Tango per la Libertà
Ufficio Stampa Rai
Tango per la Libertà
Televisione

Tango per la Libertà: 5 cose da sapere sulla miniserie di Rai Uno

La sceneggiatura è ispirata al libro "Niente asilo politico" di Enrico Calamai

Tango per la Libertà, una storia vera

Tango per la Libert\u00e0 cast I protagonisti della fiction col regista Alberto Negrin Ansa

La miniserie, prodotta da Rai Fiction e Compagnia Leone, è liberamente ispirata al libro Niente asilo politico (edito da Feltrinelli) di Enrico Calamai, il viceconsole italiano a Buenos Aires che nel 1976 riuscì a salvare tramite l’emissione di passaporti italiani e l’organizzazione di viaggi a carico dell’ambasciata decine di cittadini argentini in pericolo. La fiction è diretta dal regista Alberto Negrin e nel cast ci sono Alessandro Preziosi, Rocío Muñoz Morales, Giorgio Marchesi, Anna Valle e Franco Castellano

Un storia di grande coraggio

Tango per la Libert\u00e0 Alberto Negrin Il regista Alberto Negrin Ansa

È una storia di grande passione e di coraggio quella di Enrico Calamai, ribattezzato il Giorgio Perlasca dell'America Latina. “Sono contento che vada su Rai1, in prima serata, una storia esemplare come quella di Enrico Calamai, un uomo di Stato che rischiò la vita per salvare 300 perseguitati in Argentina negli anni ’70. D’altronde è quello che il servizio pubblico deve cercare di fare, coniugare il valore dei contenuti e la spettacolarità", ha commentato all'Ansa Alessandro Preziosi, il protagonista della fiction diretta dal regista Alberto Negrin. Le riprese sono durate in tutto sei settimane e si sono svolte nell’estate dell’anno scorso a Torino, dove è stato ricostruito totalmente un pezzo di Buenos Aires.

 

Alessandro Preziosi nei panni del viceconsole

Tango per la Libert\u00e0 Alessandro Preziosi Alessandro Preziosi interpreta il console Marco Ferreri Ansa

Nel corso di un ricevimento all’ambasciata italiana, il viceconsole Marco Ferreri - interpretato da Alessandro Preziosi - assiste con il suo miglior amico Diego Madero (Giorgio Marchesi), all’esibizione di Anna Ribeiro (Rocío Muñoz Morales) la più popolare cantante di tango argentina e ne resta affascinato. Uno scambio di sguardi che non passa inosservato, soprattutto a Carmen (Anna Valle) con la quale Marco è in intimità. Proprio quella notte i militari s’impadroniscono del potere e numerosi cittadini italiani e argentini si presentano in ambasciata denunciando di essere vittime di persecuzioni. A causa del regime, inizia così un vero e proprio traffico di persone che Marco riesce a salvare falsificando i passaporti e rischiando in prima persona.

Anna Valle torna da protagonista

Tango per la Libert\u00e0 Anna Valle Anna Valle è Carmen, la donna innamorata del console Ansa

Anna Valle torna da protagonista in una fiction Rai e in Tango per la Libertà affronta il complesso ruolo di Carmen. Innamorata del viceconsole, rompe ogni rapporto con lui quando Ferreri decide di aiutare Anna (Rocío Muñoz Morales): Giulia, la sorella della cantante viene infatti rapita in una scuola di musica dove insegna canto ai bambini e Anna decide di rivolgersi a Marco, che denuncia la sparizione della donna al capo della polizia, El Gordo (Stefano Fregni), che si dimostra indifferente. Il personaggio di Anna Valle compie nelle due puntate una complessa evoluzione e gioca un ruolo fondamentale per consegnare la lista segreta dei passeggeri dei cosiddetti “voli della morte”. 

Rocío nei panni della diva argentina

Tango per la Libert\u00e0 Roc\u00edo Mu\u00f1oz Morales Rocío Muñoz Morales è Anna, la più popolare cantante di tango argentina Ansa

Il tango per la libertà è la più celebre delle canzoni interpretate da Anna Ribeiro, la più popolare cantante di tango argentina. Un personaggio impegnativo quello affidato a Rocío Muñoz Morales, che compie così il grande salto con un ruolo da protagonista in una fiction italiana. Anna fa di tutto per liberare la sorella Giulia e con l'aiuto di Ferreri sembra essere ad un passo dal riuscirci quando viene rapita dai militari: prigioniera in un centro di detenzione e tortura della Marina, la cantante sarà obbligata ad esibirsi durante le torture degli altri giovani sequestrati e anche il suo futuro sembra segnato, tanto che ad un certo punto viene persino inscenato un suo finto funerale. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti