Iran, c'è l'accordo sul nucleare
Iran, c'è l'accordo sul nucleare
News

Iran, c'è l'accordo sul nucleare

L'intesa è stata raggiunta, ora si lavora alla bozza. Ecco che tipo di accordo soddisferebbe gli Usa

"È stato raggiunta a Losanna l'intesa generale sul controversso programma nucleare iraniano. Si è trovato l'accordo su un sufficiente numero di punti per poter proseguire - come previsto - i negoziati fino alla scadenza finale del 30 giugno. Questo il senso del comunicato che in serata sarà letto dal capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini e dal ministro degli Esteri iraniano, Moham Jawad Zarif. Su Twiter Mogherini ha annunciato che la riunione è conclusa e che ora illustrerà i risultati alla stampa. "L'accordo con l'Iran è accettabile" ha detto il segretario all'energia americano, Ernest Monitz, a Losanna insieme al segretario di stato, John Kerry.

Ma cosa deve contenere questo patto per essere considerato un successo per chi l'ha fortemente voluto: Barack Obama?

Cosa deve contenere l'accordo
L'accordo dovrà raggiungere il suo principale obiettivo: impedire ora e nel futuro a Teheran di costruire la bomba atomica. Dovrà, cioè, evitare che gli ayatollah possano passare da un importante, ma limitato programma nucleare civile a un possibile progetto atomico militare.

Per evitarlo, l'accordo dovrà stabilire che l'Iran sia sottoposto a un regime ispettivo internazionale che controlli con un' intensa frequenza l'andamento dello sviluppo del programma nucleare civile; un sistema di verifiche che impedisca agli iraniani di tradire l'intesa di Losanna , o che, nel caso in cui lo facessero, permetta alla comunità internazionale di reagire in modo repentino per bloccare l'eventuale deriva militare.

Il trattato dovrebbe quindi contenere anche un meccanismo di punizione nei confronti dell'Iran, basato su sanzioni. Tutta la trattativa in corso nella città svizzera è incentrata sulle clauosole che permettano al Gruppo dei 5 + 1 ( e in particolare agli Usa) di avere un accordo blindato, un sistema che impedisca agli iraniani di uscire dal binario tracciato.

Centrifughe e ispezioni
Fondamentali alcuni aspetti. Prima tra tutti il numero delle centrifughe a disposizione dell'Iran. Attualmente ne possiede almeno 20.000. Solo otto anni fa, erano 6.000. Obama vuole che tornino a quel livello. Quel numero impedirebbe a Teheran di costruire la bomba atomica. Su questo aspetto, gli inviati iraniani hanno mostrato aperture.

Israele - che segue con grande attenzione e scetticismo le trattative - spingono affinché gli iraniani aprano il sito di Fordow, misteriosa struttura, nascosta sottoterra, così tanto in profondità che le bombe israeliane non avrebbero alcuna possibilità di colpirla. A Fordow ci sono molte di quelle centrifughe che gli iraniani dovrebbero distruggere.

Le sanzioni
Per firmare l'accordo, gli iraniani hanno chiesto che vengano subito levate tutte le sanzioni imposte dalla comunità internazionale. Un condizione che non va bene alla Casa Bianca. Se vengano subito eliminate, si perde ogni possibilità di condizionamento della politica di Teheran. Se L'iran si è seduto al tavolo di Losanna è stato proprio grazie alle sanzioni. In questi anni hanno colpito e molto l'economia iraniana.

L'accordo dovrebbe prevedere quindi un graduale distacco dal regime delle sanzioni, in modo da consentire ai 5 + 1 di intervenire nel caso incui gli iraniani non rispettassero l'intesa.

Se l'intesa di Losanna prevederà un efficace regime ispettivo di controllo e un idoneo sistema di ritorsioni, per Obama sarà un successo perché impedirebbe agli iraniani di costruire l'atomica nei prossimi 20-30 anni.  Potrà essere considerato il suo capovoloro in politica estera.



Ti potrebbe piacere anche

I più letti