I migliori hotel per vegani
I migliori hotel per vegani
Italia

I migliori hotel per vegani

Sono sempre di più ed hanno bisogno di servizi speciali. Ma la scelta sta diventando sempre più ampia e di livello

In Italia nel 2019, secondo i dati dell'istituto di ricerca Eurispes, il numero dei vegani è cresciuto dal 7,3% all'8,9% della popolazione. Il veganismo è una vera e propria filosofia di vita data da motivazioni salutistiche, etiche, ambientaliste e animaliste. La scelta di non consumare più prodotti di origine animale riguarda il 2,2 % della popolazione, un dato che non è mai stato alto come oggi. Due le motivazioni principali: il miglioramento della propria salute e l'amore per gli animali. Così molte strutture ricettive si sono o si stanno adeguando, scegliendo uno stile green per soddisfare chi vuole viaggiare nel rispetto dell'ambiente. Negli anni passati gli hotel vegan, piuttosto tristi nella loro essenzialità, si contavano sulle dita di una mano. Attualmente nel mondo esistono diversi alberghi vegani da favola, strutture meravigliose che hanno fatto del vivere "eco", il proprio biglietto da visita.

ALTO ADIGE

La Vimea, una piccola oasi di benessere, è considerato il primo hotel 100% vegano in Italia, alimentato solo grazie a energia rinnovabile e che serve esclusivamente piatti 100% vegetali. Una struttura per adulti e bambini dai 12 anni, dove godere di una vacanza all'insegna del relax e dell'armonia con animali e ambiente, tra lezioni di yoga, passeggiate nei boschi e momenti di benessere nella Spa della struttura.



A Foiana, c'è il resort Alpiana, dove la sostenibilità ambientale è parte integrante della sua filosofia. Ovunque in hotel si cerca, ove possibile, di rinunciare alla lavorazione di prodotti di origine animale, soprattutto in cucina, dove si presta la massima attenzione alla provenienza e alla qualità degli ingredienti su base stagionale e territoriale. Perché anche le ricette tipiche dell'Alto Adige possono essere preparate senza prodotti di origine animale. Lo dimostra lo chef Arnold Nussbaumer che esprime al meglio la sua creatività nei piatti vegani. Molto accogliente la spa di 2000 mq su tre piani, con 6 saune e 5 piscine, tra cui una vasca salina a forma di cuore.

LIGURIA

A Garlenda (Sv), a metà strada tra Montecarlo e Portofino, La Meridiana Resort, affascinante dimora della Riviera italiana, di fronte a un campo da golf, propone, con due menu, di cui uno vegano, il meglio della cucina locale nei suoi due ristoranti: "il Rosmarino" e "il Bistrot". In entrambi la costante ricerca della qualità è sublimata nella cura e nella passione con cui il proprietario, Edmondo Segre, sceglie i prodotti per la cucina. Il meglio del pescato locale, le verdure più fresche, di stagione come i carciofi, le tenere zucchine e gli asparagi viola di Albenga, le tome ed i crotin dalle valli del Col di Nava.



TOSCANA

Immerso tra i vigneti e gli uliveti che circondano la cittadina etrusca di Cortona, c'è una splendida residenza familiare del XVII secolo, da molti anni trasformata nel resort Il Falconiere. Il suo omonimo ristorante stellato, ricavato dall'antica limonaia di villa Baracchi, dispone di un'elegante sala interna e una suggestiva terrazza panoramica che affaccia su Cortona e le sue colline. L'altissima qualità delle materie prime, a km 0, e il rispetto della loro stagionalità sono gli ingredienti principali dei menù, accompagnati da un'ampia carta dei vini, tra cui spiccano le dodici etichette dell'azienda Baracchi. Tra le proposte anche diversi piatti vegani, ideati in prima persona dalla chef e Maître de Maison Silvia Regi Baracchi, curati in ogni dettaglio così come l'impiattamento perché anche "l'occhio vuole la sua parte". Ultima chicca: Silvia tiene lezioni di cucina in cui insegna a cucinare autentiche ricette toscane, anche vegane, in un ambiente progettato e arredato appositamente.



GRAN BRETAGNA

A Londra, all'interno dell'hotel Hilton London Bankside, c'è la prima suite vegana del mondo che utilizza soltanto materiali di origine vegetale. Al bando pellami, piume e lana: protagonista è l'ananas. Il materiale usato è infatti il piñatex, una pelle alternativa, realizzata con le fibre di cellulosa delle foglie del frutto tropicale. Dalle sedute alle testiere dei letti. I tappeti sono di cotone e i cuscini da letto imbottiti a scelta con il grano biologico, il grano saraceno, il miglio, il kapok o le fibre di bambù. Le tende in "seta" a base di soia e i pavimenti in bambù sostenibile.

Saorsa 1875 è la prima struttura 100% vegana del Regno Unito. In questo hotel, che sorge a Pitlochry, tra le colline del nord della Scozia, tutto è vegano ed eco-friendly, partendo dalla linea cortesia in camera, ai prodotti per la pulizia della struttura, agli arredi, fino al cibo, la cui preparazione, che si ispira alle tradizioni culinarie locali, avviene con ingredienti vegani, a km zero.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti