Stagione lirica, su il sipario sui conti (in rosso) dei teatri
Stagione lirica, su il sipario sui conti (in rosso) dei teatri
News

Stagione lirica, su il sipario sui conti (in rosso) dei teatri

Meno trasferimenti da parte di ministero ed enti locali. Ma anche errori gestionali e tanti debiti. Così molte fondazioni nel 2013 rischiano la stecca.

L’ultima polemica è datata 23 gennaio, quando la scelta del ministero dei Beni culturali di erogare non meglio quantificate «risorse aggiuntive» a favore della Scala di Milano ha mandato su tutte le furie gli altri teatri lirici italiani. A protestare sono stati soprattutto il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, che è anche presidente della Fenice, e Bruno Cagli, che guida l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, da sempre impegnata in una sorta di derby dell’eccellenza musicale con il teatro meneghino.

Dall’inizio del 2013, però, il malumore contagia tutti i 14 palcoscenici cui è riservato lo status di fondazione. I contributi del Fus, il Fondo unico per lo spettacolo, sono calati nell’ultimo ventennio da 900 a 262,4 milioni annui. E anche se alla lirica spetta la fetta più grossa delle erogazioni, l’equilibrio dei conti resta precario, come dimostrano gli ultimi bilanci disponibili (al 2011). I motivi? I costi degli allestimenti sono esplosi, la crisi scoraggia il pubblico, gli enti locali, con qualche eccezione, stringono i cordoni della borsa.

È vero che nel resto d’Europa i finanziamenti pubblici alla lirica in rapporto al pil sono il quadruplo di quelli italiani. Ma è anche vero che le gestioni si sono rivelate assai poco manageriali: cartelloni ridottissimi, spazi inutilizzati, scarsa capacità di diversificare le fonti di ricavo e organici troppo onerosi hanno portato a deficit milionari e in alcuni casi, dal Petruzzelli di Bari fino al Maggio musicale fiorentino, dove si è appena dimessa la sovrintendente Francesca Colombo, alla necessità del commissariamento.

Leggi Panorama on line

Ti potrebbe piacere anche

I più letti