Leonardo DiCaprio
MARK RALSTON/AFP/Getty Images
Leonardo DiCaprio
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 33

Le notizie più assurde apparse in Rete negli ultimi 7 giorni

1. "Mamma, ho perso l'Oscar"

Leonardo DiCaprio Leonardo DiCaprio agli Screen Actors Guild Awards allo Shrine Auditorium, 30 gennaio 2016, Los Angeles, California. Jason Merritt/Getty Images for Turner

A poche ore dalla premiazione degli Academy Leonardo Di Caprio avrebbe dimenticato l'Oscar in un locale. La gustosa bufala che ha fatto il giro della Rete è stata messa online dal sito TMZ che ha immortalato un membro dello staff di Di Caprio mentre inseguiva l'auto dell'attore con la statuetta in mano, come se Leo, dopo tanta attesa, l'avesse distrattamente abbandonata in un qualche privè di locale notturno.

In realtà non è andata così e l'enturage dell'attore si è affrettato a specificare che l'uomo con in mano l'Oscar era stato incaricato di custodirlo mentre Leonardo festeggiava, ma Di Caprio non ne voleva sapere di andarsene a casa senza statuetta e così, in fretta e furia, l'oscaroforo ha raggiunto l'attore ridando al legittimo proprietario l'agognata statuetta.

2. Tolgono loro i figli perchè troppo cristiani

Al 17° posto si torna in Europa, con la Norvegia. Olycom

In settimana la pagina Facebook di Mario Adinolfi riportava una notizia rimbalzata su diversi portali nazionali a proposito di un fatto accaduto ad una famiglia norvegese. "Marius e Ruth sono cristiani - si legge sul post - sono sposati, hanno 5 figli tra cui un neonato di pochi mesi. Sono norvegesi. Il 16 novembre su segnalazione della preside della scuola in cui andavano i figli più grandi i servizi sociali sono andati a prelevare i bambini, arrestando prima Ruth e poi Marius. Nell'esposto della preside si indicava l’accusa nei confronti dei genitori: 'Troppo cristiani'. La stessa preside scrive che non si riscontravano comunque segni di violenza o maltrattamenti nei confronti dei bambini. A Marius e Ruth nulla viene contestato dopo gli interrogatori, vengono rilasciati. Ma i bambini vengono sparsi in varie casa famiglia, solo il 18 febbraio viene consentito ai due genitori di vedere i loro figli insieme, prima di dichiarare tutti e cinque i bambini 'adottabili'. Questo è l'esito, ieri in tv l'ho detto: l'obiettivo è l'assalto a Cristo, alla Chiesa, ai cristiani".

In realtà, a spulciare le carte norvegesi si scopre che la faccenda è diversa. A causa del fanatismo religioso della coppia (ma anche di nonni e zii) i bambini venivano spesso puniti e, si legge nel rapporto dei servizi sociali, "Trattati come stracci", umiliati psicologicamente. Non è quindi una persecuzione nei confronti dei cristiani quella attuata dalla Norvegia, ma un tentativo di difendere dei bambini da genitori che hanno bisogno di essere rimessi in riga.

3. Le sirene esistono

Le sirene esisitono Le sirene esisitono Facebook/Bufale.net

Cinquemila condivisioni Facebook in poche ore per l'ennesimo fantomatico avvistamento di sirene. Questa volta le creature degli abissi sarebbero state trovate nel Mar Nero. Il realtà questa foto e il video correlato fa parte del kit di effetti speciali della pellicola Pirati dei Caraibi girata proprio in quella zona. Le sirene quindi, sì esistono, ma nella fantasia di cinema e narrativa.

4. Aumenta di 5 euro il prezzo delle sigarette

sigarette IStock

Cinque euro a pacchetto. Sarebbe questo l'aumento medio delle sigarette a partire dal primo marzo. Per fortuna dei fumatori, però, si tratta solo di una bufala lanciata dal sito LaSera che qualche giorno fa ha scritto: "Sorpresa dal tabaccaio: dal primo marzo infatti, le sigarette aumenteranno in media di 3 euro pacchetto. Per chi fuma è un durissimo colpo colpo al portafogli. La decisione è stata comunicata lo scorso 14 febbraio e l'aumento partirà dal primo marzo. La temuta stangata alla fine è arrivata nonostante le rassicurazioni del Governo che aveva parlato di 'riequilibrio'.

Lo Stato Italiano in accordo con le nuove leggi antifumo ha scelto di rivedere il prezzo di tutte le sigarette e del tabacco, in particolare i prodotti di fascia 'alta' superando, contro le aspettative, la soglia psicologica dei 10 euro a pacchetto".

Si tratta solo di una bufala e nessuna nuova legge è entrata in vigore anche se, forse, aiuterebbe gli incallitit fumatori ha rinunciare alle tanto amate sigarette

Ti potrebbe piacere anche

I più letti