Le web bufale della settimana - Ep. 46
Olycom
Le web bufale della settimana - Ep. 46
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 46

Le notizie più assurde apparse in Rete negli ultimi 7 giorni

1. Fermiamo Jan Fabre

La petizione per fermare Jan Fabre La petizione per fermare Jan Fabre www.ilmiogattomiao.it

Sulle bacheche di molti utenti social di sicuro è comparsa questa immagine a corollario di una petizione che recitava più o meno: "L'artista belga Jan Fabre è ospite a Firenze dal 14 Aprile al 2 Ottobre. Il suo modo di fare arte è a dir poco macabro e scandaloso. Rappresenta la morte come fosse un grande spettacolo.
Una delle sue opere d’arte si chiama Il carnevale degli animali e rappresenta gatti randagi morti sospesi e sostenuti da ganci. Per quanto noi ci sforziamo non riusciamo a trovare nulla di artistico in questo e non riusciamo a spiegarci come possano gli organizzatori della mostra, considerare Jan Fabre uno degli artisti più innovativi e rilevanti del panorama contemporaneo. A nostro avviso è uno psicopatico che usa gli animali per spettacoli senza senso".

Si diceva anche che Fabre uccidesse gli animali e poi li usasse per le sue opere e gli animalisti di tutto il mondo si erano uniti nel dire basta a una simile mattanza.

In realtà l'opera (questa ma ne esistono di analoghe con i cani randagi) per quanto forte e discutubile racconta una storia diversa. In primo luogo gli animali impagliati sono morti durante incidenti d'auto o a causa dell'abbandono degli esseri umani e spiattellarli in faccia (come direbbe Montale) al pubblico ha proprio lo scopo di creare uno choc visivo nell'osservatore messo di fronte alla sua cattiveria e miseria nei confronti degli animali, dei più deboli o degli artisti stessi "usati" dal commercio d'arte fino a quando non diventano scomodi o ingombranti.

Una poetica chiara esiste, che poi il gusto estetico raffaellita sia un lontano ricordo è un altro paio di maniche.

La prima volta a Singapore

La prima volta a Singapore La prima volta a Singapore Foto da video

Dall'Oriente, dove questa bufala è rimbalzata per settimane, la notizia è arrivata fin da noi. La foto, corredata da video, è circolata in Rete denunciando il fatto che gli adolescenti di Singapore dovessero sottoporsi al rito del primo rapporto sessuale davanti alla famiglia per dimostrare la virilità e la competenza nel settore.

In Cina la notizia aveva fatto gridare allo scandalo, mentre Singapore si era sentita offesa da simili illazioni prive di fondamento.

Una partita a ping pong tra accuse e smentite finita solo quando alcuni responsabili della pellicola erotica La via ad ovest hanno riconosciuto le immagini dal set.

Si trattava, infatti, del back stage del film durante il quale i membri del cast erano seguiti da tecnici e truccatori

3. De Profundis

Briatore smentisce i rumors sul nome del vincitore: "Dobbiamo ancora registrare le ultime due puntate"

(Daniele Cruciani)

Flavio Briatore e Chuck Norris. Questa settimana le Parche avrebbero tagliato il filo all'imprenditore e all'attore, ma grazie al cielo si tratta solo di una doppia bufala.

Il Walker Texas Ranger sarebbe defunto dopo aver a lungo lottato contro al cancro. In Rete era addirittura apparsa una falsa lettera lasciata alla moglie che si concludeva così: "Grazie a tutti voi, dal profondo del mio cuore, vi amo tutti, ma adesso devo andare, la depressione mi ha ormai consumato, il cancro mi sta divorando, ho voluto tenervelo nascosto, non non arrecarvi tristezza, per non farvi pesare questo mio grande dolore. Quando leggerete questo mie parole, io sarò morto, il mio cuore si sarà fermato e io mi sarò arreso. Sono stanco, voglio riposare. Vi amo".

Norris, però, fa ancora parte del mondo dei vivi così come Flavio Briatore dato per spacciato a causa del famoso "Malore improvviso". Anche The Boss sta bene e queste false notizie servono solo a generare traffico sul web

4. I danni da microchip

Una delle grandi e recenti battaglie degli animalisti è quella contro i microchip sugli animali. Spesso i portali dedicati parlano dei danni da impianto e vogliono far credere che i microchip su cani e gatti possano entrare in risonanza con gli apparecchi elettrici di casa e causare danni agli animali domestici un po' come capita alle balene con i radar o le interferenze quando perdono la rotta.

La notizia però è priva di ogni fondamento scientifico. Non esistono prove, infatti, di eventuali danni da microchip. Gli animalisti sostengono che quello dell'anagrafe canina sia solo un business e che punti a indebolire gli animali per farli curare dai costosi veterinari. Una teoria complottista bella e buona che, dice la scienza, non ha basi nella realtà.

5. Innalzata l'età per la patente

A 20 anni ecco la patente Olycom

Si tratta di una bufala che periodicamente compare in Rete e che parla di un nuovo ddl pronto per essere approvato. Il decreto porterebbe a 20 anni l'età per conseguire la patente. Di recente la falsa notizie si è arricchita di un ulteriore particolare: prima di accedere agli esami si verrebbe sottoposti a test attitudinali per dimostrare che si hanno conoscenze di base, senso civico e assenza di inclinazioni pericolose. In questo caso, vien da dire, purtroppo si tratta solo di una bufala.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti