Perché i Rohingya in Myanmar sono vittime di un genocidio

La persecuzione della minoranza musulmana del Myanmar ha tutte le caratteristiche che configurano giuridicamente questo specifico crimine contro l'umanità

myanmar

Una guardia di confine del Bangladesh guarda a vista una famiglia di profughi Rohingya. 16 settembre 2017 – Credits: DOMINIQUE FAGET/AFP/Getty Images

Claudia Astarita

-

I Rohingya sono un gruppo etnico di religione musulmana che abita prevalentemente in Myanmar, dove se ne contano circa ottocentomila. Sono stanziati nella regione da almeno mille e duecento anni e, nel corso dei secoli, sono stati oggetto di diverse persecuzioni, l'ultima delle quali sta assumendo i tetri contorni del genocidio.

Quando e come si configura legalmente un genocidio

È un vocabolo che avremmo preferito non sentire ripetere nei resoconti d'attualità e che speravamo relegato ai manuali di storia. Con genocidio, infatti, si intendono, secondo la definizione cristallizzata nelle delibere delle Nazioni Unite, gli atti "commessi con l'intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso".

È il crimine contro l'umanità peggiore, che va anche oltre le aberranti campagne di pulizia etnica che abbiamo visto essere commesse, ad esempio, nella ex Jugoslavia.

La pulizia etnica (che è il termina utilizzato dal Segretario di Stato americano Rex Tillerson), infatti, si pone a un livello di aberrazione meno grave, se così si può dire, perché punta all'eliminazione dal territorio, non alla cancellazione di un popolo.

L'obiettivo dei genocidi, infatti, é quello di eliminare completamente un gruppo dalla faccia della terra e di decretarne la scomparsa. Il genocidio a noi più noto è quello degli Ebrei ordinato da Hitler. E le vittime sono tali semplicemente perché appartengono a un determinato gruppo.

Perché quello contro i Rohingya è un genocidio

Stiamo assistendo a qualcosa di analogo in Myanmar, per giunta ad opera di un governo che ruota attorno alla figura del Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi?

Purtroppo, i segnali sembrerebbero proprio condurre verso una risposta positiva.

La Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Crimine di Genocidio identifica anche quali sono gli atti in cui si concretizza il crimine di genocidio: uccisioni, attacchi violenti, la creazione di condizioni di vita così inumane da portare alla distruzione del gruppo, azioni volte a impedire nascite all'interno del gruppo; il trasferimento forzato di minori.

Le testimonianze atroci che arrivano dal Myanmar

La scarsità di informazioni non aiuta, ma le testimonianze di omicidi di massa di cui sono vittime persone per il solo fatto di essere Rohingya si stanno moltiplicando e ormai sembrano non esserci più molti dubbi sul fatto che l'esercito stia sistematicamente uccidendo e deportando gli appartenenti a questo sfortunato gruppo etnico.

Sebbene le statistiche ufficiali parlino di quattrocento persone uccise in non meglio precisati scontri, la realtà sembra essere ben più cupa. Un rapporto pubblicato pochi giorni fa da Medici Senza Frontiere parla di 6.700 Rohingya assassinati (di cui 730 bambini) nel primo mese di persecuzioni, tra agosto e settembre, e di violenze che proseguirebbero su larga scala.

Non solo: ai superstiti non sarebbe concesso nemmeno di fuggire nei Paesi confinanti, visto che le vie di uscita dal Myanmar sarebbero state minate. Proprio questo è il segnale più preoccupante della gravità di quanto sta avvenendo, perché dimostra che il disegno ordito a Yangon sarebbe proprio quello di commettere un genocidio in piena regola.

Le responsabilità di Aung San Suu Kyi

Da mesi la comunità internazionale punta il dito contro il silenzio della leader democratica del Myanmar, che non solo non ha mai denunciato le violenze contro la minoranza musulmana, ma continua a non rispondere a tutti gli appelli che la invitano a mettere fine a questa tragedia. L'ultimo è di un paio di giorni fa, ed è arrivato da Ra'ad Al Hussein, il Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Al telefono con Aung San Suu Kyi, il funzionario le avrebbe detto "sono stati commessi crimini atroci nel tuo paese, per favore fai qualcosa per fermarli", e la leader avrebbe risposto "tutto questo è terribile, e di certo vogliamo capire cosa sta succedendo".

Poi, però, il governo birmano ha inviato una nota alle Nazioni Unite sostenendo che fossero stati commessi molti errori nel rilevamento e nell'interpretazione dei fatti. Chiudendo per l'ennesima volta la questione senza dare una risposta e senza prendersi responsabilità.

Non c'é dubbio che il vero responsabile di quanto stia succedendo sia il Comandante in Capo dell'Esercito, il Generale Aung Min Hlaing.

Tuttavia, se in un primo momento il silenzio di Aung San Suu Kyi poteva essere giustificato dal tentativo di evitare che l'esercito dichiarasse lo Stato di Emergenza per riprendere definitivamente il controllo del paese, alla luce delle atrocità commesse fino ad oggi la linea del non intervento non è più accettabile. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rohingya, le parole di Francesco per i musulmani perseguitati in Myanmar

Il pontefice in ginocchio davanti a 16 profughi: La presenza di Dio si chiama anche Rohingya. Stiamo vicino a loro perché siano riconosciuti i loro diritti

Myanmar: chi sono i Rohingya, minoranza musulmana perseguitata

Privati della cittadinanza, rifiutati da tutti, rappresentano l'ombra più scura della Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi

Myanmar, i Rohingya schiacciati fra repressione etnica e guerriglia

I miliziani dell'Arsa contribuiscono ad aggravare la condizione della minoranza musulmana che vive nello stato occidentale dell'Arakan

Rohingya: come fermare la pulizia etnica

Accanirsi contro Aung San Suu Kyi è inutile. Bisogna dialogare coi militari coinvolgendo anche Cina, India e Bangladesh

Dal Myanmar al Bangladesh: la tragedia in mare dei Rohingya in fuga - Foto

Erano in 130, quasi tutti donne e bambini, si sono salvati in 4. Intanto il governo birmano nega la pulizia etnica e contesta l'allarme lanciato dall'Onu

Myanmar, Aung San Suu Kyi e i Rohingya: ecco cosa ha detto

Parlando di "musulmani", ha affermato che la situazione non è "così tragica" pur manifestando "preoccupazione" nei confronti "di chi soffre"

La tragedia dei Rohingya in Myanmar: la denuncia dell'Onu

Le Nazioni Unite parlano di "pulizia etnica". Ecco anche gli appelli rivolti alla leader Aung San Suu Kyi da Dalai Lama, Iran e Casa Bianca

Commenti