Musica

Paolo Fresu & Omar Sosa: il suono avvolgente dell'Eros

Nella tracklist del nuovo album ci sono cover di Massive Attack e di Peter Gabriel. Tra gli ospiti, Jacques Morelenbaum e Natacha Atlas

A quattro anni dall'uscita di Alma, Paolo Fresu e il pianista cubano Omar Sosa pubblicano Eros, un disco bellissimo, oltre che un concept-album legato al tema del titolo e composto da 13 canzoni.

Tra le collaborazioni presenti, quella di Jacques Morelenbaum, del quartetto Alborada e della cantante magrebina Natacha Atlas che propone uno splendido remake arabo di un classico del calibro di Teardrop dei Massive Attack.

Molte le perle dell'album, tra cui un brano inedito di Peter Gabriel (composto con il figlio Isaac): What lies ahead, la canzone con cui il cantante ha aperto i concerti italiani del tour 2014 Back To Front.

Il trombettista sardo ha presentato il disco in un negozio di Bologna, Discorama: "In un momento in cui si assiste al declino del mercato fisico del disco la nostra idea è quella di premiare le piccole realtà stoiche che resistono, zoccolo duro del mercato discografico, come questo negozio. E' il nostro modo per dare una risposta all'asfittico mercato e per riflettere assieme, con poesia, sul senso fruitivo della musica e sul nuovo assetto dei mercati fisici e digitali".

I TRE BRANI CULT DI EROS: Teardrop-Ya Habibi, Brezza del Verano e What lies ahead.

Paolo Fresu e Omar Sosa presenteranno Eros dal vivo la prossima estate:

17 giugno - Udine
24 luglio - Monte Sant’Angelo (FG)
26 luglio - Verucchio (RN)
27 luglio - Monforte d’Alba (CN)
28 luglio - Alberobello (BA)
29 luglio - Arbatax o Bosco Selene (OG)
30 luglio - Segni (RM)
1 agosto - Napoli

Tuk Records
La cover di Eros
Ti potrebbe piacere anche

I più letti