Ufficio Stampa Mediaset
Televisione

Sacrificio d'amore: le anticipazioni della prima puntata

Al via su Canale 5 da venerdì 8 dicembre la nuova serie con Francesco Arca e Francesca Valtorta. La sigla di Sacrificio d'amore è cantata da Mina

Sullo sfondo di un'Italia a un passo dal baratro della Prima Guerra Mondiale, s'intrecciano due appassionanti storie d’amore e un grande sacrificio. È un grande romanzo popolare Sacrificio d'amore, la nuova serie tv di Canale 5 con Francesco Arca, Francesca Valtorta e Giorgio Lupano, al via da venerdì 8 dicembre, ambientata nel 1913 nello spettacolare paesaggio delle cave di marmo di Carrara.

Sacrificio d'amore, le anticipazioni della prima puntata

Brando Prizzi (Francesco Arca), leader indiscusso dei movimenti per i diritti dei cavatori, lavora nelle cave di marmo dell'ingegner Corrado Corradi (Giorgio Lupano). Idealista dal fascino indiscutibile, Brando si batte per migliorare le condizioni di vita dei cavatori. Ma un grave incidente sul lavoro a un compagno lo porta al fatiscente ospedale "Santa Corona", spinto dalla sete di giustizia e salvaguardia dei lavoratori.

Lì incontra Silvia Corradi (Francesca Valtorta), moglie dell'ingegner Corradi, donna dell'alta società di Carrara e infermiera volontaria, la cui umanità colpisce Brando. Da quel giorno sembra non riuscire più a dimenticarla e la sua esistenza verrà stravolta da quella conoscenza inattesa. 


L'amore contrastato tra Maddalena e Tommaso

Maddalena Prizzi (Desiree Noferini), la sorella di Brando, è una giovane domestica nella villa dei Corradi. Tra lei e la severa governante della villa, la Signorina Augusta Maffei (Sara D'Amario), i rapporti non sono facili e spesso subisce pesanti angherie. Le cose per la giovane e romantica Maddalena si faranno ancora più complicate quando la Maffei scopre che suo nipote Tommaso (Rocco Giusti), precettore nella villa, si sta innamorando proprio dell'umile cameriera.

Per saperne di più: 

Sacrificio d'amore - La prima puntata della fiction di Canale 5

Ufficio Stampa Mediaset
Giorgio Lupano e Francesco Arca
Ti potrebbe piacere anche

I più letti