Ansa
Sport

Campriani, il laureato d'oro della carabina

Trionfa da 50 metri dopo la beffa d'argento dai 10. Ingegnere con laurea negli Usa si fermerà in Inghilterra per un master. Storia e record di un campione diverso dai soliti stereotipi

E' il re della carabina, una specie di Terminator capace di centrare un obbiettivo grande quanto una moneta da 50 metri e farlo meglio di tutti gli altri. Niccolò Campriani ha conquistato la medaglia d'oro nella carabina da 50 metri dopo l'argento dai 10 metri con beffa per 2 millimetri. Questa volta non ce n'è stata per nessuno. Ha chiuso con 1278,5 punti (record olimpico), staccando di 5 punti il coreano Kim (argento) e lo statunitense Hammons, bronzo a causa di un incredibile errore all'ultimo tiro . La sua finale è stata senza incertezze e in pieno controllo. Punteggi tra il 9,3 e il 10,7 senza mai rischiare anche se alle sue spalle Emmons e Kim hanno sparato su livelli altissimi mangiandosi una parte del vantaggio abissale accumulato nella fase di qualificazione. Per Campriani un'Olimpiade da record: con un oro e un argento eguaglia la prestazione di Roberto Di Donna ad Atlanta 1996 nella pistola. Insieme all'argento di Tesconi si tratta della performance migliore mai realizzata dal settore del tiro a segno italiano ai Giochi.

"Sono stati quattro anni lunghi ma volevo andare via senza rimpianti" ha detto emozionato dopo la premiazione: "La gente dava per scontato tutto, ma la finale non è mai facile. Ho cercato di fare un tiro alla volta ed è uscita la medaglia d'oro".

Campriani era stato infallibile fin dalla mattina. Dopo una partenza un po' difficoltosa aveva rimontato sino a stabilire il nuovo record olimpico con 1180 punti, superiore al precedente di 1177 stabilito da Raymond  Debevec a Sydney nel 2000. Una prestazione fantastica a soli 6 colpi dal mondiale e con un vantaggio già largo sullo statunitense Matthew Hammons (1172), su francese Cyril Graf e sul coreano Kim (1171). Numeri che hanno fatto capire da subito che si trattava di una giornata magica, da primo della classe quale Niccolò è malgrado qualche passaggio a vuoto che ogni tanto non gli consente di raccogliere per quanto seminato.

Anche l'argento nella finale della carabina da 10 metri con il podio più alto sfuggito per soli 2 millimetri non poteva averlo soddisfatto del tutto. "La testa fa scherzi brutti e il cuore mi batteva forte" aveva spiegato scendendo dalla pedana della Royal Artillery Barracks felice e deluso allo stesso tempo. Poi la rivincita quando meno se l'aspettava. A soli 24 anni è già un monumento di uno sport che, però, non regala certezze per il futuro. Campriani è un campione atipico: laureato alla West Virginia University di Morgantown sa già che si fermerà in Inghilterra (Sheffield) per un master in ingegneria dello sport. Un cervello prestato al tiro a segno, programmato per vincere e poi lasciare.

Ansa

Campriani sul podio di Londra con l'oro della carabina 50 metri

Ti potrebbe piacere anche

I più letti