Il bimbo e il gatto
BoredPandaAnimals / YouTube
Il bimbo e il gatto
Società

Vivere a contatto con i gatti può causare malattie mentali

Lo dice una ricerca condotta in America che ha studiato il nesso tra schizofrenia e toxoplasmosi

I bambini che vivono a contatto con i gatti hanno più possibilità, da adulti, di sviluppare forme di schizofrenia. La tesi è stata esposta dagli studiosi della John Hopkins University School of Medicine di Baltimora, Usa, che hanno preso in esame un campione di 2.000 famiglie all'interno delle quali un membro del nucleo famigliare soffriva di disturbi mentali scoprendo che la maggior parte di esse vivevano con animali domestici, in particolare con gatti.

Secondo gli studiosi responsabile del disagio psichico potrebbe essere il parassita Toxoplasma gondi che causa, tra l'altro, la toxoplasmosi e si trova nelle feci dei gatti selvatici.

In un passaggio del testo gli studiosi scrivono: "La proprietà del gatto durante l'infanzia è significativamente più comune nelle famiglie in cui il bambino diventa più tardi gravemente malato di mente. Se fosse vero, un meccanismo esplicativo può essere il Toxoplasma gondi. Invitiamo i nostri colleghi a replicare questi risultati per chiarire se la proprietà del gatto in infanzia è davvero un fattore di rischio per la schizofrenia in età adulta".

In realtà lo studio è solo ipotetico e in fase di approfondimento e non dimostra ancora nulla tanto più se si considera che l'unico modo per contrarre la toxoplasmosi da un gatto è quella di entrare a contatto diretto con le feci dell'animale e ingerirle.

Il parassita, però, si può trovare anche nella verdura e nella frutta lavata male, in molti insaccati o nel pesce e carne crudi. Non è quindi il caso di demonizzare la presenza dei gatti in casa che, anzi, spesso aiutano il bambino a crescere e sono compagni di giochi e coccole.

E' però importante stare attenti a ciò che si mette in bocca, a lavare bene le mani e gli alimenti e a non sottovalutare i rischi che si possono correre contraendo la toxoplasmosi: che siano essi di natura psichica o fisica.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti