Tramonti, altitudini, scenari lunari, paesaggi surreali: c'è tutto questo - e molto altro ancora - negli scatti fotografici dei vincitori di “Vite in Viaggio”, il concorso fotografico curato e organizzato dall’associazione Verona Arte e Musica con l’agenzia veronese MUST-IN, in collaborazione con il Museo AMO e con il supporto del main sponsor MAN Truck & Bus Italia.

Tema del contest, il viaggio. Tre le categorie (mete, mezzi di trasporto, emozioni) e tre i vincitori per ogni categoria.

Sul podio sono arrivati Massimiliano Balasso Krisa, classe 1995, che si è aggiudicato il premio per la sezione La meta con la sua foto Prospettiva in Contrasto, scattata in India, dove ogni sera, quando il sole tramonta, i monaci pregano per la pace nel mondo. Premiata anche Sarah Baldo, nata nel 1975, con lo scatto Sono tanto stanco, sezione Mezzi di trasporto, che ritrae un vecchio bus a 4.000 metri di altitudine tra la Bolivia e il Cile. Infine Filippo Rigon, 1983, ha primeggiato nella sezione Emozioni con un' immagine che, all’estremo nord della Patagonia cilena, immortala un’abitazione trasportata dalla piena di un fiume in seguito a un’eruzione vulcanica.

Illustri i nomi dei componenti della giuria che ha selezionato (fra 838 scatti) i vincitori: Jennifer Karch Verzè di Imago Mundi Art per la Fondazione Benetton Studi e Ricerche, Giusi Paqualini del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri, il giornalista de L'Arena, Paolo Mozzo, il fotografo professionista Alfonso Papa e il direttore Marketing di MAN Truck & Bus Italia, Alessandro Smania.

© Riproduzione Riservata

Commenti