Elezioni: cosa dicono le corse clandestine
PATRICK SMITH/GETTY IMAGES
Elezioni: cosa dicono le corse clandestine
News

Elezioni: cosa dicono le corse clandestine

Dal Veneto alla Puglia: le indiscrezioni dalle scuderie in corsa a quattro giorni dal voto in alcune regioni italiane

D'UN SOFFIO IL CAVALLO SALERNITANO

ANSA/CIRO FUSCO

Quando mancano quattro giorni al voto in Campania, Liguria, Umbria, Veneto, Marche scocca puntuale l'ora delle corse clandestine dopo il black out proclamato dal Garante. Ecco le indiscrezioni dalle scuderie, a cominciare da quella campana.

------

Fan Sherìf prende subito il comando, accumulando un vantaggio di qualche secondo sul campione in carica Chaud’Or. Nell’ultimo giro, però, i rapporti di forza cambiano: Fan Sherìf va un po’ in difficoltà e non riesce a tenere il ritmo della prima metà della gara, Chaud’Or accorcia le distanze e alla fine è sprint per l’oro. La spunta lo sceriffo salernitano che vince con 37” sul miglio distaccando Chaud’Or di un’incollatura, con 36,5”. Staccato ma non troppo c’è il pentastellato Igor Carambà che chiude a 21”. Nelle retrovie è sempre bagarre per la medaglia di legno: la spunta anche questa volta con 3,5” General de Moule che sopravanza di pochissimo Mark Expo, il sorprendente puledro napoletano che chiude ultimo a 2 secondi ma in splendida forma.

LIGURIA: LIEVE VANTAGGIO PER FAN PATE'

Raffaella Paita, candidato Pd alla regione Liguria, e Giovanni Toti, sostenuto dal centrodestra GETTY IMAGES


Corre per la prima volta in terra ligure, Varien, il fantino originario della Toscana ma residente in Liguria, che sfida la favorita Fan Paté, un’affascinante purosangue locale per cui stravede il leader fiorentino della scuderia Fan Idole.  La purosangue genovese ripudiata da un bel pezzo della scuderia Fan Idole chiude il miglio in 30” netti: non è un tempo buonissimo, ma è quanto basta per distanziare Varien, fermo a 28” ma apparso  in ottima forma. Terza piazza e medaglia di bronzo per Igor Sauveur, con i suoi 20” fa segnare il miglior tempo tra i cavalli del suo Movimento Equestre. A sette lunghezze di distacco, in 13 secondi, arriva Petit Berger, scissionista della scuderia Fan Idole.



PUGLIA: STRAVINCE IL PUROSANGUE BARESE

Michele Emiliano ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Con uno schieramento di partenza estremamente frammentato sul lato destro, c’erano pochi dubbi sulla vittoria di Fan Arc-en-ciel nella prima corsa d’avvicinamento al Gran Prix di Puglia che si svolgerà il prossimo 31 maggio. l’ex dominatore del GP di Bari ha confermato le attese della vigilia, correndo all’Ippodromo del NordEst in 43″ netti. Al secondo posto, per un soffio, ma pesantemente staccato,  Médicienne sur épais, puledro scissionista sostenuto dagli ormai-ex Varenne che ha chiuso in 20″ battendo proprio sul filo di lana il pentastellato Igor Efféminé (19″). Al quarto posto Poles Baroque, il cavallo ufficiale della scuderia guidata da Burlesque, l’ex vincitore del GP di Lecce che non è andato oltre un deludente 16″ netto.

VENETO: BIS PER IL CAMPIONE IN CARICA

Il Governatore del Veneto, Luca Zaia (Credits: GIUSEPPE GIGLIA/AFP/Getty Images)

Vince in scioltezza, all'ippodromo veneto, Alberto Contador che percorre  il giro in 40”–44” contro il deludente purosangue Fabio Aru, che si ferma a 29″–33″, e  Roman Kreuziger, al terzo posto, il fantino veronese che avrebbe voluto fare lo sgambetto al suo ex capitano Contador. Il suo 11″–15″ è comunque un tempo migliore di quello con cui percorre il giro il pentastellato Richie Porte che taglia il traguardo in 9″–13″

TOSCANA SICURA, MARCHE E UMBRIA PIù APERTE

Enrico-Rossi Enrico Rossi, governatore della Regione Toscana Silvia Morara

Nessun problema, per la scuderia del fantino fiorentino, nelle Marche, dove Fan Bougie percorre il giro in 34” distaccando l'ex numero uno Scissienne, fermo al 27” e Igor May, delle cinque stalle, a 20”. Ancora più sicura dovrebbe essere la vittoria del fantino Fan Rouge in Toscana, che percorre il GP in 46" contro i 14” Groom des Village e di  Igor Jean aux Rally. Più incerta la gara in Umbria dove il favorito Fan du Mer, sostenuto dalla scuderia fiorentina, stacca sul rettilineo finale l’azzurro Bouclé (36,9"), percorrendo il giro in 38,5".

 

 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti