Quella scia di profumo malizioso che sa di estate
iStock
Quella scia di profumo malizioso che sa di estate
Beauty

Quella scia di profumo malizioso che sa di estate

Il primo non poteva che essere firmato da Jean Paul Gaultier, il nuovo Le Beau Le Parfum in declinazione intensa, fatto per catturare tutti gli sguardi e l’attenzione con il suo sentore diabolico e virile da seduttore sexy.

All’interno della boccetta blu intenso, sul design di un fisico impeccabile su cui è posizionata una ammiccante foglia di fico dorata, una fragranza ricca di contrasti che si apre con note di zenzero esaltato dalla dolce e intensa fava tonka, seguito da iris e ambra, pronti a creare una vera dipendenza olfattiva.

Sempre i profumieri della Maison, Nathalie Cetto & Quentin Bisch, hanno editato anche l’edizione limitata Classique & Le Male Pride 2022, una eau de toilette di coppia che sostiene i colori del Pride e inneggia libertà, uguaglianza e quel desiderio selvaggio di amore incondizionato.

La nota condivisa e unificante è il neroli, aroma sontuoso e delizioso che dispiega un arcobaleno pieno di sfumature, cui aggiungere scorze agrumate, basilico, yuzu fresco e una fioritura finale assolutamente coinvolgente.

Lo stesso dress code veste la boccetta per lui e per lei, ispirata ad abiti d'archivio prêt-à-porter in stile marinière con la bandiera arcobaleno.

Cariche di emozione e sentori naturali, le tre nuove profumazioni di Filippo Sorcinelli hanno un unico nome intenso ed evocativo, Pioggia, con un extrait de parfum più gentile, moderato oppure forte, esattamente come la quantità di acqua che si riversa e rompe il silenzio. Questa collezione "atmosphere d’emotion" segue la medesima scia d’ispirazione che aveva già portato alla creazione della serie Nebbia, altre essenze dense e totalizzanti.

L’aroma Pioggia Debole si evoca con bergamotto, iris, una nota marina, mirto, noce moscata, gelsomino, chiodi di garofano, legni preziosi, complessi terrosi, muschio, timo, fava tonka, labdano, patchouli, sandalo.

Quando arriva Pioggia Moderata l’evoluzione armonica odora di bergamotto, pino, nota marina, limone, gelsomino, legno di cedro virginia, benzoino, sandalo, muschi, legni preziosi.

Il rovescio improvviso e la Pioggia Forte si fonde in un mix di gardenia, rosa, geranio, gelsomino, ciclamino, nota marina, muschi, benzoino, ambra, legni preziosi, muschio vegetale.

Julian Bedel, fondatore del marchio Fueguia 1833, importa dalla Patagonia materie prime naturali e ingredienti vergini. In questo ambiente, il founder trova l’ispirazione per le sue fragranze che raccontano la storia di una terra e del suo popolo argentino e di tutta la vibrante realtà e cultura del Sud America.

Una delle simboliche essenze è proprio quella che tributa l’era delle esplorazioni scientifiche, dedicata all’incontro tra il naturalista Charles Darwin, il navigatore Robert Fitz Roy e la nativa della Tierra del Fuego. La formulazione e la produzione con processo di macerazione avvengono a Milano, all’interno di un laboratorio di 1.000 metri quadrati, accanto cui c’è anche una falegnameria dove vengono prodotti tutti i packaging 100% plastic free. Il profumo Darwin appartiene alla famiglia olfattiva legnosa e agrumata, con tre principali ingredienti: legno di cedro, vetiver e pompelmo.

In collezione, c’è anche Arabica, un altro elisir dal sentore esotico, aromatico e legnoso, a base di roasted beans, tabacco e vetiver.

Una essenza elegante che si rifà ai rinomati sarti di Londra e alle storie di gentiluomini e cavalieri, Arthur, è firmata dal brand intitolato a William Penhaligon. Il drago fortunato che lo rappresenta si incontra in un viaggio – artisticamente rappresentato anche nella confezione - verso il Celeste Impero con lo scopo di elevare il proprio spirito e trovare l’elisir corrispondente: salvia, incenso, resina, vaniglia, semi di ambrette, fava tonka e pompelmo.

Lo stilista Christian Louboutin riporta tre nuove eaux de parfum intense dal suo viaggio a ritroso dal Portogallo, illustrate dai disegni stravaganti di Hélène Tran.

Questo accattivante percorso profumato ha fatto tappa in una casa di pescatori portoghesi, in un paradiso di luci e onde: «Il Portogallo è uno dei miei posti preferiti al mondo. Ci vado ogni anno per progettare le mie collezioni estive. La luce, la gente e l’atmosfera rilassata mi toccano e mi ispirano enormemente» dichiara il couturier.

È proprio lì, al largo della costa dell'Alentejo, che è nata la sua visione per le nuove Eau de Parfum Légère Loubimar, con i sentori dei giardini portoghesi e il salato dalle maree atlantiche. Il bouquet firmato dal "naso" Caroline Dumur porta l’odore di agrumi, di muschio e tuberosa, di limone e mandarino. I famosi tacchi a spillo Louboutin con la iconica suola rossa sigillano la boccetta e il tappo formato da uno scultoreo riccio di mare irto di spine.

Altro mare, quello della Costa Azzurra, intitola il profumo originale ed elegante di Tom Ford, espressione intensa di un’evasione edonistica sulle coste mediterranee.

«Penso che, in questo momento, tutti noi abbiamo bisogno di un momento di evasione e la fragranza Costa Azzurra simboleggia in aroma un tuffo nei piaceri edonistici e lussuosi del Mediterraneo, un respiro di aria fresca stuzzicante e vigorosa».

Sublimate nel falcone metallizzato adornato da una raffinata targhetta in metallo dorato con tappo abbinato, note legnose ed erbe aromatiche, il limone italiano, i legni di quercia e cipresso, insieme ad altri odori della fitta vegetazione forestale costiera. A cui si aggiungono una sbalorditiva assoluta di cisto e un accordo armonioso d’ambra.

Le Beau Le Parfum di Jean Paul Gaultier


Un’interpretazione nuova dell'iconica Acqua Di Giò Eau De Parfum in versione ecologica, fatta con ingredienti aromatici di provenienza sostenibile, porta la firma di Giorgio Armani. Il suo effetto delicato ma sensuale persiste sulla pelle, che emana note frizzanti di mandarino verde, salvia sclarea ed essenza di patchouli, note marine, vetiver, lavanda fresca e geranio bourbon. La boccetta ha il suo ricaricabile infinito ed esteticamente bello che dura nel tempo.

A comporla è stato il maestro profumiere Alberto Morillas, dall'inizio creatore di tutte le fragranze Acqua Di Giò. Il suo design elegante e maschile è realizzato in vetro trasparente, con un esclusivo tappo di legno scuro.

L’innovativo carbon neutral si associa anche al profumo femminile My Way, incapsulato in un nuovo flacone in vetro satinato che lascia intravvedere il delicato jus rosa della fragranza.

Esso simboleggia tutta l'eccitazione e lo schiudersi di possibilità che derivano da un nuovo incontro, tradotto con un bouquet fresco di fiori bianchi uniti a note verdi, composto dai maestri profumieri Carlos Benaïm e Dominique Ropion (entrambi di IFF).

La variante My Way Floral evoca una fusione di mandarino verde, olio di petitgrain, fiore d'arancio, arancia amara, tuberosa, olio di neroli, estratto di vaniglia bourbon, muschio bianco, un vero talismano rassicurante da portare in viaggio.

Il nuovo flacone in vetro satinato di My Way Floral crea un effetto semitrasparente che richiama la freschezza della rugiada mattutina quando si deposita sui fiori, chiuso da un tappo gioiello blu intenso con anello dorato.

Ultimi nati in casa Dries Van Noten Beauty, le collezioni del più influente ed enigmatico stilista belga, noto per la sua maestria con il colore e le stampe, che raccontano un inaspettato mondo olfattivo. Con il suo stile inconfondibile, Dries Van Noten gioca con la dualità e con il contrasto, evocando storie da cinque sensi colme di colori e stampe.

Ogni flacone è un’espressione della dualità perché abbina sorprendenti e insoliti ingredienti, una sorta di "prime volte" della profumeria, che stimolano piacere sensoriale. Partendo dai nomi di battesimo e dai loro ideatori professionali, si scoprono Jardin De L’orangerie nel giallo vivace dei fiori d’arancio (Daniela Andrier), Neon Garden con sentori di iris e menta (Fanny Bal), Rosa Carnivora monocroma con stampa animalier (Daphné Bugey) oppure con il rosso metallizato di Raving Rose (Louise Turner). Di legno e note verde bosco c’è il proibito Cannabis Patchouli (Nicolas Bonneville), mentre Santal Greenery associa legno e foglia verde del fico (Nisrine Grillie).

Voodoo Chile è il profumo dedicato a Jimi Hendrix con note rock di rosmarino e patchouli(Nicolas Beaulieu). Rock The Myrrh rilascia un’overdose di mirra unita alle resine di benzoino e cisto, cipresso e pepe rosa (Amélie Jacquin), poi l’inaspettato Fleur Du Mal abbina la dualità dell’osmanto sensuale e selvaggio, angelico ma anche demoniaco (Quentin Bisch) e Soie Malaquais è l’ultima golosa miscela balsamica di castagna e sensuale vaniglia (Marie Salamagne).

I più letti