Alluvione Genova: Allerta 2 fino alle 24 di lunedÏ
Cronaca

Genova di nuovo allagata: dopo l'acqua, rabbia e polemiche

Dopo la paura la città tenta il recupero, con forza e dignità. Si è ripetuto il disastro del 2011. Pioggia di accuse sulle istituzioni

Come nel 2011, con la Protezione Civile (già travolta dalle polemiche per quanto accaduto) che ha confermato l'allerta 2 - la più alta - fino alle 24 di lunedì: Genova ha vissuto la sua seconda notte di terrore sotto vere e proprie bombe d'acqua che hanno allagato molte zone della città trasformando le strade in torrenti ed hanno invaso di nuovo scantinati e negozi. Sottopassi chiusi, viabilità critica.

In Valbisagno Protezione Civile, vigili del fuoco e polizia municipale hanno fatto scattare l'allerta massima suonando le sirene per segnalare il pericolo perchè i torrenti avevano superato i livelli di guardia. I momenti di grande criticità si sono registrati tra le 2 e le 3 nel ponente dove gli allagamenti hanno interessato Sestri, Voltri, Pegli, Multedo e Borzoli dove è esondato il Rio Ruscarolo. A Voltri il torrente Leira, a Pegli il Varenna, a Cornigliano il Polcevera hanno superato i livelli di guardia. Alcuni automobilisti, che si sono trovati nelle strade allagate, sono saliti sui tettucci delle vetture e sono stati soccorsi dai vigili del fuoco.

Intorno alle 3 in Valbisagno, dove due notti fa c'e' stata l'esondazione che ha provocato anche un morto, i torrenti Fereggiano e Bisagno hanno sfiorato gli argini facendo temere per una nuova alluvione. Gli abitanti della zona, terrorizzati ed esasperati, hanno tempestato di telefonate centralini di forze dell'ordine e vigili del fuoco. In alcune zone della città, dove le strade sono in pendenza, la quantità d'acqua caduta ha avuto la forza di trascinare via cassonetti per i rifiuti e di spostare anche alcune auto.

Intorno alle 3:30 i temporali sono cessati e sono rimaste precipitazioni sparse. Per evitare che gli automobilisti in transito sull'autostrada potessero raggiungere la zona della Valbisagno, è stato chiuso il casello di Genova est.
La forte perturbazione si è poi spostata a levante su Recco, Portofino, Rapallo, Chiavari. A Rapallo il torrente Boate, nel centro della città è a rischio esondazione. Situazione critica anche per il fiume Entella e il torrente Lavagna.


 
Leggi anche come il presidente dei geologi della Liguria accusa: tante parole e pochi fatti


I cittadini, e soprattutto tanti giovani, si sono però riversati nelle strade per raccogliere fango e detriti, cercare di liberare negozi, case e spazi devastati dalla potenza dell'acqua. La città tenta il recupero, con forza e dignità come mostrano queste immagini.

 

Giovedì notte

Tutto è iniziato nella notte tra giovedì e venerdì, quando a esondare con le forti piogge è stato non solo il Rio Feregiano (responsabile della precedente alluvione), ma anche il torrente Bisagno e lo Sturla. Un morto, a Borgo Incrociati, nei pressi di una fermata dell’autobus: si tratta di Antonio Campanella, un infermiere di 57 anni residente nella zona di Brignole, investito dalla piena probabilmente mentre stava rientrando a casa dal lavoro.

Nella mattinata di ieri, dopo che nella notte in una sola ora (dalle 22 alle 23) erano caduti nell'area già satura d'acqua del Bisagno circa 150 mm di pioggia, come comunicato dall'Arpal, lo scenario presentatosi agli occhi dei cittadini è esattamente quello di tre anni fa: vie allagate, auto travolte dalla piena e danni ingenti a case ed esercizi pubblici, con larga parte di Genova paralizzata, mentre il servizio ferroviario è ripreso regolarmente anche se si è registrato nel pomeriggio il deragliamento del treno Genova-Torino (con due passeggeri contusi), uscito dai binari nella frazione di Fegino probabilmente per una frana.

E sono subito scoppiate le polemiche: "L'allerta meteo per l'alluvione non è stata data perchè le valutazioni dell'Arpal basate su modelli matematici non hanno segnalato l'allarme" ha dichiarato l'assessore regionale alla protezione civile Raffaella Paita.

La situazione dunque resta molto critica (anche per effetto delle non felici previsioni meteo), con zone prive di corrente elettrica e strade ostruite dai detriti, mentre già stanno montando le polemiche per il nuovo disastro ambientale. Le autorità hanno disposto la sospensione delle scuole e dei mercati cittadini, con l'invito alla popolazione di muoversi solo in caso di strettissima necessità.

I video dell'alluvione


Mentre la Procura ha già aperto un fascicolo per omicidio colposo in relazione alla morte di Antonio Campanella, il sindaco Marco Doria ha puntato il dito contro la burocrazia: "Basta ricorsi che frenano i lavori per la messa in sicurezza del Bisagno", ha affermato il primo cittadino riferendosi ai necessari interventi sul torrente in un tratto tra la stazione di Brignole e la Questura, che sono fermi da anni - pur essendoci già il finanziamento - a causa di un ricorso al Tar da parte dell'impresa arrivata seconda nella gara d'appalto.

Le giustificazioni del Comune non fermano però la rabbia e l'indignazione dei cittadini, con alcuni residenti del quartiere Fereggiano che hanno aggredito e insultato polizia municipale e tecnici della protezione civile. Da parte loro, i Vigili del Fuoco hanno invece già fatto sapere di aver proceduto al momento a più di 250 interventi. Nel frattempo la Cgil ha annullato lo sciopero generale precedentemente indetto a Genova per la giornata di mercoledì 15 ottobre.

© Riproduzione Riservata

Commenti