Cinema

David di Donatello 2013, tutte le candidature: Vicari e Tornatore in testa

Diaz di Daniele Vicari e La migliore offerta di Giuseppe Tornatore sono i "leader", ciascuno con tredici nomination

Da sinistra: il direttore di Rai1, Giancarlo Leone, il presidente dell'Ente David di Donatello, Gian Luigi Rondi, e il duo comico Lillo e Greg (Foto Ansa / Ettore Ferrari)

Sono state rese note le cinquine dei candidati ai David di Donatello 2012-2013, i premi del cinema italiano che saranno consegnati in diretta su Rai1 in prima serata il 14 giugno.
Diaz di Daniele Vicari e La migliore offerta di Giuseppe Tornatore sono i "leader", ciascuno con tredici nomination, tra cui le due più ambite, miglior film e migliore regia. Appena una incollatura dietro c'è Viva la libertà di Roberto Andò, con dodici candidature, tra cui quella per miglior film. A seguire Educazione siberiana di Gabriele Salvatores e Reality di Matteo Garrone con undici.
Sono stati 27 i film che hanno ottenuto le candidature da parte dell'Accademia del Cinema Italiano - Premio David di Donatello presieduta da Gian Luigi Rondi. Il compito di maestri di cerimonia nella serata della premiazione sarà affidato ai comici Lillo e Greg, che promettono una serata di "umorismo" ma "senza scadere nelle pagliacciate".
Condurranno dal palco dell'ampio studio Rai della Dear al Nomentano, con i suoi 1400 metri quadrati a disposizione, un'altra novità insieme al duo di presentatori e alla prima serata di questa 57^ edizione del Premio. L'intento del direttore della rete ammiraglia Giancarlo Leone è di far tornare il cinema protagonista.

Ma ecco nei dettagli tutte le candidature.

Miglior film
Diaz di Daniele Vicari, Educazione siberiana di Gabriele Salvatores, Io e te di Bernardo Bertolucci, La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, Viva la libertà di Roberto Andò

Migliore regista
Bernardo Bertolucci per Io e te, Matteo Garrone per Reality, Gabriele Salvatores per Educazione siberiana, Giuseppe Tornatore per La migliore offerta, Daniele Vicari per Diaz

Migliore attore protagonista (con ex aequo)
Aniello Arena per Reality, Sergio Castellitto per Una famiglia perfetta, Roberto Herlitzka per Il rosso e il blu, Luca Marinelli per Tutti i santi giorni, Valerio Mastandrea per Gli equilibristi, Tony Servillo per Viva la libertà

Miglior attrice protagonista
Valeria Bruni Tedeschi per Viva la libertà, Margherita Buy per Viaggio sola, Federica Victoria Caiozzo in arte Thony per Tutti i santi giorni, Tea Falco per Io e te, Jasmine Trinca per Un giorno devi andare

Migliore attrice non protagonista (con un ex aequo)
Ambra Angiolini per Viva l'Italia, Anna Bonaiuto per Viva la libertà, Rosabell Laurenti Sellers per Gli equilibristi, Francesca Neri per Una famiglia perfetta, Fabrizia Sacchi per Viaggio sola, Maya Sansa per Bella addormentata

Migliore attore protagonista
Stefano Aaccorsi per Viaggio sola, Giuseppe Battiston per Il comandante e la cicogna, Marco Giallini per Buongiorno papà, Valerio Mastandrea per Viva la libertà, Claudio Santamaria per Diaz

Migliore sceneggiatura
Niccolò Ammaniti, Umberto Contarello, Francesca Marciano, Bernardo Bertolucci per Io e te; Giuseppe Tornatore per La migliore offerta; Maurizio Braucci, Ugo Chiti, Matteo Garrone, Massimo Gaudioso per Reality; Ivan Cotroneo, Francesca Marciano, Maria Sole Tognazzi per Viaggio sola; Roberto Andò, Angelo Pasquini per Viva la libertà

Migliore regista esordiente
Leonardo Di Costanzo per L'intervallo, Giorgia Farina per Amiche da morire, Alessandro Gassman per Razzabastarda, Luigi Lo Cascio per La città ideale, Laura Morante per Ciliegine

Migliore produttore
Fabrizio Mosca per Alì ha gli occhi azzurri; Domenico Procacci per Diaz; Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini, Marco Chimenz per Cattleya con Rai Cinema per Educazione siberiana; Isabella Cocuzza e Arturo Paglia per Paco Cinematografica per La migliore offerta, Angelo Barbagallo per Bibi Film e Rai Cinema per Viva la libertà

Migliore direttore della fotografia
Fabio Cianchetti per Io e te, Gherardo Gossi per Diaz, Marco Onorato per Reality, Italo Petriccione per Educazione siberiana, Fabio Zamarion per La migliore offerta

Migliore musicista
Alexandre Desplat per Reality, Ennio Morricone per La migliore offerta, Mauro Pagani per Educazione siberiana, Franco Piersanti per Io e te, Teho Teardo per Diaz

Migliore canzone originale
"Fare a meno di te", musica di Gianluca Misiti e Laura Marafioti, testi di Laura Marafioti interpretata da La Elle in Buongiorno papà; "Novij Den", musica e testi di Mauro Pagani, interpretata da Dariana Koumanova in Educazione siberiana; "La vita possibile", musica di Pivio e Aldo De Scalzi, testi e interpretazione di Francesco Renga per Razzabastarda; "Tutti i santi giorni", musica e testi di Simone Lenzi, Antonio Bardi, Giulio Pomponi, Valerio Griselli, Matteo Pastorelli e Daniele Catalucci, interpretata da Virginiana Miller in Tutti i santi giorni; "Twice born", musica e testi di Arturo Annechino, interpretata da Angelica Ponti in Venuto al mondo

Migliore scenografo
Paolo Bonfini per Reality; Marco Dentici per È stato il figlio, Marta Maffucci per Diaz, Rita Rabassini per Educazione siberiana, Maurizio Sabatini e Raffaella Giovannetti per La migliore offerta

Migliore costumista
Patrizia Chericoni per Educazione siberiana, Grazia Colombini per È stato il figlio, Alessandro Lai per Appartamento ad Atene, Maurizio Millenotti per La migliore offerta, Roberta Vecchi e Francesca Vecchi per Diaz
(Maurizio Millenotti era in cinquina anche per il film Reality, ma da regolamento è entrato solo con il film più votato)

Migliore truccatore
Dalia Colli per Reality, Enrico Iacoponi per Viva la libertà, Enrico Iacoponi e Maurizio Nardi per Educazione siberiana, Mario Michisanti per Diaz, Luigi Rocchetti per La migliore offerta

Migliore acconciatore
Carlo Barucci e Marco Perna per Viva la libertà, Stefano Ceccarelli per La migliore offerta, Giorgio Gregorini per Diaz, Francesco Pegoretti per Educazione Siberiana, Daniela Tartari per Reality

Migliore montatore
Benni Atria per Diaz, Clelio Benevento per Viva la libertà, Walter Fasano per Viaggio sola, Massimo Quaglia per La migliore offerta, Marco Spoletini per Reality

Miglior fonico di presa diretta
Gaetano Carito per Bella addormentata, Fulgenzio Ceccon per Viva la libertà, Maricetta Lombardo per Reality, Gilberto Martinelli per La migliore offerta, Remo Ugolinelli e Alessandro Palmerini per Diaz
(Remo Ugolinelli e Alessandro Palmerini erano in cinquina anche per il film Io e te, ma da regolamento sono entrati solo con il film più votato)

Migliori effetti speciali visivi
Storyteller - Mario Zanot per Diaz, Andrea Marotti per Dracula di Dario Argento, Paola Trisoglio e Stefano Marinoni per Visualogie per Educazione siberiana, Wonderlab di Bruno Albi Marini per Reality, Gianluca Dentici per Reset VFX per Viva la libertà
(Storyteller – Mario Zanot era in cinquina anche per il film La migliore offerta, ma da regolamento è entrato solo con il film più votato)

Miglior film dell'Unione Europea
007 Skyfall di Sam Mendes (Warner Bros), Amour di Michael Haneke (Teodora Film e Spazio Cinema), Anna Karenina di Joe Wright (NBCUniversal), Quartet di Dustin Hoffman (BIM), Un sapore di ruggine e ossa di Jacques Audiard (BIM)

Miglior film straniero
Argo di Ben Affleck (Warner Bros), Django Unchained di Quentin Tarantino (Warner Bros), Il lato positivo di David O. Russell (Eagle Pictures), Lincoln di Steven Spielberg (20th Century Fox), Vita di Pi di Ang LEE (20th Century Fox)  

______________

L'apposita Giuria, composta da Andrea Piersanti, Presidente, Francesca Calvelli, Enzo Decaro, Leonardo Diberti, Paolo Fondato, Enrico Magrelli, Lamberto Mancini, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti, comunica le cinquine del miglior documentario di lungometraggio e del miglior cortometraggio.

Miglior documentario di lungometraggio
Anija (La nave) di Roland Sejko, Bad Weather di Giovanni Giommi, Fratelli & sorelle – Storie di carcere di Barbara Cupisti, Nadea e Sveta di Maura Delpero, Pezzi di Luca Ferrari
Il miglior documentario di lungometraggio Premio David di Donatello 2013 è: Anija (La nave)  di Roland Sejko

Miglior cortometraggio
Ammore di Paolo Sassanelli, Cargo di Carlo Sironi, L'esecuzione di Enrico Iannaccone, Preti di Astutillo Smeriglia, Settanta di Pippo Mezzapesa
Il miglior cortometraggio Premio David di Donatello 2013 è: L'esecuzione di Enrico Iannaccone

Oltre 6000 giovani delle scuole superiorio di tutta Italia vota per il David Giovani
La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, Il principe abusivo di Alessandro Siani, Una famiglia perfetta di Paolo Genovese, Venuto al mondo di Sergio Castellitto, Viva l'Italia di Massimiliano Bruno

© Riproduzione Riservata

Commenti