News

Van Gogh, i quadri rubati nel 2002 ritrovati in mano alla camorra

Due opere, del valore di 100 milioni di dollari, erano sparite in Olanda e sono state recuperate dalla Guardia di Finanza

Sono La spiaggia di Scheveningen durante un temporale dell'agosto 1882 e Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen i due quadri rubati dal Van Gogh Museum di Amsterdam il 7 dicembre 2002 e ritrovati dalla Guardia di Finanza in un locale di Castellammare di Stabia durante un'operazione anticamorra. Il valore delle opere è stimato intorno ai 100 miioni di dollari.

Alla scoperta dei due capolavori si è arrivati grazie alle dichiarazioni di un indagato che ha illustrato, nell' ambito di un'inchiesta sul clan camorristico degli Amato-Pagano, i beni nei quali erano stati investiti i proventi dell'attività illecita. Lo hanno spiegato gli inquirenti durante la conferenza stampa sul ritrovamento delle due tele. I quadri erano stati acquistati dal clan dopo loro furto. Gli autori di quel furto erano già stati arrestati nel 2003

Il primo dei due, dipinto a olio su tela, fu realizzato dal celebre pittore olandese dopo aver posizionato il suo cavalletto all'aria aperta sul litorale della località nei pressi de L'Aja. Secondo quanto tramandato, si trattava di una giornata particolarmente ventosa, che trascinò i granelli di sabbia della spiaggia nella vernice applicata sulla tela ed al cui interno rimasero attaccati. Il quadro descrive le onde agitate del mare, il cielo pieno di nuvole e le bandiere mosse dal vento.

Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen è del 1884 ed è anch'esso un dipinto a olio su tela

ANSA/ CIRO FUSCO
Axel Ruger, direttore del museo Van Gogh di Amsterdam, durante la conferenza stampa della Guardia di Finanza per il ritrovamento di due quadri rubati nel 2002
Ti potrebbe piacere anche

I più letti