Alberto Bevilacqua
Panorama d'Italia 2017

Exprivia e l'operazione Italtel

Dalla Puglia alla costruzione di un gruppo internazionale di system integration

Domenico Favuzzi è un uomo che ama il basso profilo, un po’ per carattere e un po’ per scaramanzia. Eppure, partendo da Molfetta e restando in Puglia ha costruito Exprivia, azienda specializzata nell’Ict che dal 1999 a oggi è cresciuta attraverso dodici acquisizioni e adesso compra Italtel, ex azienda pubblica di reti di telecomunicazioni.

La visione è quella di creare un gruppo di System Integration (integrazione tra sistemi hardware e software) mettendo a frutto le reciproche competenze, ma soprattutto usando la notorietà del brand Italtel e la sua rete commerciale all’estero “che farà da ponte per lo sviluppo di Exprivia sui mercati internazionali” spiega Favuzzi, 55 anni e anche presidente di Confindustria Puglia.

La chiusura dell’operazione è prevista a fine settembre e darà corpo a un gruppo da 600milioni di fatturato di cui il 40 per cento prodotto all’estero. I dipendenti saranno circa 3000 e dislocati nei due centri di ricerca in Puglia e in Sicilia.

Exprivia (141,8 milioni di ricavi e un utile 2016 di 2,8 milioni) partecipa alla ricapitalizzazione di Italtel con 25 milioni, per arrivare a detenere l’81 per cento del capitale, mentre il resto rimane proprietà dell’americana Cisco. “Italtel porta in dote le Telco, i suoi clienti e la sua storia, messi a disposizione per la costruzione di un grosso gruppo italiano capace di integrare sistemi per il banking, la finanza, la sanità, l’energia e il settore pubblico, ma soprattutto per la cybersecurity e la gestione dei dati, settore in cui l’Italia è rimasta indietro. La sfida oggi è gestire al meglio i dati prodotti dalle aziende e riuscire a farlo come già fanno gli americani”.

Il mercato è in ripresa e nelle aziende si sta affermando la cultura che gli investimenti in Ict sono ormai strategici per le società “e riteniamo dunque che il debito di Italtel sia perfettamente sostenibile”.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti