Esteri

Perché gli armeni non vogliono le figlie femmine

Terza solo alla Cina e all'Azerbaigian per tasso di aborti selettivi perde ogni anno 1.400 bambine

Mid section of pregnant woman standing in corridor

Chiara Degl'Innocenti

-

In Armenia ci sono donne che non vedremo mai perché non nasceranno mai. Inizia così la denuncia riportata sul Guardian che si ispira al saggio di Amartya Sen "donne scomparse" il cui tema trattato è appunto la selezione prenatale del sesso nell'ex Repubblica sovietica.

I dati

La maggior parte degli armeni conosce il problema. Qui gli aborti selettivi, illegali dal 2016, fanno raggiungere il numero spaventoso di 1.400 bambine mai nate all'anno. Dati che sconcertano sopratutto pensando che, se le tendenze non saranno invertite, l'Armenia avrà perso quasi 93mila donne entro il 2060.

Pensare a questo tema fa venire in mente Cina e India. Invece nella regione orientale del Gavar il numero delle bambine abortite è tra i più elevati. Alcune donne arrivano all’interruzione della gravidanza anche 9/10 volte. Con una popolazione di poco meno di 3 milioni di abitanti, l'Armenia ha il terzo più alto tasso di aborti di femmine nel mondo. Prima resta la Cina, secondo si attesta tristemente l'Azerbaigian.

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa), che dal 2010 raccoglie dati in tal senso, ogni 115-120 ragazzi nati vengono alla luce solo 100 ragazze.

Le cause

Tra le cause della selezione del sesso in Armenia c'è quella di assicurare la discendenza familiare: i maschi sono considerati un investimento, anche quando si sposano restano vicini ai genitori, al contrario delle ragazze che, secondo alcune credenze, lascerebbero la casa d’origine per trasferirsi in quella del marito mancando quindi di un aiuto concreto a tempo indeterminato.

Inoltre lo sviluppo tecnologico, applicato alla diagnostica prenatale precoce, ha fatto sì che i genitori vengano a conoscenza del sesso del bambino prima della sua nascita "facilitando" così la scelta al maschile.

Grazie alla campagna del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione il governo armeno ha iniziato a sostenere le donne prevedendo la loro partecipazione a una sessione di consulenza con il proprio medico per poi attendere tre giorni prima di abortire. Un disincentivo che, unito al fatto di aver reso illegale l'aborto, ha portato nel 2014 a stabilire che il rapporto tra tutti i nati era di 114 ragazzi per 100 ragazze, mentre nel 2017 i numeri sono passati a 110 bambini per ogni 100 bambine.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché l'Irlanda legalizzerà l'aborto

A fine maggio il referendum per modificare "una delle più severe leggi europee in materia di interruzione di gravidanza". Parola del premier Leo Varadkar

Polonia, donne in piazza contro il no all'aborto

Nuova ondata di manifestazioni contro il divieto dell'interruzione di gravidanza. In migliaia per manifestare nonostante il freddo e la neve

Commenti