Processo Eternit, le reazioni tra sgomento e rabbia
Processo Eternit, le reazioni tra sgomento e rabbia
News

Processo Eternit, le reazioni tra sgomento e rabbia

Dalla protesta dei familiari ai commenti di Chiamparino, Renzi e Guariniello, il giorno dopo l'annullamento della sentenza sul processo per le morti di amianto

Nessuna giustizia

Non ci sar più giustizia per migliaia di vittime dell'amianto, almeno per quelle che hanno respirato le polveri letali nei quattro stabilimenti italiani della multinazionale Eternit dal 1966 al 1986. È questo l'effetto della decisione della Cassazione che ha seppellito con la prescrizione - maturata già prima della conclusione del primo grado - il reato di disastro ambientale doloso con il quale la Procura di Torino aveva mandato sotto processo il magnate elvetico Stephan Schmidheiny e la Corte di Appello, il 3 giugno del 2013, lo aveva condannato a 18 anni di reclusione e a pagare 89 milioni di euro di indennizzi.

Mille parti civili

"C'è chi li ha illusi", hanno commentato fonti della Procura della Suprema Corte riferendosi alle aspettative delle quasi mille parti civili costituitesi al processo e che oggi, chi con il pullman, chi in macchina o in treno, in tante, soprattutto persone anziane, sono arrivate a Roma con la speranza di ottenere la condanna per la morte dei loro cari. Intere famiglie sono state decimate dalla morte silenziosa: quella di Romana Blasotti, ottantacinquenne presidente del comitato delle vittime di Casale Monferrato che è il territorio più colpito, conta ad esempio ben cinque vite spezzate. Marito, sorella, figlia, nipote e una cugina. "Vergogna, vergogna", hanno urlato nell'aula magna della Suprema Corte alla lettura del verdetto che ha mandato in fumo anche la speranza dei risarcimenti e ha dato ragione alla disillusione dei familiari di altre duemila vittime che, invece, hanno accettato dai legali dell'ex ad svizzero un accordo economico extragiudiziario. 

Matteo Renzi: "Cambiare la giustizia"

"Da cittadino mi colpiscono le interviste ai familiari e mi fanno venire anche un po' di brividi. Perché mostrano un'abilità straordinaria perché credono nella giustizia più di quanto ci creda talvolta un servitore dello Stato e continuano a combattere non perché le morti siano consolate - sono inconsolabili - ma per l'idea di attaccarsi fortemente alla giustizia come etica di un Paese. È un dolore e una bellezza senza fine". Così Matteo Renzi commenta la vicenda Eternit a Rtl. "Non è possibile su alcune vicende avere regole che col tempo fanno saltare la domanda di giustizia, perché ci sono dei dolori che non hanno tempo", sottolinea Renzi. "Dobbiamo far sì che i processi siano più veloci e non ci sia modo di chiudere la partita più velocemente perché è passato tanto tempo come se le domande di giustizia venissero meno. No, non vengono meno". "La giustizia deve essere tempestiva. Non possiamo cedere davanti alla prescrizione. I processi devono essere veloci e giusti", sintetizza il premier su Twitter.

Il Governatore del Piemonte: "Profonda indignazione"

"Apprendo con sorpresa e disappunto della decisione della Corte di Cassazione di annullare, causa prescrizione del reato, la sentenza di condanna a Stephan Schmidheiny nel processo Eternit. Non può che destare profonda indignazione" ha detto il Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino appena saputo del verdetto che cancella anche il diritto della regione a 20 milioni di euro di risarcimento.

Il pm Guariniello: "Riaprire il capitolo degli omicidi"

 "Non bisogna demordere. Non è una assoluzione. Il reato c'è. E adesso possiamo aprire il capitolo degli omicidi", ha commentato il pm Raffaele Guariniello che aveva guidato il pool dell'accusa. "La Cassazione - ha proseguito il magistrato - non si è pronunciata per l'assoluzione. Il reato evidentemente e' stato commesso, ed è stato commesso con dolo. Abbiamo quindi spazio per proseguire il nostro procedimento, che abbiamo aperto mesi fa, in cui ipotizziamo l'omicidio. Questo non è il momento della delusione, ma della ripresa. Noi non demordiamo". 

Soddisfazione dalla Svizzera

Grande soddisfazione filtra dalla Svizzera, dove risiede l'ex imputato. "La decisione della Suprema Corte - spiega un comunicato del suo ufficio stampa - conferma che il processo Eternit, nei precedenti gradi di giudizio, si è svolto in violazione dei principi del giusto processo. Schmidheiny si aspetta che ora lo Stato italiano lo protegga da ulteriori processi ingiustificati e che archivi tutti i procedimenti in corso". E si avanza la teoria del "complotto" dei giudici torinesi ai danni del magnate che ha problemi con la giustizia anche per i morti da amianto degli stabilimenti in altre parti del mondo. In Cassazione, infatti, sono arrivate delegazioni dalla Gran Bretagna, dal Brasile, dalla Francia, e dalla stessa Svizzera. 

Gli altri filoni dell'inchiesta

Se è calato il sipario sul maxiprocesso Eternit, sono però in piedi altri due filoni nati dalla sua costola: uno ipotizza l'omicidio volontario per la morte di 213 lavoratori e l'altro per la morte dei dipendenti italiani dei siti produttivi all'estero. In proposito, l'avvocato Sergio Bonetti che rappresenta 400 vittime e molte associazioni di parte civile, rileva che "questa sera la Cassazione ha in sostanza detto che il maxi processo doveva svolgersi con l'accusa di omicidio, e dunque tenderei a non escludere che il procedimento aperto con questa imputazione possa avere un esito migliore". 

I costi sociali

Oltre al danno, la beffa. Inps e Inail infatti - che in appello erano state escluse dal novero delle parti civili - sono state condannate a pagare alcune migliaia di euro di condanna alle spese. Ma il conto più salato, lo ha pagato negli anni l'intero Paese. "Per l'Inail - ha sottolineato l'avvocato generale dell'ente Giuseppe Vella - i costi per le sole prestazioni ai lavoratori colpiti dalle patologie provocate dall'amianto sono costate 280 milioni di euro che non si recupereranno piu' perché il verdetto della Cassazione ha demolito in radice questo processo". Nella sua requisitoria il sostituto procuratore generale della Cassazione Francesco Iacoviello aveva acceso le speranze delle parti civili dicendo che "il legislatore è stato troppo lassista sull'amianto varando una legge solo nel 1992", e sostenendo che "dodici anni di carcere sono troppo pochi per chi ha provocato cosi' tante vittime". Ma il suo ragionamento - che alcuni legali hanno definito "un colpo di teatro" - è culminato nella richiesta della prescrizione e dalla notazione che servirebbe una norma specifica per punire gli imprenditori che uccidono mettendo in circolazione agenti cancerogeni che si sviluppano anche 40 anni dopo la loro immissione in circolo.

Il servizio del Tg 5

Ti potrebbe piacere anche

I più letti