Edoardo Frittoli

-

Nell'estate del 1917 gli Austro-ungarici si erano affacciati pericolosamente alla Pianura Padana per effetto delle conquiste territoriali dopo il successo della "Strafexpedition" (spedizione punitiva) della primavera dell'anno precedente.

Inoltre sul fronte orientale la Russia stava cedendo per effetto del logoramento e delle conseguenze della rivoluzione in atto in patria. Gli Inglesi e i Francesi chiesero così ai Comandi italiani di aumentare la pressione sul fronte alpino per impegnare maggiormente il nemico e alleggerire il traballante fronte d'Oriente.

LEGGI ANCHE: l'Italia nella prima guerra mondiale, 24 maggio 1915

La zona di operazioni fu identificata dallo Stato Maggiore italiano nell'Altipiano dei Sette Comuni (Asiago) e sulle alture che lo delimitavano a Nord (Monte Zebio e Monte Ortigara) al confine tra l'allora Trentino austroungarico e il Veneto, poiché il fronte dell'Isonzo si trovava in uno stato di stallo sin dall'inizio delle ostilità nel 1915.

La data del contrattacco italiano era stata fissata per l'inizio di giugno del 1917 ed affidato alla VI Armata del Generale Ettore Mambretti, che provvide a radunare un imponente quanto eccessivo concentramento di forze (114 Battaglioni di Fanteria, 22 di Alpini, 18 di Bersaglieri, 10 del Genio con l'appoggio di due treni blindati francesi e un contingente di artiglieria senegalese).

Il rapporto tra forze italiane e austriache era di 3 a 1; tuttavia gli uomini del generale Von Scheuchenstuel erano perfettamente piazzati con le artiglierie e con innumerevoli nidi di mitragliatrice lungo i circa due chilometri del fronte di attacco italiano. L'offensiva iniziò sotto i peggiori auspici: l'8 giugno una grande mina italiana preparata per annientare gli avamposti nemici sul Monte Zebio esplose in anticipo facendo una strage tra i soldati della Brigata "Catania". Quindi il maltempo fece rimandare al data dell'attacco, permettendo al nemico che si era accorto dell'imminente offensiva di organizzarsi per la resistenza.

Alle 5,15 del mattino del 10 giugno 1917 le artiglierie italiane aprirono il fuoco per ben 4 ore contro le postazioni nemiche. Di nuovo, per effetto di una serie di errori balistici e per l'inefficienza delle comunicazioni, una Brigata italiana, la "Sassari" fu decimata per effetto del fuoco amico.

Terminato il bombardamento, fu chiaro agli attaccanti che l'artiglieria italiana non era stata in grado di danneggiare sufficientemente i reticolati difensivi del nemico, che iniziò un intenso fuoco mirato contro i reparti italiani. A Nord del fronte d'attacco gli Alpini cercarono di espugnare il Monte Ortigara, con iniziali successi nonostante le gravi perdite subite. Il favore della nebbia svanì nel primo pomeriggio, e le penne nere si trovarono scoperte e sotto il tiro micidiale degli Austriaci.

Il Battaglione "Bassano" riuscì ad ascendere dal canalone del Agnellizza (noto in seguito come "canalone della morte") riuscendo a conquistare in un combattimento corpo a corpo la quota 2.003 quando già i morti italiani nel primo giorno della battaglia dell'Ortigara sono oltre 2.500. L'insuccesso dell'offensiva era indiscutibile; tuttavia Mambretti insistette sull'attacco di massa, che riprese dopo una pausa di alcuni giorni a causa del maltempo sceso nuovamente sulla zona dell'altipiano

Il 15 giugno il bombardamento italiano riprese e durò 25 ore, in seguito alle quali gli Alpini riuscirono momentaneamente a conquistare la vetta dell'Ortigara alla quota 2.105. Stremati e decimati, non furono in grado di proseguire la marcia per assicurare il caposaldo verso le postazioni nemiche del Monte Campigoletti e della Portula, che presto vanificarono il sacrificio delle penne nere.

Il 25 giugno infatti gli Austroungarici organizzarono un massiccio contrattacco con tutta la potenza di fuoco a loro disposizione, compresi gli ordigni a gas. Al termine della controffensiva l'Ortigara cadeva nuovamente in mano austriaca dopo 2 settimane di sangue per gli Italiani. La grave situazione e il morale a pezzi dei soldati italiani non furono affatto presi in considerazione da Mambretti il quale insistette per una ulteriore offensiva massiccia con le Brigate decimate e con i continui rincalzi richiesti anche al fronte isontino.

L'ultimo assalto italiano fu vano e richiese un ulteriore spargimento di sangue: solo gli Alpini della Brigata "Cuneo" riuscirono per poche ore a riconquistare la quota 2.003 del Monte Ortigara, quando giunse l'ordine di Cadorna di ritirarsi su posizioni difensive e gli Alpini superstiti furono fatti tutti prigionieri. La battaglia si concluse il 29 giugno 1917 e costerà agli Italiani un prezzo esorbitante in termini di giovani vite spezzate.

Un incrocio di dati tra i Comandi e lo Stato Maggiore inquadra le perdite italiane in circa 25.000 tra morti, feriti e dispersi. Meno di un mese dopo la fine della carneficina sui fianchi del Monte Ortigara, Mambretti sarà sollevato dal comando della VI Armata il 20 luglio 1917 e sostituito con il generale Donato Etna.

A breve la stasa sorte sarebbe toccata a Cadorna stesso dopo la disfatta di Caporetto pochi mesi più tardi.


Ventimila siamo stati
venti mila siamo morti
mamma mia quante croci
quante croci di dolor.

Ortigara, Ortigara
monte santo dell'alpino
la tua croce invoca al cielo
solo pace, sol pietà.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

24 maggio 1915, l'Italia nella prima guerra mondiale

Il patto di Londra, il colpo di stato di Salandra, D'Annunzio e gli intellettuali interventisti. L'anticipazione del fascismo

Prima guerra mondiale: il motore di ricerca dei soldati italiani uccisi

Cadutigrandeguerra.net è il sito web per trovare le informazioni essenziali sui 70mila militari sepolti a Redipuglia, Oslavia e Caporetto

“CalendEsercito” 2016, dedicato agli Italiani nella prima guerra mondiale

Ideato, prodotto e realizzato interamente dallo Stato Maggiore, è dedicato ai connazionali che, a vario titolo, hanno contribuito e partecipato alla Grande Guerra

Funi di guerra: le teleferiche militari nella prima guerra mondiale

Essenziale per i rifornimenti nella guerra alpina, la teleferica servì anche per evacuare i feriti dai pendii. Gli italiani ne costruirono oltre 2.000

5 libri sull’Italia nella Prima guerra mondiale

Il 4 novembre si celebra il Giorno dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate, in ricordo del giorno dell’armistizio di Villa Giusti del 1918

La prima guerra mondiale italiana e le guerre degli altri

Prima guerra mondiale: interventisti contro neutralisti

Entrare o meno nel conflitto? La lotta si risolve in un conflitto tra figure e idee complesse, tra interpretazioni politiche e culturali a più dimensioni

I 5 libri della settimana: Shoah e prima guerra mondiale

Da "Trieste" di Daša Drndić a "Guerra e trementina" di Stefan Hertmans, la nostra selezione di letture

La prima guerra mondiale nelle foto a colori

L'editore tedesco Taschen ha raccolto in volume 320 autocromie dai fronti della grande guerra

I 100 anni della Prima Guerra Mondiale

Il centenario dalla scoppio della Prima Guerra Mondiale nel 1914: un percorso fra idee, temi, libri e immagini

Le cause della prima guerra mondiale: 4 trappole

Uomini apparentemente ragionevoli ingabbiati da un "dilemma del prigioniero" al quale non sanno sfuggire. Risultato: una catastrofe da 10 milioni di morti

Agosto 1914, scoppia la prima guerra mondiale

Il 1° agosto 1914 la Germania dichiara guerra alla Russia. Poi tocca alla Francia e alla Gran Bretagna. Storia per immagini della caduta all'inferno dell'Europa

La prima guerra mondiale in sei minuti - Time-lapse

La mappa dei fronti con gli spostamenti delle linee dai primi di agosto del 1914 fino all'armistizio dell'11 novembre del 1918

