Politica

Oggi Lega, Forza Italia e Fdi sarebbero maggioranza. E Di Maio lo sa

Gli incontri tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi potrebbero essere il preludio del ritorno al potere della coalizione di centrodestra

Italian elections 2018: new faces and new scenarios

Augusto Minzolini

-

Potrebbe essere definita una politica a due dimensioni, o giù di lì: una riguarda il presente; l'altra nasce dal passato e si traduce in una promessa per il futuro. Lo stato delle cose nel centrodestra è più o meno questo.

Dell'attuale governo, basato sul rapporto tra Lega e i 5 Stelle, Matteo Salvini non può - e, per ora, non vuole - fare a meno, ma il dato nuovo è che, a differenza di qualche mese fa, il leader della Lega sembra aver messo da parte l'idea che l'alleanza con i grillini possa trasformarsi da congiunturale in strategica; e si sta convincendo che l'unica opzione possibile è il ritorno alla vecchia e rassicurante coalizione del centrodestra, con la Lega (sono i numeri a parlare) nel ruolo di perno della coalizione.

È il succo degli incontri ravvicinati di questi giorni tra Salvini e Silvio Berlusconi prima e, quindi, insieme a Giorgia Meloni (Fdi). Una sensazione palpabile, al di là dei comunicati e delle dichiarazioni rassicuranti di scuola dei leghisti, che ha messo in ambasce Luigi Di Maio e soci.

Del resto i sondaggi parlano da soli e quelli che erano domenica 16 settembre sul tavolo di Arcore, della maga Alessandra Ghisleri, erano alquanto eloquenti. Certo il governo gialloverde continua a piacere al 60 per cento degli italiani, ma la quota del Carroccio nella base di consenso è diventata maggioritaria: 33 per i verdi, 27 per i grillini, che in tre mesi hanno perso 6 punti percentuali in favore dei partner di maggioranza.ù

Di più. Nell'indice di gradimento Salvini sovrasta tutti, poi vengono Giuseppe Conte e solo terzo Di Maio, appaiato, con uno 0,1, sopra o sotto, a seconda del momento, con il leghista Giancarlo Giorgetti, e appena una spanna avanti al ministro dell'Economia, Giovanni Tria. Ma il dato che colpisce di più è quello del centrodestra, che tocca quota 46,5: in poche parole, se si votasse ora, con l'attuale legge elettorale, la vecchia coalizione avrebbe sicuramente la maggioranza in Parlamento.

Ebbene, la politica delle due dimensioni, seppure piena di contraddizioni, asseconda entrambi i processi segnalati da quel sondaggio. Nel presente, fino a quando aumenterà il suo consenso, Salvini non metterà in crisi l'attuale esecutivo, che considera funzionale alla sua crescita. "Io coni grillini ci sguazzo" ama ripetere: "Gli risucchio tutti gli elettori".

Nella dimensione futura, invece, pensa da leader del centrodestra: anche perché tra i leghisti, a cominciare da Giorgetti, nessuno reputa i 5 Stelle all'altezza ("Qui su ogni provvedimento bisogna fare gli scongiuri", è la frase dal sen fuggita al "gran vizir" nel vertice ad Arcore).

Ecco perché Salvini è pronto a trovare un'intesa quadro con gli alleati di un tempo: con Berlusconi, che ha fatto venir meno il veto su Marcello Foa per la presidenza della Rai, si arriverà a candidature comuni per le prossime regionali (in Piemonte correrà un candidato vicino a Forza Italia, in Sardegna uno vicino alla Lega e lo stesso schema sarà adottato per Abruzzo e Basilicata).

Del resto sarebbe una mezza follia non seguire questa strategia, se addirittura (a guardare ai sondaggi) le famose regioni rosse, Toscana ed Emilia, potrebbero passare al centrodestra nei prossimi due anni.

L'intesa, sulla carta, dovrebbe riguardare anche alcune nomine di garanzia come la vicepresidenza del Csm, o le presidenze di authority come l'Antitrust o la Consob, ma va tenuto conto che, viste le modalità di nomina, non basta solo la convergenza del centrodestra per puntare su quei ruoli.

E Berlusconi? Al Cav lo schema del ritorno al futuro non dispiace. Convinto com'è che le politiche si fanno sul consenso, seguendo l'istinto pragmatico che lo ha sempre contraddistinto, attende che la bolla gialloverde si sgonfi. "In fondo" ama ripetere "dopo tre mesi Renzi aveva portato il Pd al 40 per cento alle europee, poi avete visto com'è finita. E né i leghisti, né i grillini dopo tre mesi hanno toccato quella percentuale". 

(Questo articolo è stato pubblicato sul numero di Panorama in edicola il 20 settembre 2018)


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La previsione di Berlusconi: il governo gialloverde si schianterà sull'economia

Lo spread si innalzerà e, come capitò nel 2011 al Cav, la strategia dei poteri forti affosserà Salvini e Di Maio, che si troveranno divisi. Ma il leader forzista non considera una cosa: il Potere è un efficace collante

Salvini e Di Maio: finché tempo non ci separi

Tensioni e polemiche. Ma alla fine i due vicepremier fanno sempre pace. Perché conviene a entrambi per i loro progetti a medio e lungo termine. Matteo, infatti, vuole strutturare meglio la Lega. Luigi, invece, punta a superare la regola del doppio mandato elettivo

La copertina di Time a Matteo Salvini "l'uomo più temuto d'Europa"

Sul settimanale americano lo "zar dell'immigrazione in Italia": vuole cambiare il Vecchio Continente dall'interno con i nazionalisti

La fatica di Luigi Di Maio per uscire dall'ombra di Salvini

Finora il governo è stato guidato dal leader leghista, ma per il capo politico del M5S è obbligatorio riconquistare la scena. Ecco come proverà a farlo

Monito a Salvini e Di Maio: si possono sfasciare i partiti ma non lo Stato

Nell'impresa di fare uno Stato di tutti perché al di sopra di ciascuno hanno fallito in tanti. E il nuovo governo non ha capito che qualunque politica senza lo Stato è un carro senza ruote

Salvini e Di Maio a toni accesi: ecco qual è la loro strategia

Alzare la posta in palio: quella dei due vicepremier è una tattica precisa. Con un tacito accordo: cedere su alcune proprie convinzioni pur di non pestarsi i piedi a vicenda. Uno vuol divorarsi la destra e l'altro la sinistra. Per poi decidere se continuare con un governissimo o se costruire un nuovo bipolarismo

La svolta di Matteo Salvini: dalle coalizioni al partito-persona

Alle prossime elezioni potrebbe configurarsi uno scenario inedito, con il leader leghista candidato unico e indiscusso alla presidenza del Consiglio

Di Battista, Fico e Di Maio, tutte le anime del Movimento 5 Stelle

Rappresentano le tre anime pentastellate e oggi sono tutti utili per arginare l'esuberanza leghista e tenere compatti anche i delusi

Fico e Di Maio, ecco dove si spacca il Movimento 5 Stelle

Si riaccende il dibattito interno ai pentastellati e tornano le polemiche verso il capo politico Di Maio, accusato di troppa indulgenza verso Salvini

Commenti