Altri sport

Olimpiadi invernali 2018: tutte le medaglie italiane a PyeongChang

Ancora bronzo per la portabandiera azzurra che entra nella storia: 8° podio della carriera. L'Italia sale a quota 10 medaglie

olimpiadi invernali 2018 fontana medaglie italia

Giovanni Capuano

-

Una strepitosa Arianna Fontana sale ancora sul podio e corona un'Olimpiade da ricordare: bronzo nella finale dei 1000 metri dello Short Track, disciplina che ha dominato da protagonista con un oro (500 metri) e due bronzi (i 1000 metri più la staffetta). Arianna è finita alle spalle dell'olandese Schultin e della canadese Boutin in una finale in cui c'è stata la caduta delle due coreane a metà del giro conclusivo.

L'italiana non ha quasi partecipato alla volata tra Schultin e Boutin accontentandosi del terzo posto che completa il suo tris di medaglie e la fa salire a quota 8 in carriera superando Manuela Di Centa e mettendo in scia alla sola Stefania Belmondo, la donna italiana più medagliata della storia delle olimpiadi invernali.

 

Con il terzo podio in questa edizione per Arianna Fontana anche la spedizione azzurra coglie il traguardo auspicato alla vigilia: 10 medaglie. Un bottino di assoluto rispetto e in miglioramento, per quantità e qualità, rispetto alla passata edizione di Sochi 2014..

È il traguardo dato dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, prima della partenza per la Corea del Sud. Gli italiani sono 121 e partecipano a oltre il 70% delle 102 gare in programma in questa 23° edizione dei Giochi invernali.

Ecco il diario delle medaglie azzurre a PyeongChang 2018:

11 febbraio 2018 - Windisch (bronzo)

La prima medaglia italiana nella spedizione delle Olimpiadi di PyeongChang l'ha conquistata nella 10 km sprint di biathlon l'altoatesino Dominik Windisch: bronzo alle spalle del tedesco Peiffer e del ceco Krcmar. L'azzurro ha concluso la sua prova sorprendente con un distacco di 7 secondi e 7 decimi dalla medaglia d'oro, penalizzato da un errore al tiro nel poligono che lo ha costretto al giro di penalità.

Originario di Brunico, 28 anni, Windisch era già salito sul podio a Sochi 2014 con la staffetta mista; anche allora si era messo al collo la medaglia di bronzo. "Quando ho sbagliato l'ultimo tiro ho pensato: 'Non è possibile... l'avevo visto bene'" ha raccontato al termine della sua prova. L'errore non ha compromesso il suo sogno di medaglia.

13 febbraio 2018 - Fontana (oro) Pellegrino (argento)

Una giornata da favola per l'Italia alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. Oro e argento per merito di due fuoriclasse dello sport azzurro che non hanno tradito le attese chiudendo sul podio e regalanto emozioni indimenticabili alla spedizione olimpica.

La prima medaglia d'oro l'ha conquistata una straordinaria Arianna Fontana che ha vinto al photofinish la finale dei 500 metri di short track. Arianna è stata protagonista di una volata mozzafiato in cui si è tenuta dietro la coreana padrona di casa Choi per 27 millesimi di secondo. Poi i giudici hanno squalificato la Choi spalancando il podio all'olandese Van Kerkhof e alla canadese Boutin.

Dopo pochi minuti è toccato a Federico Pellegrino, nostro signore dello Sprint nel fondo. L'azzurro è stato protagonista di uno sprint nella finale a tecnica classica nel quale si è tenuto dietro per pochi centimetri il russo Bolshunov. L'oro è andato al fuoriclasse norvegese Klaebo, letteralmente imprendibile per tutti.

15 febbraio 2018 - Brignone (bronzo) Tumolero (bronzo)

Prima medaglia dallo sci alpino italiano alle Olimpiadi invernali di PyeogChang. L'ha conquistata Federica Brignone che è salita sul podio nel gigante femminile: oro alla statunitense Mikaela Shiffrin, perfetta per due manches, argento per la norvegese Mowinkel e bronzo per l'azzurra.

È stata una gara che ha visto l'Italia protagonista con qualche rammarico per il risultato finale. Dopo la prima discesa, infatti, in testa c'era Manuela Moelgg poi finita ottava e in zona podio (terza) si trovava anche la giovanissima Marta Bassino, alla fine quinta.

L'altra sorpresa di giornata è arrivata, invece, da Nicola Tumolero che ha preso un bronzo inatteso nei 10.000 metri di pattinaggio dietro al canadese Bloemen e all'olandese Bergsma. Tumolero, originario dell'Altopiano di Asiago, ha approfittato della crisi del favoritissimo Kramer che aveva già conquistato l'oro nei 5.000 e che è finito incredibilmente sesto.

16 febbraio - Moioli (oro)

Straordinaria vittoria di Michela Moioli, oro nello snowboard cross alle Olimpiadi invernali di PyeogChang. Un successo annunciato, perché l'azzurra partita tra le favorite di una delle specialità più spettacolari dei Giochi, ma non per questo meno bello. La Moioli ha vinto davanti alla portoghese Pereira de Souza e alla ceca Samkova.

E' stata in testa dall'inizio alla fine della run di finale dopo aver condotto con autorità anche i turni eliminatori. Mai spaventata dalle sportellate che sono una caratteristica dello snowboard cross e che rendono imprevedibile il risultato ribaltando spesso le gerarchie sulla neve.

19 febbraio - Staffetta Short track (argento) Staffetta biathlon (bronzo)

Giornata storica per lo short track italiano che festeggia un altro podio dopo l'oro individuale della Fontana. La medaglia d'argento la conquista la staffetta femminile trascinata proprio da Arianna Fontana e composta anche da Martina Valcepina, Lucia Peretti e Cecilia Maffei: seconde alle spalle della Corea del Sud in una finale caratterizzata da una doppia squalifica per Canada e Cina.

Le ragazze cinesi avevano chiuso al secondo posto alle spalle della Corea, ma sono state eliminate per la carambola che ha penalizzato le azzurre. Fuori anche il Canada e così sul podio è salita l'Olanda vincitrice della finale B con il record del Mondo. Per Arianna Fontana settima medaglia olimpica all-time.

Poi il bronzo della staffetta mista del biathlon con Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Lukas Hofer e Domink Windisch: terzo posto alle spalle dell'imprendibile Francia di Fourcade (5° oro in carriera) e della Norvegia. Gli azzurri hanno compiuto un piccolo capolavoro nel tenersi dietro la Germania con arrivo in volata.

21 febbraio - Goggia (oro)

Ecco finalmente la medaglia d'oro dallo sci alpino ai Giochi di PyeongChang. A conquistarla è Sofia Goggia, straordinaria nella discesa libera femminile nella quale partiva da favorita insieme alla fuoriclasse statunitense Lindsey Vonn. La Goggia ha vinto con soli 9 centesimi di vantaggio sulla norvegese Mowinckel e 47 sulla Vonn.

E' stata perfetta da metà pista fino al traguardo, quando si è sciolta e ha lasciato correre gli sci tenendo linee perfette. Nella prima parte, di pura scorrevolezza, aveva pagato qualche centesimo senza, però, mai farsi prendere dall'ansia ed evitando gli errori che spesso hanno condizionato la sua carriera.

Era da Vancouver 2010 (Razzoli nello slalom speciale maschile) che l'Italia non saliva sul gradino più alto del podio olimpico in una delle prove dello sci alpino. La neve molto aggressiva ha tradito le altre azzurre al via: Brignone, Nadia Fanchini e Delago sono tutte cadute nella prima parte della discesa senza arrivare in fondo.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Olimpiadi invernali 2018: chi è Arianna Fontana, portabandiera italiana

Stella del ghiaccio, a PyeongChang ha centrato due podi che la proiettano nella storia dello sport azzurro

Olimpiadi invernali 2018: gli italiani in gara da seguire

Sorprese e personaggi all'ultima chance per il podio. Ecco, gara per gara, gli azzurri da medaglia ai Giochi di PyeongChang in Corea del Sud

Italia, tutte le medaglie nella storia delle Olimpiadi invernali

Sono 114 i podi azzurri su neve e ghiaccio prima dei Giochi di PyengChang 2018: il record a Lillehammer '94 (20) e la crisi dopo Torino 2006

Commenti