Serie TV

Gomorra 2, il gran finale. Le cose da sapere

La seconda stagione di Gomorra giunge al termine con un doppio episodio e, si dice, un addio eccellente

Gomorra_2

Eugenio Spagnuolo

-

Gomorra 2, tempo di bilanci. La serie tv camorra-centrica ispirata al libro di Roberto Saviano, giunge al termine… per ora. Stasera, 14 giugno, Sky Atlantic manda in onda gli episodi 11 e 12, che chiudono una stagione fortunata, come si legge sul comunicato della pay tv: “La seconda stagione di Gomorra è stata la serie Sky più vista di sempre, superando di gran lunga anche gli ottimi numeri registrati dalla prima stagione. Ogni martedì infatti, una media di 1.160.000 spettatori si è sintonizzata su Sky Atlantic per la serie cult, raddoppiando spesso nei 7 giorni di visione”. Numeri, c’è da scommetterci, che in vista del finale potrebbero addirittura crescere… Visto che si prevede l'addio eccellente di uno dei protagonisti.

Che cosa vedremo

Nell’episodio 11 Don Pietro è di nuovo al comando e adesso tutti sembrano disposti a tradire tutti. Le regole sono saltate e con questa nuova guerra gli affari si fermano e il Sistema ne soffre. Ma la sete di vendetta sembra prevalere. E mentre gli agguati e gli omicidi si susseguono, fervono i preparativi per un matrimonio di amore e di potere. Nell’ultimissimo episodio l’avanzata di Don Pietro è inarrestabile, mentre Ciro, messo alle strette, tenta di comprare quanti più uomini e armi possibili per combattere i Savastano. Quello che scoprirà sulla sua pelle è che la guerra è guerra e non si ferma davanti a nulla.

Da sapere
Realizzata in 32 settimane di riprese, con oltre 200 attori e più di 3.500 comparse e una troupe di oltre 600 persone, la seconda stagione della serie ha fatto tappa in Italia, tra Napoli, Roma e Trieste, in Germania e in Costa Rica, utilizzando più di 400 location, per una produzione televisiva  di livello cinematografico.

La terza stagione
È stata già confermata e arriverà non prima del 2018. Giusto il tempo di far fare alla seconda stagione di Gomorra il giro del mondo, visto che è stata venduta in oltre 150 paesi.

Critiche
Da un Sindacato di Polizia alla cantante neomelodica il cui brano è finito nella colonna sonora della serie, le critiche a Gomorra sono arrivate da fronti diversi. Quelle che hanno fatto più rumore, però sono la presa di distanza del sindaco di Napoli, De Magistris, e le parole del PM dell’Antimafia Catello Maresca: ”Direi a Saviano, che stimo tantissimo, che nella terza edizione magari si dovrà pensare anche a rappresentare un personaggio positivo: uno di quelli che combatte contro quell’orrore altrimenti si fa un cattivo servizio. O almeno scriverei all’inizio, come si fa per le sigarette “nuoce gravemente alla salute”, in modo che uno si rende conto del pericolo che può essere insito nella visione”. A difendere lo scrittore è scesa in campo Ilda Boccassini, secondo cui Gomorra “Ci mette in guardia contro il male, ci spinge contro un muro, non ci fornisce alibi”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gomorra 2: parla il supercattivo

Fortunato Cerlino è Pietro Savastano nella serie culto che ripartirà il 10 maggio. In esclusiva, i segreti dell'attore e del suo personaggio

Gomorra 2: foto, trailer e cose da sapere

Arriva la seconda stagione della serie ispirata al best seller di Saviano

Commenti