Lo scandalo degli arbitrati ai magistrati
Lo scandalo degli arbitrati ai magistrati
News

Lo scandalo degli arbitrati ai magistrati

La Camera vuole vietare gli arbitrati ai magistrati. Giusto! Ma quanto fruttano?

Il divieto è sacrosanto ma, almeno per ora, è sulla carta. L’ha votato la Camera dei deputati ai primi di giugno: in aula, a maggioranza, è passato un emendamento del Pd all’interno del disegno di legge sulla corruzione. Non è detta l’ultima: il testo dovrà passare anche al Senato, si vedrà.

Il tema, comunque, è di quelli che fanno muovere le montagne, e non per nulla scuote polemiche ormai decennali. Perché l’emendamento intende vietare a tutti i magistrati italiani una pratica antica, quella che finora ha consentito a molti di loro di partecipare ai lucrosi arbitrati giudiziali. Ecco il testo: "Ai magistrati ordinari, amministrativi, contabili e militari (…) è vietata, pena la decadenza dagli incarichi, e la nullità degli atti compiuti, la partecipazioni a collegi arbitrali o l’assunzione dell’incarico di arbitro unico".

Che il problema esista, e che sia uno scandalo, è indubbio. Non è giusto che magistrati si occupino (dietro compensi spesso elevati) di vicende legali che inevitabilmente li distraggono dal loro lavoro normale e che in teoria potrebbero anche influire sulla loro obiettività.
Ma a ingigantire il problema, a renderlo una vera questione nazionale, c’è una situazione che è poco definire paradossale: nessuno sa dire nemmeno quanti siano oggi i magistrati che partecipano ad arbitrati. Né quando incassano attraverso i compensi.

Non lo sa nessuno. Non Raffaella Mariani, la deputata del Pd che pure è stata l’autrice insieme ad alcuni colleghi parlamentari dell’emendamento vittorioso; non lo sa il Consiglio superiore della magistratura; non lo sa nemmeno il Dipartimento della funzione pubblica del ministero della Pubblica amministrazione:  "I dati, purtroppo, sono gestiti dalle singole amministrazioni" dice sconsolato Antonio Naddeo, a capo del dipartimento.
C’è una sola certezza positiva: dal 1998 almeno i magistrati ordinari, civili e penali, sono già sottoposti al divieto di partecipare agli arbitrati. "È così" dice a Panorama.it  Vittorio Borraccetti, membro togato del consiglio ed ex procuratore di Venezia:  prima, a stabilirlo, era stata una norma disciplinare del Csmpoi, 14 anni fa, è intervenuta una legge ordinaria". Strano che i parlamentari non se ne siano accorti, e che oggi ripropongano il divieto nell’emendamento.

Resta il fatto che il nuovo divieto, se definitivamente varato, riguarderebbe quasi esclusivamente i magistrati contabili. Ma anche qui la trasparenza è una vera chimera. In teoria, la partecipazione di un giudice a ogni arbitrato dovrebbe essere autorizzata dal Consiglio di stato e rigorosamente (e tempestivamente) segnalata sul sito www.giustizia-amministrativa.it.
Invece, a una lettura delle tabelle pubblicate alla fine di maggio sul sito, si scopre che solamente nel 2011 gli arbitrati affidati a questo tipo di giudici - dal più piccolo Tar  fino al Consiglio di Stato - sono stati 287. Si va da poche centinaia di euro a svariate decine di migliaia. Il valore complessivo dei compensi indicati supera i 2,7 milioni di euro. Esiste però un clamoroso "buco nero" informativo: 66 arbitrati hanno, alla colonna intitolata "compenso" la sigla n.c. che sta per "non comunicato". L’assenza di trasparenza giustifica il sospetto che si tratti delle cifre più elevate.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti