ANSA/ALESSANDRO DI MARCO
Sport

Serie A, tutti i campioni d'inverno nell'era dei tre punti

Solo 7 volte su 25 il campione di gennaio non si è ripetuto anche a maggio. L'ultima volta nel 2017-2018 a scapito del Napoli

E' una volata a due tra Inter e Juventus, con i nerazzurri favoriti dalla differenza reti generale e i bianconeri che al momento hanno il vantaggio dello scontro diretto vinto a San Siro. Che, però, diventerà effettivo solo dopo la sfida di ritorno del 1° marzo all'Allianz Stadium di Torino. Chi sarà campione d'inverno tra Sarri e Conte? In attesa del verdetto degli ultimi 90 minuti del girone d'andata è interessante verificare come non si tratti soltanto di un'onorificenza di bandiera. Anzi.

Essere primi a metà campionato non è garanzia di vittoria finale, ma i precedenti dicono che chi comincia davanti il girone di ritorno ha buone possibilità di conquistare lo scudetto. Dall'introduzione dei tre punti nel 1995-1996 solo 7 volte su 25 non è accaduto e se si restringe il campo all'era post-Calciopoli l'unica volta che abbiamo assistito al ribaltone riguarda (in due occasioni) Napoli e Juventus con i partenopei rimontati dai bianconeri.

Ecco quando il campione d'inverno non si è confermato

Il precedente fresco è della stagione 2017-2018. Napoli primo a metà strada con la Juventus staccata e poi vincente in rimonta. Era successo anche nel 2015-2016, quella di Allegri post finale di Champions League a Berlino. Inizio disastroso dei bianconeri, piccola ripresina e a metà campionato un distacco di 2 punti (41 a 39). Poi a febbraio sarebbe arrivato il sorpasso nello scontro diretto dello Stadium con gol di Zaza nel finale e, in seguito, il crollo dei partenopei con scudetto conquistato dalla banda di Allegri.

Tornando indietro nel tempo si deve risalire al periodo pre-Calciopoli per trovare altri campioni d'inverno che non si sono confermati a maggio. Addirittura è capitato 5 volte tra il 1998 e il 2003. Andò male alla Fiorentina di Trapattoni nel 1998-1999, superata dal Milan di Zaccheroni, ma anche dalla Lazio nel testa a testa scudetto con i rossoneri. Poi toccò alla Juventus di Ancelotti (1999-2000) girare a prima a metà strada e perdere lo sprint contro la Lazio di Eriksson nella famosa domenica della pioggia di Perugia.

Nel 2001-2002 i bianconeri si vendicarono contro la Roma di Capello, incapace di replicare in primavera la corsa dell'autunno, e contro l'Inter di Cuper caduta il 5 maggio all'Olimpico in un drammatico (sportivamente parlando) confronto con la Lazio. Nel 2002-2003 ancora rimonta Juventus ai danni del Milan di Ancelotti, con vittoria decisiva nello scontro diretto a San Siro e, infine, nel 2003-2004 harahiri della Roma di Capello a vantaggio del Milan di Ancelotti. Poi più basta con l'eccezione già citata del duello Napoli-Juventus.

La classifica dei titoli d'inverno

Se si allarga la visuale dei precedenti a tutti i tornei a girone unico, la classifica dei titoli d'inverno vede primeggiare la Juventus anche se con un numero di affermazioni leggermente inferiore rispetto agli scudetti di maggio. Segno che i bianconeri hanno storicamente la capacità di sfruttare al meglio la fase discendente del campionato.

Ecco il numero di volte che ciascuna squadra è arrivata in testa alla classifica a metà campionato:

Juventus 30

Inter e Milan 17

Roma 6

Bologna, Napoli e Fiorentina 5

Torino 3

Lazio e Cagliari 2

Ti potrebbe piacere anche

I più letti