Schermata 03-2457092 alle 14.14.47
Life

Mamma e nonna insieme per amore del figlio gay

E' la storia di una donna che ha affittato l'utero al figlio affinché potesse diventare padre

E' una storia che continua a far discutere quella di Anne-Marie Casson e del figlio Kyle. Lui, giovane uomo single e gay aveva un forte desiderio di diventare padre, lei, ancora giovane, lo ha aiutato a realizzare il suo sogno.

Kyle, infatti, essendo single ed omosessuale non aveva la possibilità di seguire la via dell'adozione e anche per chiedere l'aiuto di una madre surrogata le agenzie storcevano il naso proprio perchè da solo.

Così Anne-Marie, madre del ragazzo di 27 anni, si è offerta di "ospitare" il nipote nel suo utero. Kyle ha fecondato l'ovulo di una donatrice e poi l'embrione è stato impiantato nell'utero della mamma-nonna.

La gravidanza è andata a buon fine e Kyle è diventato fratello di un bel bambino, Miles, pur essendone padre. 

L'Alta corte inglese, come riporta il Daily Mail ha accettato la richiesta di adozione da parte di Kyle e, adesso, il bambino è a tutti gli effetti il figlio di suo padre e non il fratello come biologia imporrebbe.

Anche la madre-nonna, per decisione della Corte, adesso è solo nonna e insieme questa strana famiglia che dimostra come tutto sia relativo si cresce con amore il bambino. 

"So che qualcuno non capirà e sarà contrario a ciò che abbiamo fatto - ha dichiarato Kyle - ma per come la vedo io, se si ha la voglia di avere un bambino e la possibilità di mantenerlo tutti hanno diritto a diventare genitori. A parte quell'amico - al quale non parlo più - tutti i nostri conoscenti sono stati di grande supporto. Nessuno ha il diritto di negare agli altri questa opportunità. Dovremmo vivere in un mondo in cui tutti hanno uguali opportunità, ma i single sono discriminati. La legge dice che avere un bambino è troppo per una persona sola, ma io ho dimostrato che non è sempre vero. Ci occupiamo di lui, è amato e per farlo nascere ho pagato tutto da solo con un piccolo aiuto dei miei genitori: questo è tutto quello che conta"

E la signora Casson ha aggiunto: "Perché a mio figlio dovrebbe essere negata la possibilità di diventare padre se può dare a suo figlio una casa piena d'amore? Io ho adorato essere madre. Ogni giorno è prezioso e passa così velocemente. Un tempo ero la madre single di tre bambini sotto i cinque anni e ogni volta che guardo le loro vecchie foto vorrei che il tempo tornasse indietro. Alcuni nonni non vogliono essere coinvolti nella crescita dei nipoti, io invece ho sempre voluto essere presente il più possibile".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mi manca tanto un figlio. Ma da gay, e da cattolico nell’animo, non me la sento di prendere un utero in affitto

Il direttore di Chi e il più irriverente dei conduttori televisivi. Una coppia professionale nata nel 2001, e celebrata da una copertina di Panorama, torna a dialogare in un’intervista sorprendente. Dove il giornalista re del gossip, appena superata la soglia dei 50 anni, parla di tutto: i soldi e la sordità; la politica, Silvio Berlusconi e Matteo Renzi; la tv, Bruno Vespa, Giovanni Floris e Michele Santoro; ma anche la morte, l’amicizia, l’amore e l’omosessualità. E annuncia: "Me ne andrò presto dalla direzione del giornale: io nasco e morirò professore"

Commenti