video

Space Shuttle Challenger: l'esplosione dopo il decollo

E' il 28 gennaio 1986. Lo Space Shuttle Challenger si stacca dalla base di Cape Canaveral e si dirige verso lo spazio. Dopo 73 secondi di volo regolare la navicella esplode; i 7 membri dell'equipaggio muoiono sul colpo. In cielo i due razzi volano ancora impazziti mentre centinaia di detriti del Challenger precipitano in mare. La folla che assisteva al decollo dalle tribune è raggelata. Tra loro ci sono soprattutto i parenti degli astronauti. L'inchiesta susseguente all'incidente stabilirà che l'esplosione è stata causata da una guarnizione difettosa al serbatoio di carburante dei due razzi vettori. E' una delle più grandi tragedie della corsa allo spazio degli Stati Uniti

I più letti