Libri

'Siamo stati una famiglia felice' di Hannah Begbie

Una storia vera sulla fibrosi cistica, le sue conseguenze sulla vita e sull’amore

Siamo stati una famiglia felice di Hannah Begbie

Valeria Merlini

-

"Siamo stati una famiglia normale per venticinque giorni esatti".
Cath e Dave rientrano con la figlia tanto desiderata a casa dopo la sua nascita e l'euforia per questa nuova avventura riporta a galla i ricordi legati alle lacrime di gioia, al reparto di maternità e li prepara alle prime passeggiate al parco.

All'inizio, solo un presagio. E questa gioia effimera.
Meno di un mese e lo squillo del telefono per annunciare che sono arrivati i risultati del test neonatale sulla piccola Mia.
Nessuno mi aveva detto che avrei dovuto aspettare dei risultati”.

Quel qualcosa di così innocuo come minuscole gocce di sangue hanno conseguenze devastanti. Il tema che Hannah Begbie narra nel suo romanzo d'esordio, Siamo stati una famiglia felice (Fabbri) è quello che scaturisce dopo quella telefonata con i risultati del test.

Mia ha la fibrosi cistica, malattia che affligge nella realtà il secondo figlio dell'autrice e di cui si conosce relativamente poco rispetto ad altre malattie che minano (e limitano) la vita. La maggior parte dei genitori infatti sperimenta le ansie di salute condivise da Cath, voce narrante, e da suo marito Dave, esperienza che risuonerà vera per chiunque stia familiarizzando con questa malattia, la cui prima battaglia è proteggere i polmoni dai batteri che causano infezioni che potrebbero far progredire la malattia.

Cath e Dave si ritrovano in una sorta di quarantena, con un tono narrativo volutamente claustrofobico. La rottura della relazione di coppia è esacerbata dalle diverse modalità che ciascuno impiega per affrontare la diagnosi. Dave fa liste, prende appunti dagli operatori sanitari e mantiene un ottimismo ripugnante per Cath. L'immagine trasmette la convinzione incrollabile del marito - almeno inizialmente - in un universo sintetico in cui Mia miracolosamente prospera. In Cath invece resiste un profondo senso di colpa per il fatto ineludibile che la genetica ha causato la malattia. Una dicotomia all’interno della coppia.

E mentre Cath inizia a frequentare un gruppo di supporto per i genitori di bambini con fibrosi cistica, avviene l’incontro con Richard. L'attrazione è istantanea e reciproca, ma è un collegamento doppiamente pericoloso: le persone portatrici sane del gene CFTR mutato (quello responsabile dell’alterazione genetica nei malati di fibrosi cistica) non possono (potrebbero) mescolarsi. Quella di Cath e Richard è dunque una scelta coraggiosa, umana e vera, poiché inserisce la storia d'amore all’interno di questa diagnosi devastante.

Siamo stati una famigia felice è il canto accorato, intimo ed emozionante, vero, in un romanzo che affonda dentro al cuore di una donna, nella tempesta del suo desiderio di amarsi, di sperare, di essere perdonata.

Siamo stati una famiglia felice
di Hannah Begbie
Fabbri, 2018

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

'Penguin Bloom' di Cameron Bloom e Bradley Trevor Greive

Un’incredibile e commovente storia di amicizia, che insegna che l’amore verso gli altri è la migliore cura per se stessi

'Love Her Wild' di Atticus

L’amore pieno di vita e affamato di libertà nei versi del "#1 poet to follow"

'I diari della principessa' di Carrie Fisher

Carrie Fisher, la donna diventata mito grazie ad un bikini in metallo, una lumaca e una love story (segreta) con Harrison Ford

'Ogni tuo desiderio' di Logan Belle

Come si può scegliere tra l’amore di una vita e una passione che strazia l’anima? Un nuovo romanzo erotico che strizza l’occhio a L’amante di Lady Chatterley

Commenti