AntonioGuillem
Tecnologia

Streaming musicale: se la sfida è in famiglia

Spotify, Deezer, Apple Music, Tidal: i big della musica online si sfidano a suon di offerte multi-utente. Ecco quanto costano e quali sono le differenze

Quanto costa abbonarsi a un servizio di streaming musicale? Dipende. Dal tipo di servizio richiesto, certo, ma anche dalla composizione del nucleo familiare. Proprio così. I grandi nomi della musica a un tot al mese hanno capito che si può provare ad allargare il mercato sfruttando un vecchio (ma ancora efficacissimo) strumento di promozione: quello del cosidetto “pacco famiglia”.

In pratica: l’utente può decidere se acquistare il servizio da singolo, o in compartecipazione con altri familiari, così da poter condividere la spesa. Ci guadagnano tuti: gli acquirenti che in questo modo possono fare una piccola economia di scala, e i fornitori dei servizi, che in questo modo possono essere più aggressivi nell’offerta, ma senza svilire i margini.

Ma come funzionano nello specifico queste offerte, quanto costano e soprattutto che differenze ci sono fra l’una e l’altra. Ve lo spieghiamo in questo breve approfondimento [Scorri Avanti per continuare].

Spotify

L’offerta della società scandinava si chiama Spotify Family, costa 14,99 euro al mese e consente di condividere l’abbonamento fino a sei account individuali, purché tutti residenti allo stesso indirizzo. Il piano che può essere sottoscritto anche da chi è si è già abbonato come singolo, include account separati, playlist e consigli di ascolto personali nonché la funzione ascolto offline che permette di salvsare le tracce in locale per ascoltarli in qualsiasi momento anche senza connessione dati.

Deezer

La società francese, attiva già da qualche tempo anche in Italia, ha appena annunciato la sua personlissima offerta famiglia: si chiama Deezer Family, costa 14,99 euro al mese e permette di condividere l’abbonamento Premium+ (40 milioni di brani senza interruzioni pubblicitarie con la possibilità di ascoltare la musica offline) fino a sei membri della stessa famiglia. Ogni componente della famiglia, precisa Deezer, può usare il suo account fino ad un massimo di 3 dispositivi ciascuno (per un totale di 13 dispositivi connessi in totale per tutta la famiglia), ascoltare le tracce simultaneamente agli altri membri e avere il suo “flow” e le sue playlist personalizzate.

Apple Music


Attraverso l’opzione In famiglia – utilizzabile anche per gli acquisti fatti su iTunes, iBooks e App Store – Apple offre la possibilità di estendere la fruizione del suo servizio di streaming fino a sei persone. Il costo è allineato a quello della conocorrenza, 14,99 euro al mese, e dà diritto all'accesso a un catalogo di circa 30 milioni di brani. A ciò si aggiungono i suggerimenti degli esperti, le stazioni radio ondemand e la sintonizzazione sull'esclusiva radio globale Beats 1.

Tidal


Il servizio di streming musicale in "alta definizione" dispone di ben 8 soluzioni condivise il cui prezzo varia in relazione alla qualità della musica e al numero di partecipanti. Si va da un minimo di 14,99 euro al mese per due utenti con account Tidal Premium ai 59,95 euro al mese per lo streaming in altissima qualità (Tidal HiFi) condiviso fra cinque utenti. In tutti i casi, comunque, è previsto l’accesso a un catalogo di 40 milionri di brani e la possibilità di ascoltare le tracce in modalità offline.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti