Quando il giovane Matteo Renzi voleva rottamare la sua Dc
Quando il giovane Matteo Renzi voleva rottamare la sua Dc
News

Quando il giovane Matteo Renzi voleva rottamare la sua Dc

A 17 anni Matteo chiedeva che Arnaldo Forlani lasciasse dopo il voto del 1992. E intanto lui perdeva alle elezioni scolastiche.

di David Allegranti

La rottamazione non è un’invenzione del 21° secolo: già negli anni Novanta il giovanissimo Matteo Renzi, oggi sindaco di Firenze, prossimo candidato alle primarie del Pd e a quei tempi studente in uno dei licei più prestigiosi della città, il Dante, voleva mandare in pensione un po’ di dirigenti. Ma di quale partito? Della Democrazia cristiana naturalmente. È l’aprile del 1992, si è appena votato alle politiche, la Dc per la prima volta in un’elezione nazionale non ha superato il 30 per cento (29,66 alla Camera) e lo scout di Rignano sull’Arno è piuttosto arrabbiato. Alla guida del partito c’è Arnaldo Forlani, «che anche nella formazione delle liste» scrive Renzi diciassettenne sul giornalino scolastico il Divino mensile «ha commesso i suoi errori e dovrà passare la mano com’è giusto che sia per un segretario che perde il 5 per cento. La Dc, e queste sono parole di chi crede in questo partito, deve veramente cambiare, in modo netto e deciso mandando a casa i Forlani, i Gava, i Prandini e chi si oppone al rinnovamento».

Insomma, non c’è ancora quella parolina magica, rottamazione, ma poco ci manca. Renzi sembra essere avviato verso una brillante carriera politica, ma è proprio al liceo che subisce una sconfitta bruciante: alle elezioni scolastiche riesce, sì, a diventare rappresentante d’istituto, però con la sua lista cattolica («Al buio è meglio accendere una luce che maledire l’oscurità») arriva solo secondo, con 99 voti. A stracciarlo è la lista apartitica guidata da Leonardo Bieber (269 voti), oggi consigliere comunale del Pd a Palazzo Vecchio. Lo slogan («Accendere la luce») dette luogo anche a qualche parodia. In una vignetta pubblicata sul Divino si vede Renzi vestito da cardinale che con un fiammifero dà fuoco a una signorina. Sotto, la scritta (illuminante): «Renzquemada».  

Leggi Panorama online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti