Il museo di Van Gogh ad Amsterdam riapre dopo 171 giorni
iStock
Il museo di Van Gogh ad Amsterdam riapre dopo 171 giorni
Europa

Il museo di Van Gogh ad Amsterdam riapre dopo 171 giorni

«Quando abbiamo saputo che potevamo andare di nuovo al museo, ho detto a mio marito: “Andiamo da Van Gogh”». Dopo 171 giorni di chiusura, il Van Gogh Museum di Amsterdam ha finalmente riaperto le sue porte ai visitatori, il 5 giugno scorso.

In mezzo a una distesa di girasoli, la direttrice Emilie Gordenker ha dichiarato: «Siamo emozionati. Quello che sta succedendo qui, in questo momento, è esattamente quello che volevamo. Non vediamo l’ora di accogliere i nostri visitatori e abbiamo una nuova grande mostra che siamo molto ansiosi di condividere».


La direttrice Emilie Gordenker (Yassier Jonis)


Here to Stay: Un decennio di straordinarie acquisizioni e le loro storie è il titolo della nuova esposizione, aperta virtualmente a febbraio. Incentrata sulle opere che il museo ha aggiunto alla sua collezione negli ultimi anni, presenta non solo lavori di Vincent Van Gogh ma anche di artisti a lui collegati, suoi contemporanei che negli anni lo hanno ispirato. Tra i 150 dipinti, disegni, stampe, sculture e lettere in mostra, troviamo grandi nomi dell’epoca come Claude Monet, Berthe Morisot, Edgar Degas e Henri de Toulouse-Lautrec. Ma i visitatori potranno anche scoprire opere di artisti meno noti come Henri Guérard e Adolphe Appian.

Le acquisizioni presentate nella mostra sono accompagnate da una serie di storie personali, raccontate da diverse prospettive: quelle di curatori e restauratori, ma anche di collezionisti e di dieci abitanti di Amsterdam, offrendo ai visitatori una nuova visione delle opere d'arte e invitandoli esplicitamente a considerare la propria personale percezione in relazione all'arte – che, come proprietà pubblica, appartiene a tutti noi. Tra questi figura anche il poeta Gershwin Bonevacia che per l’occasione ha scritto un’opera. «Ciò di cui abbiamo bisogno (...) La cultura è la base più importante, la città sta reagendo con creatività, ispirazione e connessione. (…) In questo momento artisti, creativi e conservatori ci offrono una prospettiva, una visione del futuro» ha declamato durante la cerimonia per la riapertura.

Una linea di profumi dedicata al pittore

«Floral Street e il Van Gogh Museum condividono la missione di ispirare un pubblico eterogeneo per le generazioni future. La nostra collaborazione offre un modo nuovo e diverso di vivere l’arte di Van Gogh». Con queste parole, la direttrice del museo di Amsterdam, Emilie Gordenker ha annunciato la prima linea di fragranze ispirate all’artista.

Alcune delle più grandi opere del pittore si trasformeranno così in «sensazioni olfattive» grazie all’aiuto del marchio Floral Street, famoso per la cosmesi ecologica e accessibile. «Sono onorata che Floral Street sia stato scelto come primo marchio di fragranze a collaborare con il Van Gogh Museum. Traendo ispirazione dai capolavori senza tempo di Vincent van Gogh, abbiamo scoperto un amore condiviso per la natura e la ricerca della bellezza nel quotidiano» ha dichiarato la fondatrice del marchio Michelle Feeney. «Attraverso questa collaborazione, siamo in grado di raccontare la nostra storia in un modo nuovo, in cui la bellezza dell'arte e del profumo si incontrano».

La partnership di quattro anni di licenza tra Floral Street e il Van Gogh Museum attraverso Fragrance e prodotti profumati per la casa vedrà il primo lancio nell'agosto 2021 che darà vita alla bellezza e all'ottimismo di uno dei capolavori più famosi di Vincent van Gogh.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti