Spin-Time-LAb-casa-occupata-Roma
ANSA/ANGELO CARCONI
Spin-Time-LAb-casa-occupata-Roma
News

Indagine a Roma sul Capodanno nel palazzo occupato

Indagine sullo stabile di Spin Time Labs, famoso per aver avuto la corrente elettrica gratis grazie all'intervento del card. Krajewski

C'è un'indagine della Procura che la coinvolge: «Facessero l'indagine». Ma nel mirino c'è il conto corrente dove sono finiti i soldi dell'incasso del megarave di Capodanno? «Scusa devo prendere un treno. Ciao».

Tarzan, al secolo Andrea Alzetta, leader di Action, non mostra preoccupazione ma non vuole dire di più sulle conseguenze del festone abusivo ed esentasse nel palazzo occupato di Santa Croce in Gerusalemme a Roma, dove il 31 dicembre si sono riunite circa 5.000 persone nella completa illegalità. Dopo una prima ricognizione della Digos, sul tavolo degli inquirenti sono finiti i nomi dei tre responsabili dell'organizzazione della festa malgrado la diffida della questura di Roma. Si tratta di Andrea Alzetta, appunto, Paolo Perrini, a capo dello Spin time labs, il centro sociale che gestisce la cultura dell'occupazione (discoteca, ristorante e pub all'interno dello stabile), e Tommaso Salaroli, a capo del mensile studentesco Scomodo, sponsor dell'iniziativa.

Su loro tre grava la completa responsabilità di aver violato la diffida del questore, Carmine Esposito, notificata la mattina del 31 dicembre e di aver organizzato nel palazzo occupato dal 2013 una notte di follia, con migliaia di persone rimaste fuori dai cancelli tra urla, spaccio, risse, malori e disagi per i cittadini residenti, senza un servizio d'ordine ma soprattutto senza rispettare alcuna norma di sicurezza. E anche se le infrazioni ipotizzate sarebbero di carattere amministrativo, sembra che il procuratore facente funzioni Michele Prestipino voglia affidare il fascicolo alla supervisione del procuratore aggiunto Francesco Caporale, coordinatore del pool antiterrorismo di piazzale Clodio.

«Non c'era nessun tipo di pericolo a farla. Era una festa conviviale, allegra con quattro cucine etniche, sale da ballo e laboratori per bambini», aveva già detto Tarzan. Eppure proprio chi non è riuscito a entrare pur avendo un biglietto acquistato online, ha denunciato di essere stato truffato.

Leggi il resto dell'articolo sul sito laverita.info

Ti potrebbe piacere anche

I più letti