Priebke era sconvolto dall'omicidio Kercher
Priebke era sconvolto dall'omicidio Kercher
News

Priebke era sconvolto dall'omicidio Kercher

Nel numero in edicola Panorama pubblica anche una lettera inedita che l'ex capitano delle Ss inviò a Montanelli

Il boia delle Fosse Ardeatine, Erich Priebke, era rimasto sconvolto dall’omicidio di Meredith Kercher a Perugia. «Continuava a dire che non capiva come la gente fosse capace di tanta violenza immotivata nei confronti di una persona» ha rivelato a sorpresa l’avvocato di Priebke, Paolo Giachini, al settimanale Panorama, in edicola da giovedì 17 ottobre. Come se il passato tragico non lo riguardasse più e fosse diventato solo un pensionato quasi sordo, Priebke guardava soprattutto i telegiornali e rimaneva colpito dalla cronaca nera, ma non riusciva a capire perché lo chiamassero «boia». Giachini lo considerava un nonno e ne ricorda la durissima educazione prussiana.

Panorama pubblica anche una lettera inedita che l’ex capitano delle Ss scrisse nel 1998 a Indro Montanelli, il quale due anni prima aveva pubblicato e risposto a una sua missiva. Priebke gli raccontò il suo «calvario a Roma» ringraziandolo per l’aiuto, ma Montanelli non pubblicò mai quelle righe limitandosi a promettergli che avrebbe continuato a parlare del suo caso. E, rispondendo ai lettori sul Corriere della sera, pochi giorni dopo chiese «un trattamento umanitario per Priebke».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti