Microsoft Blog (2017)
Mytech

Windows 10, le novità di Creators Update sono già in beta

Dalle cartelle nel menu Start alle modifiche di Edge e Cortana: tutto sulla nuova Build 15002, antipasto dell’atteso aggiornamento primaverile

L’arrivo di Creators Update, il corposo aggiornamento di Windows 10 atteso per la prossima primavera, è sempre più vicino, ma non sarà necessario aspettare i tepori di marzo per capire cosa ci ha riservato Microsoft per il futuro.

Con l’uscita della nuova Build 15002 per PC, disponibile dalla scorsa notte per tutti gli utenti che hanno aderito al programma Windows Insider, la casa di Redmond ha infatti svelato buona parte delle funzioni che faranno parte della sua prossima main release.

Qui di seguito vi spieghiamo in breve cosa cambia rispetto all’attuale versione dell'OS [Scorri Avanti per continuare].








Edge si fa bello

Direttamente dall’icona del browser sulla taskbar (tasto destro) è possibile aprire una finestra o una sessione di navigazione privata. Da sottolineare la possibilità - gradita a chi apre molte schede contemporaneamente - di sfruttare il nuovo sistema ad anteprime cliccando sul caporale alla destra dei tab. Con la nuova funzione spostamento (Set these tab aside) è inoltre possibile mettere da parte alcune schede per poi riprenderle in un secondo momento.

Stop ai contenuti (Flash) indesiderati

La nuova versione di Microsoft Edge consente anche di bloccare i contenuti Flash considerati insicuri (o inopportuni), almeno fino a specifico contrordine. Questa modalità, spiega la società di Redmond, dovrebbe garantire maggiore sicurezza, stabilità e prestazioni, pur senza privare il PC del supporto a Flash.

Pagamenti rapidi

Dedicata agli sviluppatori una specifica API che permette a i siti che prevedono funzionalità di ecommerce (o comunque transazioni) di velocizzare il check-out al carrello utilizzando le preferenze di pagamento e di spedizione memorizzate nel Microsoft Wallet.

Il menu Start si arricchisce con le cartelle

Fra le novità di Creators Update c’è la possibilità di raggruppare le tile del menu Start all’interno di specifiche cartelle: per crerare un nuovo folder è sufficiente trascinare una piastrella sull’altra. In questo modo, promette Microsoft, diventa più facile organizzare le applicazioni in base a macrocategorie.

Una via più facile per la condivisione

Windows Share, l’applicazione che consente di condividere sul Web contenuti provenienti da varie applicazioni, è stata aggiornata: l’interfaccia del programma appare ora sottoforma di pop-up direttamente all’interno dell’app dalla quale si vogliono condividere i contenuti, mostrando una lista dei social e dei servizi disponibili per la condivisione.

Screenshot in stile OneNote

La comoda funzione di OneNote 2016 per eseguire screenshot di alcune porzioni di schermo è stata estesa su tutto Windows 10; attraverso la combinazione dei tasti Win + Shift + S, in pratica, si possono copiare specifiche aree del desktop per poi incollarle su qualsiasi applicazione (OneNote compreso).

Le finestre diventano più fluide

Recependo un suggerimento proveniente degli utenti, Microsoft ha migliorato le animazioni collegate al resize delle applicazioni. L’obiettivo è rendere più fluido il ridimensionamento delle finestre, e in particolar modo di quelle basate su Graphic Device Interface (File Explorer, Task Manager, Notepad). Migliorato anche il sistema di gestione e allineamento delle icone: d’ora in avanti, spiega Microsoft, modificando le impostazioni del monitor, agganciando o sganciando un dispositivo dal dock, o un monitor dalla tastiera, si noterà un miglioramento nel modo in cui il sistema regola automaticamente il layout delle icone sul desktop.

Più semplice (e più facile) accedere alla VPN

Dalle opzioni di Rete è possibile ora selezionare una VPN e connettersi ad essa in prima battuta senza bisogno di entrare nelle impostazioni.

Accesso multi-utente semplificato

Semplificato anche il sistema di log-in per l’accesso multi-utente. La nuova finestra di accesso mostra gli account disponibili, per il lavoro, o la scuola, lasciando all’utente la facoltà di aggiungere nuovi account.

Per gli amanti della "penna"

Windows Ink, la funzione che permette di utilizzare (meglio) un pennino abilitato su tablet e portatili con touch-screen, mostra ora il colore selezionato. In più consente di utilizzare una gomma selettiva per cancellare intere porzioni di tratto o parti di esso.

Cortana, arrivano i suggerimenti intelligenti

Il numero di applicazioni che utilizzano Cortana è in continuo aumento; non sempre però l’utente ne è al corrente. Da qui l'idea di Microsoft di corredare l'assistente virtuale di una funzione che suggerisce le specifiche dei controlli attivi ogni qual volta verrà digitato il nome dell’applicazione all’interno del campo di testo.

Altra novità la possibilità di aggiungere vocalmente eventi ricorrenti (ogni mese, ogni anno) e la nuova combinazione di tasti (Win + C) per l'attivazione della modalità "in ascolto".

La schermata della morte diventa verde

La famosa schermata blu “della morte” diventa verde e si chiamerà GSOF (Green Screen of Death), ma solo per gli utenti Insider. Tutte le altre versioni del sistema operativo, compresa la definitiva Creators Update, manterranno il colore blu.

Windows Defender: aumentano le opzioni di scansione

L'antivirus offerto di serie da Windows 10 include ora nuove opzioni per eseguire scansioni rapide, avanzate, o complete, un sistema di reportistica sullo stato di salute del PC, migliorie grafiche e nuovi link per il controllo parentale (opzione Famiglia). Con l'introduzione dell'opzione Refresh Windows è invece possibile reinstallare e aggiornare una copia pulita di Windows (vale a dire senza applicazioni) preservando però tutti i dati salvati sul PC.

Verso il supporto al Braille

Fra gli obiettivi a medio termine di Microsoft per Windows 10 c’è anche il supporto Braille. La nuova build segna un’altra tappa di avvicinamento alla meta, come si evince dal nuovo pulsante che permette di scaricare il supporto alla funzione Narratore dal menu impostazioni. Per vedere l’opzione funzionante, però, bisognerà aspettare ancora un po’.

Più razionalità nelle impostazioni

Per snellire tutta la parte di configurazione, Windows 10 Creators Update si appoggerà a un menu Impostazioni arricchito da informazioni contestuali (che appariranno in basso o a destra a seconda della dimensione della finestra) sotto forma di suggerimenti, link.

Le impostazioni di Sistema sono state spostate in un nuovo sottomenu (denominato App). Per quanto riguarda il collegamento a dispositivi Bluetooth e altre periferiche, invece, la gestione delle impostazioni avverrà da un unico pannello omnicomprensivo nel quale verranno radunate fra le altre le opzioni legate a mouse, tastiere, penne, dock e controller per Xbox.

Display: ecco l'opzione per regolare la luce blu

Con la nuova build di Windows 10 cambia anche il sistema di configurazione dello schermo. Dalla pagina Impostazioni>Sistema>Display è possibile ora modificare direattemente la risoluzione e attivare l’impostazione automatica che regola la quantità di luce blu emessa dallo schermo, una funzione - quest’ultima - che dovrebbe garantire un minor afffaticamento visivo, soprattutto nelle sessioni serali/notturne. Per cambiare il tema dello schermo occorrerà invece puntare sul nuovo menu Impostazioni>Personalizzazioni>Temi

Occhio agli aggiornamenti

Con Windows 10 Creators Update sarà possibile mettere in pausa gli aggiornamenti di Windows Update per un massimo di 35 giorni (Windows Professional, Education, ed Enterprise Edition), oppure evitare in maniera selettiva l’installazione degli aggiornamenti dei driver. Grazie all’aggiunta di un nuova icona sulla pagina delle impostazioni, dovrebbe essere più facile capire in primissima battuta qual è lo stato di aggiornamento del computer. 

Più facile creare macchine virtuali

Una nuova pagina che promette di velocizzare e semplificare la creazione di macchine virtuali. Per farlo occorre aprire Hyper-V Manager, cliccare su Crea rapidamente e attendere l'apertura della procedura guidata; da qui sarà possibile configurare una macchina virtuale in pochi clic e, direttamente dalla pagina di conferma, collegarsi ad essa o immettere le impostazioni avanzate.

Più opzioni per la gestione dei dati aziendali

Windows Information Protection (WIP), il sistema di protezione dei dati aziendali è stato rivisto con l’aggiunta di alcune nuove funzioni che permettono di mantenere i file crittografati in modalità “lavoro” o di convertirli in file personali, sia durante la copia che in fase di salvataggio. Il sistema provvederà inoltre a mostrare un messaggio di avviso ogni qual volta un file di lavoro viene aperto in applicazioni non supportate in ambiente aziendale.

Ti potrebbe piacere anche