Funny scientist
Salute

Quanto a lungo vivrai? Dipende dalla tua intelligenza: lo dice la genetica

Secondo uno studio la durata della vita dipenderebbe da geni che influiscono sia sullo sviluppo intellettivo sia sulla longevità

Mai fatto un test d’intelligenza? Allora provate, perché dal risultato del vostro Q.I. dipende anche quanto a lungo vivrete. Se siete molto intelligenti allora avrete un’aspettativa di vita maggiore.

Lo afferma uno studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology: secondo gli autori la longevità è collegata al patrimonio genetico, in particolare sono gli stessi geni responsabili dello sviluppo intellettivo che influiscono anche sulla durata della vita.

Di primo acchito verrebbe da pensare che le persone più intelligenti vivono più a lungo perché optano per migliori scelte e abitudini salutari, fanno lavori più sicuri e più retribuiti che consentono loro di spendere per prendersi cura della loro salute e possono permettersi di abitare in zone lussuose lontane dall’inquinamento e con tutti i comfort a portata di mano. Tutto vero, ma a parità di condizioni, i più dotati intellettivamente restano i più longevi: merito del patrimonio genetico.

Per testare l’ipotesi che alcuni geni influiscono sia sulla longevità sia sullo sviluppo cerebrale, i ricercatori hanno analizzati i dati di uno studio effettuato su 377 coppie di gemelli statunitensi veterani della seconda guerra mondiale, su un altro che ha preso in considerazione 246 coppie di gemelli in Svezia e un terzo su 748 in Danimarca. Cosa hanno trovato? Nelle coppie di gemelli omozigoti, che hanno lo stesso Dna, la durata della vita dipendere solo da fattori esterni, mentre nei gemelli eterozigoti, che condividono invece solo la metà del patrimonio genetico, il più intelligente vive più a lungo.

I risultati hanno quindi attestato che generalmente il gemello con un maggior quoziente d’intelligenza ha avuto una vita più lunga e ciò si è rivelato molto più evidente nelle coppie eterozigote, confermando che sono proprio i geni a determinare la longevità.

Secondo i calcoli degli studiosi la relazione tra intelligenza e durata della vita è dovuta per il novantacinque per cento a fattori genetici. Solo il restante cinque per cento si lega a fattori ambientali.

Per avere risultati ancora più “imparziali” ora i ricercatori stanno pianificando di replicare lo studio anche su animali: “cani e topi non fumano né assumono alcol o droghe e questo porta ad escludere ogni fattore non genetico nella relazione intelligenza-longevità che abbiamo individuato” spiega Rosalind Arden della London School of Economics and Political Science.

Che rassicura: “non preoccupatevi se i vostri figli non ottengono risultati brillanti a scuola; se volete assicurargli una vita più lunga lasciate da parte la genetica e controllate che la loro alimentazione sia sana, che eseguano attività fisica ed evitino sigarette e alcolici”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ecco l’equazione della felicità

Elaborata da ricercatori inglesi, dimostrerebbe che a renderci di buon umore contribuirebbero più le aspettative e i desideri che le gratificazioni economiche

Commenti