The Witcher 3: Wild Hunt, 5 cose da sapere + 5 video
CD Projekt RED
The Witcher 3: Wild Hunt, 5 cose da sapere + 5 video
Tecnologia

The Witcher 3: Wild Hunt, 5 cose da sapere + 5 video

Esce oggi uno dei giochi più attesi del 2015: ecco tutte le informazioni

1 – Cos'è

È il terzo capitolo di una saga che ha fatto la storia degli action con elementi da gioco di ruolo e che ha trasformato gli sviluppatori polacchi di CD Projekt RED in un faro imprescindibile per questo genere di videogame.

È anche l'ultimo atto delle avventure di uno dei personaggi più iconici in circolazione, il cacciatore di mostri Geralt of Rivia.

The Witcher 3: Wild Hunt esce il 19 maggio per Pc, PlayStation 4 e Xbox One.

2 – La trama

Un esercito misterioso e ultraterreno invade i regni del Nord: nessuno è in grado di affrontarlo, nessuno sa quale sia il suo obiettivo, l'unica cosa certa è che si lascia alle spalle una scia di sangue e distruzione. Solo Gerald sembra possedere la chiave per fermare l'invasione.

The Witcher 3 dà per acquisiti i fatti narrati nei due precedenti capitoli, ma non è obbligatorio averli giocati per godersi la nuova avventura: tutte le informazioni indispensabili verranno veicolate nel prologo.

3 – Le dinamiche di gioco

Il terzo capitolo della saga riprende le dinamiche di gioco messe a punto nei titoli precedenti. Gerald possiede due spade (quella d'argento serve contro specifici mostri) ed è in grado di lanciare incantesimi minori e di fabbricare trappole e bombe.

Tutte le sue abilità possono essere potenziate nel corso dell'avventura, in base all'esperienza maturata da Gerald e alle scelte effettuate dal giocatore – che può decidere quali miglioramenti privilegiare in base al proprio stile di gioco.

Altro elemento caratteristico della saga: per poter affrontare determinate situazioni, è indispensabile aver letto i (brevi) libri che trovi nel mondo di gioco.

4 – Le novità

Gli sviluppatori hanno ampliato lo spettro degli approcci in battaglia: Gerald ora può utilizzare una balestra per rendere più efficaci gli attacchi dalla distanza (in precedenza un po' sacrificati) e può combattere in sella a un cavallo.

Ora è anche possibile scalare, saltare, superare in corsa piccoli ostacoli e nuotare, anche immergendosi – e sì, ci sarà da combattere pure in acqua.

I Segni, vale a dire i poteri magici a disposizione di Gerald, sono stati raddoppiati: ognuno dei 5 originali ha una forma alternativa.

5 – Un gioco adulto per adulti

Non è solo una questione di nudità, sangue e imprecazioni, che pure ci sono: la saga di The Witcher è adulta perché propone ai giocatori personaggi complessi, con luci e ombre e di conseguenza impossibili da etichettare come buoni oppure cattivi – concetti spesso chiaramente distinti, nei videogame, talvolta anche in modo goffo e grossolano.

Questa indeterminatezza, oltre che molto realistica, complica non poco le decisioni che il giocatore deve prendere nel corso delle singole missioni e che influenzeranno gli eventi futuri in modo significativo.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti