unico mezzo di distribuzione, è stato il geniale creatore di un’impresa di successo, cui ha fatto da testimonial e garante della qualità. Io, appassionato di tecnologia, del gioco di squadra e di internazionalizzazione, ho provato la strada del mondo”.


Gli altri premiati
 
- Giovane Imprenditore: NUCERIA Group, Guido Iannone (General Manager)
- Storia e Tradizione: MARCHESI ANTINORI, Albiera Antinori (Vice Presidente)
- Piccole Imprese: PRESS UP, Maria Stella Adario (AD)
- Innovazione: SAES Group, Massimo della Porta (Presidente)
- Apertura del Capitale: SOL, Aldo Fumagalli Romario (Presidente e AD)
- Donne al Comando: Fratelli FANTINI, Daniela Fantini (Presidente e AD)
- Fratelli al Comando: ALFA GOMMA, Guido ed Enrico Gennasio (Presidente e CEO)
- Performance Finanziaria: IBL Banca, Mario Giordano (Amministratore Delegato)
- Internazionalizzazione: EPTA, Marco Nocivelli (AD)
- Made in Italy: Pastificio RANA, Gian Luca Rana (AD)

 

 

 

© Riproduzione Riservata

Commenti