Tra le cose più spaventevoli che mi siano mai capitate
Tra le cose più spaventevoli che mi siano mai capitate
Cultura

Tra le cose più spaventevoli che mi siano mai capitate

È il Natale del 1917, e Kafka è invitato a casa di Max Brod. Ci sarà anche Felice Bauer, con la quale, dopo il fidanzamento e la sua rottura catastrofica in un hotel di Berlino «alla presenza …Leggi tutto

È il Natale del 1917, e Kafka è invitato a casa di Max Brod. Ci sarà anche Felice Bauer, con la quale, dopo il fidanzamento e la sua rottura catastrofica in un hotel di Berlino «alla presenza di testimoni» (poche settimane dopo Kafka inizierà a scrivere Il Processo), non sta più da tre anni.

Il 27 dicembre, Franz si presenta nell’ufficio di Brod. Ha appena accompagnato Felice alla stazione. Ha il volto «pallido, duro e severo». Si siede accanto alla scrivania, sul seggiolino «preparato per postulanti, pensionati e imputati». Ad un tratto, nonostante nella stanza ci sia un collega di Brod, si mette a piangere. Brod è sgomento. «Fu l’unica volta che lo vidi piangere», dice, e «Non dimenticherò mai quella scena che è tra le cose più spaventevoli che mi siano mai capitate».


Ti potrebbe piacere anche

I più letti