Perché i videogiochi ignorano la Prima Guerra Mondiale

I titoli ambientati nel 1914-18 sono pochi: ecco cinque spiegazioni possibili, a un secolo dallo scoppio del conflitto - 100 anni

100 anni della Prima Guerra Mondiale: Paolo Fresu suona "Il Silenzio"

Domenica 27 luglio, sugli altopiani trentini di Folgaria l'iniziativa "Silenzio, si muore" per commemorare le vittime della Grande Guerra. In Italia e in altri paesi d'Europa

Triestini nella prima guerra mondiale. Estate 1914

Sotto le insegne dell'Impero Austro-Ungarico i primi soldati di lingua italiana a ricevere il battesimo del fuoco nella Grande Guerra saranno i triestini, i giuliani e i friulani. Inquadrati nel 97° Reggimento Fanteria austriaco e destinati in Galizia

Prima Guerra Mondiale, video di repertorio dell'Imperial War Museum

Il museo nazionale britannico fu fondato proprio durante il conflitto. Recentemente ha digitalizzato oltre 200 ore di filmati d'archivio

Il videogame sulla Prima Guerra Mondiale – 4 video

Valiant Hearts: The Great War, una graphic novel interattiva per i 100 anni della Grande Guerra

5 romanzi sulla Prima Guerra Mondiale

Alcuni libri per ricordare i cent’anni dell’attentato di Sarajevo, che trascinò il mondo nella catastrofe della Grande Guerra 

Altri libri sulla prima guerra mondiale

Un aggiornamento della nostra lista dei volumi per il centenario della Grande Guerra

Max Hastings, "Catastrofe 1914": i mesi iniziali della prima guerra mondiale

Lo storico britannico ci porta in una parte del conflitto spesso trascurata. Affascinante narrazione piena di testimonianze di soldati di ogni paese

Prima Guerra Mondiale, luoghi della memoria: la Battaglia della Somme/1

La prima tappa del viaggio fotografico di Peter Macdiarmid tra cimiteri militari, campi di battaglia, e Memoriali della Grande Guerra, nel centenario del suo inizio

Prima Guerra Mondiale, luoghi della memoria: la Battaglia della Somme/2

La prima tappa del viaggio fotografico di Peter Macdiarmid tra cimiteri militari, campi di battaglia, e memoriali della Grande Guerra, nel centenario del suo inizio

Prima guerra mondiale: se si ripetesse oggi il tragico errore di 100 anni fa

Piccola rassegna delle analogie fra la situazione internazionale di oggi e quella del 1914, alla vigilia dell'attentato di Sarajevo

Sironi e la Grande Guerra. L’arte e la prima guerra mondiale dai futuristi a Grosz e Dix

A Chieti una rassegna della stagione del conflitto, con al centro il lavoro di Mario Sironi, ispirato dalla guerra ben oltre il quadriennio bellico

La prima guerra mondiale: chi se l'aspettava!

Stefan Zweig nel suo Il mondo di Ieri ha rappresentato perfettamente la sorpresa dell'Europa occidentale allo scoppio della Grande Guerra. Eppure i segnali non mancavano

4 novembre, la festa delle forze armate nel giorno della fine della prima guerra mondiale

Una raccolta di manifesti storici che celebrano la ricorrenza del 4 novembre, giorno in cui nel 1918 per l'Italia finiva la Prima Guerra Mondiale

Prima Guerra Mondiale, le foto d'archivio di Europeana e The Commons

#WW1- Si avvicina il centenario dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale: per l'occasione musei, istituti di ricerca e governi, aprono i loro archivi fotografici per raccontare la grande guerra attraverso testimonianze e immagini di chi l'ha vissuta

La prima guerra mondiale, perché ci affascina ancora

#WW1- Ci prepariamo al centenario della Grande Guerra scavando nelle idee, nei temi, nei libri che ancora ci fanno sentire vicini a quella generazione di giovani bruciata nelle trincee

Prima guerra mondiale, le cause e le colpe dei "sonnambuli"

#WW1- In The Sleepwalkers, Christopher Clark, professore a Cambridge, delinea la complessa interazione di eventi, errori, narrative falsificate, incapacità di leggere la realtà che portarono le potenze alla tragedia del 14-18

Commenti