modello_730_precompilato
ANSA/FRANCO SILVI
modello_730_precompilato
Economia

730 precompilato, le cose da sapere sulla scadenza del 22 luglio

Si avvicina l'ultimo giorno per consegnare via internet la dichiarazione dei redditi. Ecco alcune informazioni utili per chi non l'ha ancora fatto

Meno di tre giorni. È l'intervallo di tempo che separa i contribuenti italiani dalla scadenza per la consegna del modello 730 precompilato, cioè la dichiarazione dei redditi con tutti i dati già scritti, che può essere inviata via internet (e con pochi click) all'Agenzia delle Entrate. Ecco, di seguito, alcune informazioni utili per chi non ha ancora spedito il modello.

Scadenza tassativa

Il 22 luglio rappresenta una scadenza tassativa per la consegna del 730 precompilato. Successivamente a questa data, il modello non sarà più disponibile online nel sito dell'Agenzia delle Entrate. Tuttavia, esiste ancora una possibilità per i ritardatari: consegnare in alternativa il modello Unico precompilato (si veda il paragrafo successivo).

Leggi anche: 730 e Unico precompilato, istruzioni per l'uso

Unico 2016 per i ritardatari

Per chi non ce la fa a rispettare la scadenza del 22 luglio, c'è un'altra possibilità. In alternativa al 730 precompilato, può essere presentato il modello Unico precompilato, che è una novità di quest'anno. La scadenza per la consegna è però molto più avanti nel tempo: 30 settembre 2016.

Leggi anche: 730 precompilato, come si scarica il modello

Le sanzioni

Chi non invia alcuna dichiarazione dei redditi, neppure il modello Unico entro il 30 settembre 2016, va incontro a sanzioni abbastanza salate. L'”ammenda” varia tra 250 e 1.000 euro se dal 730 o da Unico non risulta alcuna imposta dovuta . Se invece il contribuente che non ha presentato il modello aveva anche un debito col fisco, la sanzione varia tra il 120 e il 240% dell'imposta dovuta.

L'aiuto dell'Agenzia delle Entrate

Per aiutare i contribuenti alle prese con la dichiarazione precompilata, l'Agenzia delle Entrate ha creato nei propri uffici delle postazioni di lavoro self-service, che si aggiungono ai normali servizi di assistenza erogati allo sportello. Per accedere alle postazioni, bisogna essere dotati di password e codice pin dispositivo, gli stessi che servono per operare da casa. Maggiori informazioni sulle procedure per presentare il 730 sono disponibili anche in un sito creato ad hoc dall'Agenzia.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti