Le minacce nucleari al mondo in risposta alle nuove sanzioni decise all'unanimità dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu sono solo l'ultimo "exploit" internazionale del leader nordcoreano Kim Jong-un, 33enne dittatore (è nato l'8 gennaio 1983) accusato di inaudite atrocità ai danni della sua popolazione tra violenze gratuite e campi di prigionia per i dissidenti. 

- LEGGI ANCHE: Corea del Nord, la bomba all'idrogeno spaventa il mondo
- LEGGI ANCHE: Perchè la bomba potrebbe non essere all'idrogeno
- LEGGI ANCHE: La biografia di Kim Jong Un
- LEGGI ANCHE: Cosa sappiamo davvero del test nucleare

Le notizie che trapelano dalla Corea del Nord sono sempre difficili da verificare, ma la lista degli orrori commessi dal sanguinario e imprevidibile Kim Jong-un è sicuramente lunga a dispetto della sua giovane età e del fatto che detiene il potere nel Paese dal 18 dicembre 2011, cioè dal giorno successivo la morte del padre Kim Jong-il, in carica dal 1994 e a sua volta succeduto a Kim Il-sung, capostipite di questa brutale dittatura familiare iniziata nel 1948. 

In particolare, l'Huffington Post ha stilato un elenco delle 10 follie del dittatore con relative fonti d'origine e con i possibili dubbi sulla loro veridicità. Eccole riassunte...

1. La Corea del Nord ha ordinato agli studenti maschi di tagliare i capelli come il leader supremo Kim Jong Un.

Fonte: Il servizio coreano di Radio Free Asia ha riportato la notizia citando una fonte anonima della Corea del Nord che ha descritto una direttiva del Partito dei Lavoratori agli studenti nel marzo 2014.

Verdetto: Dubbio. Sembra che possa essere stato un suggerimento e non un obbligo. I visitatori e i giornalisti all'interno Corea del Nord hanno testimoniato all'Associated Press che non vi era alcun segno di acconciature degli studenti simili al taglio di Kim.

2. La Corea del Nord ha 28 acconciature approvate dal governo per uomini e donne.

Fonte: Hong Kong Phoenix TV ha riportato le immagini delle acconciature approvate dallo stato nel 2013.

Verdetto: Dubbio. NKNews dice che le immagini diffuse sono in realtà manifesti di barbieri che offrono una selezione di possibili tagli e non stili obbligatori .

3. Il governo della Corea del Nord non ha una politica ufficiale per quello che riguarda le acconciature.

Fonte: La BBC ha riferito che diverse campagne mediatiche della Corea del Nord approvavano le acconciature ufficiali e ridicolizzavano le persone con i capelli lunghi.

Verdetto: Probabile. Secondo la BBC, uno show televisivo di stato ha addirittura avvertito la popolazione che i capelli lunghi danneggiano l'intelligenza consumando l'energia del cervello.

4 . Il governo della Corea del Nord ha una politica precisa sulla moda.

Fonte: I profughi hanno denunciato il divieto, da parte del dittatore, di portare abiti con scritte in inglese e, per le donne, di indossare i pantaloni; così come è obbligatorio indossare il distintivo che riporta le immagini dell'ex leader Kim Il Sung e di suo figlio Kim Jong Un.

Verdetto: Probabile. Anche se gli esperti dicono che Kim Jong Un ha allentato le regole della moda per avvicinarsi a una generazione più giovane, e che non erano applicate in modo rigoroso. E che le donne avevano la possibilità di indoissare i pantaloni al lavoro.

5. Kim Jong Un ha dato in pasto lo zio a dei cani affamati.

Fonte: Dopo che la Corea del Nord ha annunciato l'esecuzione dello zio del leader supremo e dei suoi ufficiali, il giornale di Hong Kong Wen Wei Po ha riportato nei dettagli il metodo particolarmente brutale: lo zio e i suoi cinque aiutanti sono stati spogliati nudi e sono stati sbranati da 120 cani affamati per cinque giorni.

Verdetto: Dubbio. Il blogger Trevor Powell ha scoperto che la storia ha avuto origine da un post satirico sul blog cinese Tencent Weibo, secondo NPR. Qualunque sia stato il metodo, Kim ha comunque arrestato pubblicamente e giustiziato suo zio nel dicembre del 2012, il più alto in carica fra i suoi funzionari.

6. Kim Jong Un ha giustiziato la sua ex-fidanzata, insieme al suo gruppo musicale, accusandoli di aver girato un video pornografico.

Fonte: Due le versioni. Nel settembre 2013, il giornale Chosun Ilbo della Corea del Sud ha riferito che decine di cantanti, tra cui la presunta ex amante di Kim, la pop star Hyon Song Wol, sono stati giustiziati con l'accusa di pornografia. Nel frattempo il quotidiano giapponese Asahi Shimbun ha riferito che le accuse porno erano relative ad alcuni ex componenti del gruppo musicale dell'attuale moglie di Kim, Ri Sol Ju , e che sono stati giustiziati dopo avevano riferito dettagli sul suo passato sessuale.

Verdetto: Non verificabile. La Corea del Nord ha riferito ufficialmente che le notizie sono state falsificate e chei gruppi pop hanno solo cessato di apparire in pubblico. Alcuni esperti, intervistati da The Guardian, hanno riferito che le storie di questo genere sono quasi impossibili da verificare.

7. La Corea del Nord ha giustiziato un alto funzionario con il lanciafiamme. 

Fonte: Aprile 2014: il quotidiano Chosun Ilbo della Corea del Sud ha riportato che uno dei funzionari dell'ex reparto di Jang è stato bruciato vivo con i lanciafiamme.

Verdetto: Non verificabile. Venendo poco dopo l'annuncio dell'esecuzione dello zio in pasto a cani affamati, questa storia sembra essere poco affidabile. Tuttavia, non è la prima volta che un metodo di esecuzione così raccapricciante è stato segnalato. Un mese prima dei giornalisti (sotto copertura in Corea del Nord per la rivista Rimjingang) hanno riportato una voce diffusa nel paese: i funzionari fedeli a Jang sarebbero stati uccisi da una granata, e  " i resti dei loro corpi erano stati inceneriti da un lanciafiamme".

8. La Corea del Nord ha polverizzato un funzionario con una cannonata.

Fonte: Chosun Ilbo ha riferito nel 2012 che un funzionario militare, trovato ubriaco durante il periodo di lutto per Kim padre e predecessore Kim Jong Il, è stato condannato a morte e ucciso con colpo di mortaio, dopo che Kim diede l'ordine che non restasse "nessuna traccia di lui, capelli compresi".

Verdetto: Non verificabile. La vicenda riapparve nel quotidiano Choson Ilbo sette mesi dopo, con la dichiarazione che il generale ucciso fosse il vice ministro della difesa. Sembra però che le storie legate a queste purghe selvagge siano spesso esagerate per intimidire gli altri funzionari militari.

9. La Corea del Nord ha prodotto il suo smartphone - soprannominato Pyongyang Touch.

Fonte: l'agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord in agosto 2013 ha annunciato il lancio dello smartphone Arirang, fabbricato nel paese con " tecnologie autoctone"
Verdetto: Dubbio . Il sito tecnologico GSM Insider ha confrontato le immagini del telefono cellulare della Corea del Nord con un modello cinese  e ha concluso che il Arirang è un clone a cui è stato solamente cambiato il brand.

10. Kim Jong Il ha rapito un famoso regista per rilanciare l'industria cinematografica della Corea del Nord. 
Fonte: Il regista Shin Sang -ok e sua moglie, l'attrice Choi Un- hui , hanno riferito che Kim Jong Il li aveva loro rapiti e aveva ordinato loro di migliorare i film nordcoreani. Cosa che hanno fatto per otto anni, fino alla loro fuga.
Verdetto: Probabile. Alcuni profughi hanno testimoniato che i film della coppia divennero popolari nella Corea del Nord, tra cui la versione nordcoreana di Godzilla. Inoltre, il regista Shin è riuscito a registrare delle conversazioni con il defunto leader e ha scritto un libro di memorie dettagliato.

Diciamo così: tante sono le notizie che circolano sulla Corea del Nord. E spesso è impossibile verificarne la veridicità.

Ma una cosa è certa: il regime dittatoriale di Pyongyang continua a macchiarsi di orrori e oppressioni. Ed è difficile accettare che un uomo di questo genere possa impunemente compiere delitti senza che nessuno intervenga.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>