Fumetti

‘L’uomo montagna’: viaggio, vita e morte in un fumetto commovente

Un bambino, un nonno e un viaggio, "L'uomo montagna" racconta la vita, la morte, l’identità e le radici attraverso un'emozionante allegoria

L'uomo montagna

Ilaria Cairoli

-
“Come fai a sapere che non viaggerai più?” “Lo so e basta. E tu, che sei abituato a viaggiare, sai che arriva sempre un momento in cui bisogna andarsene.”

La vita, la morte, l’identità e le radici raccontate attraverso una bellissima allegoria: il viaggio di un bambino alla ricerca del "vento più forte" per sollevare il nonno dal peso delle montagne che gli sono cresciute sulla schiena durante la sua lunga vita e che minacciano di fermarlo per sempre. L’uomo montagna di Séverine Gauthier e Amélie Fléchais, edito di recente da Tunué, è un fumetto che riesce a condensare in 50 pagine concetti complessi ed emozioni fortissime.

E così il bambino partì. Viaggiò lontano e a lungo. Fu un po’ pericoloso, a volte, difficile. Ma nella sua testa udiva le parole di suo nonno… “Nonno, come fai a essere sicuro che ci ritroveremo?” “Perché il mio viaggio più bello sei tu.”

Il vento più forte abita sulla montagna più alta e il bambino decide di raggiungerlo lì, per chiedergli di spingere via le montagne del nonno. Sarà in questo viaggio fatto di solitudine, ma anche di incontri, di dubbi e di scoperte, di paure ma anche di coraggio e determinazione, che il bambino, cercando la salvezza del nonno, troverà se stesso. Una poesia fatta di illustrazioni meravigliose dal tratto rassicurante e dai colori delicati, e parole profonde, che toccano le corde scoperte del lettore per illuminarlo.  È un racconto bellissimo su cosa siano le radici, sulla natura delle cose, sull’amore profondo, su ciò che ci lasciano le persone importanti, sulla condivisione, sulla vita. 


 

L’uomo montagna è parte della collana Tipitondi, in cui Tunué raccoglie le storie dedicate in maniera più specifica ai bambini e ai ragazzi, ma il viaggio che affronta il bambino di questo libro, è il viaggio che abbiamo dovuto affrontare tutti prima o poi nella vita. Raccontando la profondità dell’essere umano e la potenza della natura Séverine Gauthier e Amélie Fléchais regalano a grandi e piccoli una visione confortante, magica e poetica della vita e della morte. 

L’uomo montagna, Séverine Gauthier, Amélie Fléchais, Tunué, 2017


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Scarti: un viaggio nel dimenticatoio

Giuseppe Marcenaro racconta la storia della letteratura attraverso appunti, lettere e cartoline

‘Soppy. Una storia d'amore’ di Philippa Rice

Cronaca non banale di una convivenza felice

Commenti